L' atelier dei miracoli

Valérie Tong Cuong

Traduttore: R. Fedriga
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 28 settembre 2017
Pagine: 215 p., Brossura
  • EAN: 9788850246656
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,59

€ 7,22

€ 8,50

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    19/02/2015 22:10:36

    Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro, l'ho letto perché mi è capitato sotto mano ma una volta iniziato devo dire che mi è piaciuto molto. La cosa che mi ha stupito di più è la scorrevolezza della lettura: inizi dalla prima pagina e ti ritrovi a metà libro senza accorgertene, proprio perché il modo di scrivere è talmente fluido da far scorrere veloci le frasi. Nonostante di solito il mio genere sia altro, sono contenta di averlo letto.

  • User Icon

    Elisabetta

    26/08/2014 10:18:17

    Purtroppo il libro non mi è piaciuto. L'idea della storia è apprezzabile, ma lo sviluppo no. Trovo che ci sia mancanza di coerenza tra il titolo e la trama, quali sono i miracoli?

  • User Icon

    Bianca

    06/08/2014 17:53:12

    Davvero una grossa delusione. Finito giusto per sapere come finiva e perché è molto corto. Da evitare.

  • User Icon

    niky 63

    01/06/2014 00:17:16

    Peccato perdere buone occasioni, perché l'idea della trama non era male... Ma il libro è scontato, superficiale, grezzo. Scritto davvero male. Veramente un brutto libro, banale e irritante. Non capisco il suo successo editoriale. Forse per la copertina accattivante?

  • User Icon

    ales

    09/05/2014 09:02:18

    Voto tre come tre sono i protagonisti del romanzo. Non male come storia, forse solo un po' confusionaria in certi punti. Per apprezzarlo davvero va letto fino in fondo e questo non è un problema visto che senza dubbio la storia cattura, ma nel corso del romanzo possono sorgere molti dubbi sulla bontà delle persone indipendentemente da quali siano i loro obiettivi. Promosso con riserva.

  • User Icon

    Miracle

    17/04/2014 22:13:20

    Chiunque sia a dare un titolo al libro (editore, editor, agente, più raramente l'autore stesso) non è mai un caso. "L'atelier dei miracoli" (Salani) di Valérie Tong Cuong, oltre a essere un libro possessivo, nel senso che si vuole solo far leggere (non ti molla, ma uno avrebbe anche altre cose da fare e come si fa), oltre a dipingere meravigliosamente bene i personaggi dalla loro facciata fino ai risvolti negativi, ovvero a quella famosa ombra nera che tutti abbiamo e che, proprio essa, ci rende belli, contiene di miracoloso la forza di una scrittura potente e straordinaria, dalla rara sensibilità che mi ha lasciata a bocca aperta.

  • User Icon

    patrizia

    13/04/2014 18:13:43

    Ho letto questo libro aspettandomi ciò che la "fascetta" prometteva: la ricerca della felicità.I tre protagonisti si muovono sembra con tanto amore e buona volontà,invece tutti mentono e tramano anche con crudeltà.Nelle ultime pagine le rivelazioni che però non spiegano molto.Da non dimenticare gli errori di battitura.Beati i libri con il correttore di bozze e non il correttore automatico!

  • User Icon

    betty

    07/04/2014 12:42:32

    Un libro carino,lettura scorrevole e coinvolgente al punto giusto! Fa riflettere sui rapporti umani e sui comportamenti.. i personaggi rappresentano ognuno uno specifico prototipo con pregi ma per lo più difetti! fa riflettere e lascia l'amaro in bocca....

  • User Icon

    mjb

    07/04/2014 00:55:35

    è un racconto carino,godibile e votato all'ottimismo, fa leva sulla volontà dei tre protagonisti di tornare a vivere e riscoprirsi grazie all'atelier dei miracoli...l' occasione che aspettavano. Il voto è basso perchè personalmente trovo che sia scritto in modo molto semplice, forse un pò troppo scorrevole data la delicatezza dei temi trattati, con finale un pò affrettato.

  • User Icon

    paola

    05/04/2014 21:18:19

    Nonostante l'input di narrazione sia interessante ,la storia si snoda difficilmente e scorre poco. Noioso e poco coinvolgente.

  • User Icon

    Lucia G.

    30/03/2014 18:25:09

    Un libro bellissimo, coinvolgente e positivo. In certi periodi della vita si ha bisogno di parole rassicuranti e di letture che ti abbraccino. L'autrice è riuscita nel suo intento: incatenare il lettore al racconto. Lo consiglio!

  • User Icon

    sonia

    24/03/2014 13:49:02

    Libriccino gradevole, ma niente di eccezionale. Giusto per passare qualche ora, di cui però non rimarrà alcun ricordo.

  • User Icon

    Roberta

    18/03/2014 23:52:10

    Il romanzo indaga la complessità dei rapporti umani e l'approccio e le reazioni di ciascun essere umano ai casi della vita. La capacità di risollevarsi da un qualsiasi evento fortuito, l'umiltà insita nel chiedere aiuto, l'altruismo disinteressato e non, sono temi trattati, a mio avviso, in maniera semplicistica e affrettata. Forse una scelta voluta dall'autrice, scelta che non condanno ma che nemmeno mi sento di condividere. Carino e scorrevole ma "inconcludente", passatemi il termine!

  • User Icon

    giovanni

    18/03/2014 18:05:05

    Buon libro sul cinismo dell'animo umano. Anche l'amicizia, apparentemente disinteressata, ha un prezzo. E non è detto che sia alla portata di tutti.

  • User Icon

    FabCat

    11/03/2014 20:56:11

    La premessa è sicuramente di grande presa, ed è molto interessante che i tre "casi umani" protagonisti, Millie, Mike e Mariette, siano molto diversi fra loro, sia per estrazione sociale e cultura, sia per personalità. È ancor più interessante che ognuno di loro racconti in prima persona la propria toccante storia, a capitoli alterni. Peccato che il tono sia sempre lo stesso, senza una caratterizzazione tipica, quindi l'ex-militare si esprime con lo stesso linguaggio della docente, moglie del politico. Perfino l'elemento thriller che a un certo punto si inserisce nel racconto e che offusca con un velo di ambiguità il personaggio del benefattore Jean, non riesce a dare alla storia quel colpo di coda che ci si aspetta e che avrebbe reso meno scontata la domanda "È davvero possibile fare del bene senza chiedere nulla in cambio?".

  • User Icon

    Francesco

    11/03/2014 13:07:03

    Mi sono ricordato di quando, ancora ragazzo, acquistavo i supertascabili alla grande edicola della stazione ferroviaria. Erano romanzetti rosa, gialli, polpettoni pseudo-storici. E la lettura del libro di Valerie Tong Cuong mi ha fatto riaffiorare alla memoria questo ricordo. Ho cercato disperatamente un'emozione, una frase che mi colpisse, inutilmente. Ed ecco il ricordo di vecchie letture da leggere la domenica quando non hai di meglio da fare o d'estate sotto un ombrellone. Ecco l'inconsistenza, l'inutile leggerezza di un libro che nulla lascia se non noia.

  • User Icon

    Chiara

    05/03/2014 12:50:12

    Davvero bellissimo, l'ho letto in un giorno.... scritto bene, originale, forse improbabile, ma piacevole. Da regalare a chi vuole evadere e farsi un carico di sentimenti e bontà!!!

  • User Icon

    Annalisa

    28/02/2014 18:20:52

    Non mi e' affatto piaciuto...improbabile e scontato.

  • User Icon

    cesare

    27/02/2014 17:19:27

    meglio di una seduta da una brava psicoterapeuta . personaggi meravigliosi e sorprendenti , inizio lento, ma si riprende benissimo per diventtare una gioia la lettura

  • User Icon

    Anna

    25/02/2014 19:52:51

    Un libro veramente molto bello. Complimenti alla scrittrice che in un'opera di poco più di 100 pagine è riuscita egregiamente a delineare dei personaggi nelle loro molteplici sfumature psicologiche e sociali, con tutte le loro difficoltà esistenziali e soprattutto la voglia di rimettersi in gioco e riprendersi la propria vita. La figura di colui che aiuta i personaggi ed allo stesso li manipola può sembrare antipatica di primo acchitto ma spiega bene dov'è il confine tra il voler aiutare le persone ad aiutarsi e il controllarle in nome di un "bene" che solo i diretti interessati possono decidere ed eventualmente scegliere. Un libro che fa riflettere sulla vera natura dell'amore, dell'amicizia, e dell'aiuto che spesso non è affatto disinteressato, anzi. Consigliatissimo.

Vedi tutte le 32 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione