La ballata di Mila - Matteo Strukul - ebook

La ballata di Mila

Matteo Strukul

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 396,26 KB
Pagine della versione a stampa: 198 p.
  • EAN: 9788866320739
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Due gang di criminali che si contendono il territorio veneto: quella dei Pugnali Parlanti, affiliata alle triadi cinesi, e una cosca locale che fa capo al sanguinario Rossano Pagnan. In mezzo a tutto questo una donna spietata e pronta a sparigliare le carte. Abbandonata dalla madre, violentata da una banda di criminali che le ha massacrato il padre, Mila Zago è una killer a sangue freddo, un’assassina definitiva. Cresciuta dal nonno sull’altopiano dei Sette Comuni secondo i codici di un’educazione marziale, è tornata dal passato per attuare una vendetta esemplare. Per far questo, nella più classica delle tradizioni, metterà cinesi contro veneti in un doppio gioco che ricorda un classico del cinema come Per un pugno di dollari. Forte di un ritmo sincopato e rapidissimo, di scene d’azione mozzafiato, di continui cambi di prospettiva e di un intreccio a orologeria, La ballata di Mila rinnova il pulp-noir italiano attraverso una storia sabot/age che riesce a indagare con attenzione il fenomeno della mafia cinese a Nordest e lancia nel mondo editoriale un nuovo personaggio femminile, formidabile e dirompente, che spezza le consuete geometrie narrative: Mila Zago aka Red Dread.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,39
di 5
Totale 7
5
0
4
2
3
2
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Raffaella

    19/09/2018 19:03:43

    La storia ha un ritmo coinvolgente la protagonista che ricorda a tratti il personaggio kill bill e impegnata a realizzare una vendetta. I personaggi risultano ben delineati e non stancano. L'unica pecca è la seconda parte che risulta molte scontata.

  • User Icon

    Isabella

    19/09/2018 03:18:23

    Mi aspettavo qualcosa di più, verso la metà comincia ad essere noioso

  • User Icon

    Chicchina1306

    18/09/2018 14:30:13

    Ho trovato questo libro intrigante fin dalle prime pagine, soprattutto per l’atmosfera a metà tra il pulp e il romanzo d’inchiesta. Anche se in realtà l’elemento fumettistico prevale, l’ambientazione nel nord est Veneto mi ha riportato in mente le vicende di Felice Maniero e della “mala del Brenta” che hanno dominato quei territori per decenni. Tutto sommato una lettura piacevole d’evasione. Lo consiglio a chi ama il genere pulp.

  • User Icon

    Biagio

    26/07/2018 11:09:39

    Acquistato come ebook, l'ho letto con vero piacere. La storia in alcune parti va un pò al di sopra della possibile realtà, ma.... è una storia, Personaggi ben delineati e non ci si perde in descrizioni inutili.

  • User Icon

    supertramp

    30/05/2012 10:12:11

    finito ieri. romanzo pulp con velleità da libro di inchiesta. l'idea di raccontare mentalità e meccanismi della mafia cinese era buona. il problema è che sembra che l'autore si sia documentato raccogliendo qualche articolo del gazzettino o poco piu. un po poco per parlare di una realtà così impenetrabile. il personaggio di mila un mix tra uma thurman di kill bill e nikita. assolutamente esagerato ma essendo un libro pulp certe forzature ci stanno. nel complesso bellino, scritto discretamente bene anche se certi dialoghi non girano e suonano un po stereotipati. come anche i nomi dei cattivi. musso, trippa, poenta. mancavano solo baccalà, costata, fasoi e vin rosso e il menu era completo. il problema a mio avviso è che oltre al nome da deficienti i cattivi agivano anche come dei deficienti (..come se gli efferati soldati di un'organizzazione criminale non fossero una cosa seria..). e infatti l'eroina Mila a furia di calci rotanti e alabarde spaziali prima o poi li riduce tutti a pezzi. personalmente mi veniva più da simpatizzare per loro. voto 2 di incoraggiamento.

  • User Icon

    Trombettiere

    24/01/2012 10:06:38

    La lettura prende subito e si presenta in modo interessante, ma addentrandosi nella trama, proprio Mila che è il punto di forza iniziale del romanzo, perde consistenza, credibilità e diventando banale assurge a un ruolo talmente caricaturale da svilire le stesse doti narrative di Strukul. Ha contribuito alla caduta d'interesse anche l'eccessiva costruzione psicologica del personaggio fin dall'infazia, che peraltro ho trovato di poca dote inventiva. La copertina è irritante perchè ricorda quella del capolavoro di Enrico Pandiani: "Troppo piombo". In conclusione "La ballata di Mila" di Matteo Strukul è un libro che può tranquillamente mancare nelle nostre librerie.

  • User Icon

    Mr

    22/11/2011 09:31:54

    Parte bene, ma si spegne dopo la metà, diventando scontato e (quasi) banale.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Matteo Strukul Cover

    Scoperto da Massimo Carlotto, ha pubblicato presso le Edizioni e/o La ballata di Mila (vincitore del Premio speciale Valpolicella 2011 e semifinalista al Premio Scerbanenco 2011) e ha anche scritto la sceneggiatura del fumetto Red Dread (Lateral Publish 2012), basato sulle avventure dell'eroina del suo primo romanzo, Mila Zago, disegnato da Alessandro Vitti e vincitore del Premio Leone di Narnia 2012 come miglior fumetto seriale italiano.Laureato in Giurisprudenza e dottore di ricerca in Diritti europeo dei contratti, collaboratore con "Il Mattino di Padova", "La nuova di Venezia e Mestre" e "La tribuna di Treviso". Ha inoltre ideato e fondato Sugarpulp, movimento letterario veneto che ha ricevuto la benedizione di Joe R. Lansdale e Victor Gischler, nonché direttore artistico dello... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali