Traduttore: A. G. Calabrese
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 novembre 2013
Pagine: 500 p., Brossura
  • EAN: 9788807882937
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Un lunedì mattina, a pochi chilometri da Copenaghen, due giovani studenti, fratello e sorella, arrivano a scuola di buon mattino. È ancora presto per l'inizio delle lezioni, così, per ingannare l'attesa, il più piccolo decide di andare a giocare a palla in palestra. Ma lì, tra lo stupore e l'orrore, si trova davanti una scena terribile: dal soffitto pendono i corpi mutilati di cinque uomini, impiccati secondo uno schema rituale studiato nei minimi dettagli. È la fine delle vacanze di Konrad Simonsen, il commissario che "ama gli angoli retti e le relazioni coerenti" e le partite a scacchi. Proprio quando stava finalmente godendosi un po' di riposo, Simonsen viene bruscamente richiamato in città: deve assumere la direzione dell'indagine per la quale ha a disposizione tutta la Sezione Omicidi e mezzi illimitati. Un caso così delicato, la cui eco in un attimo attira l'attenzione della stampa nazionale, impone anche di scomodare il vecchio capo Kasper Planck da cui il commissario cerca ancora di imparare il sesto senso e un'invidiabile capacità di trattare con i media. L'indagine da subito si allarga ben oltre i confini della scuola e assume contorni sempre più inquietanti. Su internet prende piede una sconvolgente campagna mediatica da cui scaturisce una vera e propria caccia alle streghe. In breve una domanda, un dubbio etico, rimbalza di bocca in bocca per tutto il paese: la gravità del reato legittima la ferocia dell'esecuzione? E qual è la differenza fra un'esecuzione e un omicidio?

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 4,86

€ 9,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuly

    13/06/2018 09:26:56

    Vittime che sono in realtà criminali della peggior specie e colpevoli che sono stati in passato povere vittime innocenti; giustizia privata che si sostituisce a quella pubblica; l'ombra lunga della pedofilia. Temi interessantissimi in una trama fitta, complicata, ingarbugliata, resa con uno stile poco chiaro e molto faticoso. Concordo con i lettori che mi hanno preceduta: a volte i fatti sembrano sbucare dal nulla senza un filo logico. Il danese davvero non aiuta, così come non aiuta citare i personaggi un po' per cognome, un po' per nome, un po' per soprannome. Troppa confusione e poco pathos. Peccato, un'ottima occasione sprecata: poteva essere un capolavoro, così è solo senza infamia e senza lode.

  • User Icon

    lhl

    28/01/2015 09:25:39

    troppi personaggi, storia troppo tirata, finale deludente, buona solo l'idea.

  • User Icon

    marcostraz

    16/04/2014 09:48:24

    Libro che affronta un tema delicato e che quindi risulta interessantissimo: si può chiedere giustizia per delle vittime che sono a loro volta dei carnefici? E' sicuramente un team non facile, e già averlo affrontato secondo me fa di questo un libro da leggere...da un punto di vista "stilistico" diciamo che in generale non l'ho trovato scritto benissimo, ci sono un pò troppi passaggi a vuoto e troppe cose che spuntano fuori senza un esatto perchè...

  • User Icon

    max

    04/11/2012 09:47:03

    complicato, basso livello di suspense, difficoltoso ricordare tutti i personaggi, principalmente perchè poco carismatici poi perchè il danese non aiuta. a mio avviso freddino, mi sono lasciato ingannare dalla strepitosa copertina!

  • User Icon

    Alessio

    29/10/2012 09:55:01

    Una sorpresa questo romanzo criminale in salsa nordica. Un thriller ben congeniato che ha la grande qualità, a mio parere, di mescolare la drammaticità del tema della violenza sui minori, con l'ironia che accompagna i componenti del gruppo strategico che deve catturare gli autori degli efferati omicidi. Molto intrigante il conflitto etico/morale tra la giustizia ordinaria che deve perseguire gli assassini e il senso popolare di rivalsa che gli stessi alimentano perseguitando i pedofili. Forse il finale è leggermente scontato, se devo trovare un piccolo neo è proprio questo, manca il colpo di scena di chiusura. Però complimenti agli autori, ripeto, sorprendenti.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione