Balzac e la Piccola Sarta cinese

Sijie Dai

Traduttore: E. Marchi
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 5
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 giugno 2004
Pagine: 176 p., Brossura
  • EAN: 9788845918995
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,94
Descrizione
La storia di questo libro racconta di come la lettura, grazie alla segreta malia di una misteriosa, preziosissima valigia di libri occidentali proibiti, riesca a sottrarre due ragazzi, colpevoli soltanto di essere figli di "sporchi borghesi", a svariate torture e permetta anche a uno di loro di conquistare la "Piccola Sarta cinese". Così, pur vivendo in mezzo agli orrori della rieducazione, i due ragazzi e la Piccola Sarta scopriranno, in virtù di qualche goccia magica di Balzac, che esiste un mondo fatto di pura, avventurosa bellezza. Attraversando, nel frattempo, rocambolesche avventure.

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 7,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Azzurra

    23/09/2018 17:59:53

    Il libro è piacevole e si legge in poco, ma la rivoluzione culturale cinese e i campi di rieducazione in cui vengono mandati i ragazzi protagonisti rimangono sullo sfondo non conferendo profondità alla storia.

  • User Icon

    Dario

    12/05/2015 16:08:12

    Nella Cina degli anni 70 due giovani ragazzi vengono spediti in uno sperduto villaggio per essere rieducati. Lavorano duramente nei campi sotto lo sguardo severo del capo villaggio e conducono una misera vita. Dopo aver conosciuto la bellissima figlia del sarto più famoso della regione ed essere venuti in possesso di una valigia piena di libri occidentali proibiti scoprono l'amore, l'avventura e la passione che li porta a vivere nuove ed intense esperienze. Libro molto godibile nella parte iniziale ed in quella centrale; purtroppo il finale lascia un senso di incompiutezza che tradisce le attese del lettore.

  • User Icon

    Daniele

    20/01/2012 20:43:22

    ... sicuramente molto più bello del libro "Il signor Muo e la Vergine cinese" tuttavia a parte qualche battuta ironica sull'organizzazione e pensiero sulla "Rieducazione" non è un gran che... pensavo meglio...

  • User Icon

    Francesca

    15/11/2011 19:34:28

    Non mi è piaciuto molto, l'ho trovato includente. Insomma, Dai Sije ambienta la storia del protagonista (mi piace il fatto insolito che non venga mai nominato) e dell'amico Luo in un contesto storico importante ed interessante, che mi sarebbe piaciuto avesse approfondito. Non sarebbe risultato noioso se fosse stato visto dagli occhi dei ragazzi, invece lo accenna appena per spiegare l'importanza valigia di libri. I sentimenti del protagonista verso La Piccola Sarta risultano indefiniti, insomma non si capisce se sia innamorato o se provi soltanto desiderio d'affetto e di avere un rapporto con lei come quello dell'amico Luo. Credo che con qualche pagina di approfondimento in più l'autore sarebbe riuscito a completare in meglio il romanzo. E poi, alla fine cosa comunica, cosa denuncia? Per me è inconcludente e poco approfondito sotto ogni punto di vista.

  • User Icon

    cristina

    09/11/2011 09:00:26

    Un'ambientazione molto lontana dal nostro mondo occidentale, ho fatto fatica ad entrare in empatia con quell'atmosfera. L'amore per la letteratura, l'amicizia e la passione fra tre ragazzi ventenni nella Cina maoista sono trattati a mio parere in modo freddo e distaccato, si fa davvero fatica a lasciarsi coinvolgere dai personaggi e dalle loro vicende.

  • User Icon

    ferdinando

    06/05/2010 18:24:57

    ? Certo, viene ben raffigurata la terribile rieducazione maoista (cinema a go-go, anche se nord-coreano e qualche volta lo stesso film, un mese di licenza per assistere la mamma malata, un bel po' di tempo libero: mi ero fatta un'idea diversa della terribile Cina rivoluzionaria e della Rivoluzione Culturale; da noi i clandestinistanno molto peggio dei nemici del popolo nell'ex-Celeste Impero), certo, si legge (per fortuna è corto). Ma poi? Qual è il messaggio? Cosa denuncia? Non riesco proprio a capire tutte le recensioni entusiastiche, mentre trovo che quelle negative contengano ognuna la sua parte di verità.

  • User Icon

    Giulia Camarda

    16/12/2009 15:13:37

    In una Cina sotto la dittatura di Mao due ragazzi vengono mandati nelle campagne per essere "rieducati". Tra le montagne scoprono un segreto celato da una valigia e scoprono la letteratura e l'amore per i libri condannati dal loro paese. Bel libro, scorrevole, interessante e poetico

  • User Icon

    Elisa

    02/03/2009 18:21:05

    Mi ha lasciato un bellissimo ricordo. Delicato, intelligente, bello bello bello. Un unico neo: perchè si racconta così poco della Piccola Sarta?

  • User Icon

    fiorilu'

    06/12/2007 23:00:41

    questo libro fa venire voglia di leggere anche a chi gia' e' amante della lettura, immaginiamo a chi odia leggere!? Secondo me e' perfetto come lettura delle superiori (anche perche' i protagonisti hanno quell'eta') al contrario dei classici stessi citati nel romanzo che invece vengono fatti leggere a forza e risultano spesso odiati perche' per essere capiti meglio necessitano di una maturita' che si raggiunge solo con l'eta'. inoltre dato il background storico-sociale della trama si possono fare molte riflessioni di diverso carattere. infine prendendo spunto dalle letture dei protagonisti si possono leggere e apprezzare meglio i classici. e' un romanzo che consiglio a tutti per la sua semplicita', il suo potere evocativo e l'ingenuita' poetica di certe scene.

  • User Icon

    Babbo

    07/11/2007 22:01:31

    Consiglio vivamente a tutti di leggere questo libro...Parola chiave "leggerezza".

  • User Icon

    Denise

    17/01/2007 15:30:06

    Veramente bello, scorrevole e interessante! Solo 176 pag. per un libro che è un inno al potere dei libri. Anche il finale è coerente. Dimostra come anche solo un libro può aprire nostri orizzonti. Molto interessante anche la descrizione della rieducazione dei dissidenti in Cina durante la rivoluzione culturale.

  • User Icon

    summer81

    16/01/2007 09:36:15

    bello, dolce e triste allo stesso tempo..

  • User Icon

    star

    12/10/2006 10:50:49

    Delizioso Un libro molto delicato nonostante alcuni aspetti un po' drammatici del contesto storico! Uno stile letterario apprezzabilissimo! Mi è piaciuto molto, lo consiglio vivamente!

  • User Icon

    nessuno

    04/07/2006 01:10:18

    davvero evanescente, non lascia alcuna emozione se non la viva sensazione di aver perso tempo con un libro scialbo e pieno di pretese ma privo di sostanza e soprattutto scritto in modo da accalappiare lettori "facili"non avvezzi alla buona letteratura. un consiglio: LEGGETE SARAMAGO!altra storia....

  • User Icon

    Monica

    04/06/2006 16:15:11

    Libro magnifico. Esprime tutta la drammaticità della rieducazione, prolungata dopo una intensa rivoluzione culturale, ma, nello stesso tempo, alleggerita dalla magia dei libri occidentali. Ai ragazzi è permesso conoscere solo in questo modo la realtà e l'induividualità, che caratterizzano i Paesi europei, ma che sono assolutamente sconoscuti alla Cina del tempo. Il finale lascia un po' l'amaro in bocca per i più romantici, perché credo sia desiderio comune quello di vedere insieme i due innamorati, felici e contenti, per il resto della loro vita, magari nella città di provenienza di Luo. Ma nonostante tutto, la figura della Piccola Sarta è estremamente positiva. Rappresenta la donna emancipata d'oggi, che ha il coraggio di fare delle scelte senza essere vincolata da niente e nessuno. Questo libro è scritto con uno stile vivace, per niente noioso. Ho trovato le descrizioni degli ambienti ben sviluppate e gli avvenimnetti incalzanti, senza ripetizioni noiose. Da consigliare agli amici.

  • User Icon

    beatrice_91

    10/04/2006 15:27:30

    questo libro non mi è piaciuto molto perchè l'ho trovato un po' troppo descrittivo... secondo me, solo in certi punti è stato emozionante da tal punto di sfogliare le pagine in un batter d'occhio; ma in altri punti l'ho trovato proprio orribile e ho dovuto girare di pagina in pagina solo perchè è un compito per la scuola...ciao a tutti!

  • User Icon

    serena

    22/12/2005 10:57:36

    E la piccola sarta??? Dovrei dire che questo libro mi è piaciuto, ma che mi sarei aspettata di più... se non fosse per il finale, assolutamnete originale, un vero fulmine a ciel sereno capace di illuminare tutta la storia. Le ragioni per le quali mi sarei aspettata di più sono lo scarso approfondimento psicologico della protagonista, la piccola sarta appunto, che resta sempre una figura enigmatica ed in un certo senso ''lontana'' per il protagonista e la scarna descrizione dei libri che invece assumono un ruolo così importante per i due protagonisti. Per il resto è un libro davvero delizioso e molto leggibile. Poi, improvvisamente, ecco un finale folgorante! Davvero bello, leggetelo! E se vi è piaciuto questo vi consiglio anche: ''Cigni selvatici'' di Jung Chang ed. Tea.

  • User Icon

    francesca

    15/12/2005 16:46:12

    no, a me non è piaciuto: non mi ha fatto vivere emozioni, nè mi ha lasciato particolari ricordi...

  • User Icon

    Martina

    05/09/2005 10:07:21

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo.. anche se la fine mi ha deluso; essendo un'amante delle storie d'amore speravo che Luo scapasse via da quella Cina comunista con la piccola sarta e ,come l'autore stesso, si rifugiasse in un paese civilizzato eropeo.... la trama è ben delineata e le descrizioni molto curate, il libro è semplice da leggere e lo consiglierei a tutte le persone sopra i 10 anni è STUPENDO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    marilia

    02/09/2005 09:10:02

    talmente leggero da risultare inconsistente talmente evanescente da risultare effimero la lettura è così veloce che passa in un soffio e in un battito di ciglia si dimentica

Vedi tutte le 50 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione