Blues, Jazz, Rock, Pop. Il Novecento americano

Ernesto Assante,Gino Castaldo

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 11 maggio 2004
Pagine: IX-909 p., Brossura
  • EAN: 9788806167110
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 13,50
Descrizione
In centodiciotto capitoli un percorso guidato nel Novecento americano. Una grande storia che va dal blues al nu-metal, passando per tutto, ma proprio tutto quello che riguarda ogni artista e ogni tendenza Usa davvero importante. Dentro la crescita di un Paese che, nel bene e nel male, è diventato il modello per gli altri. Una bussola per orientarsi nella musica di ieri, oggi e domani, e per capire la natura profonda dell'America.

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Arianna

    08/06/2004 15:43:23

    Bel libro, interessante, corposo e succulento.La musica calata nella realtà storica.Mi lascia solo perplessa l'esclusione dei Tool.Del trittico Nine Inch Nails , Ministry ,Tool, questi ultimi non vengono citati nemmeno di sfuggita.Semplicemente non ci sono.Un gruppo seminale simile del tutto assente.Non me lo so spiegare.Unico appunto e disappunto di un saggio altrimenti esaustivo

Scrivi una recensione

Dal blues, nato alla fine dell'Ottocento negli stati del Sud, alla "musica globale" dei nostri giorni, passando per il jazz, lo swing, i grandi musical, il country, il rock'n'roll, la musica di rivolta degli anni Sessanta, la black music, il pop, il rap , il metal pop, il soul, la canzone d'autore: il nuovo libro di Ernesto Assante e Gino Castaldo, giornalisti e critici musicali de la Repubblica, tratta di tutto questo e di molto altro ancora, in un repertorio entusiasmante che rivela come sia nata la musica che tutti abbiamo ascoltato e che ancora ascoltiamo. Nell'introduzione del volume gli stessi autori sottolineano i motivi che hanno ispirato e guidato il loro lavoro: «Tutta la musica che ascoltiamo oggi, con pochissime eccezioni, deriva dalle grandi famiglie della musica… Per l'irripetibile formazione storica e antropologica, gli Stati Uniti sono stati un immenso laboratorio nel quale, tra l'altro, si è formata quella che più o meno universalmente gli uomini e le donne del mondo occidentale intendono come musica popolare… Da questo punto di vista, il racconto della musica americana del Novecento è il racconto della musica dei nostri tempi.» Non solamente rivolto ai cultori e agli esperti in materia ma anche agli appassionati e a coloro che si interessano ai grandi fenomeni storici e sociali, questo libro è uno strumento piacevole e utilissimo per comprendere la musica di oggi e la natura profonda dell'America, luogo in cui razze, culture, suoni e melodie profondamente diverse ebbero modo di scontrarsi, fondersi e generare qualcosa di nuovo ed unico. Con le sue novecento pagine Blues, Jazz, Rock, Pop propone un resoconto dettagliato, completo e allo stesso tempo scorrevole, che riunisce musicisti, gruppi, dischi, generi e tendenze in un affollato panorama, ricchissimo di riferimenti al contesto culturale, letterario, politico e sociale. Louis Armstrong, George Gershwin, Cole Porter, Duke Ellington, Elvis Presley, Miles Davis, John Cage, i Beach Boys, Joan Baez, Bob Dylan, Bruce Springsteen, Michael Jackson, Madonna, sono solo alcuni dei nomi più noti che compongono questa cronistoria musicale impareggiabile e appassionante. Citarli tutti ora sarebbe troppo lungo e complicato ma uno dei meriti di questo volume è quello di condensare e far rivivere nel breve spazio dei suoi capitoli esperienze musicali note o poco conosciute, ma comunque fondamentali per la loro carica innovativa e per i loro sviluppi futuri.