Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Edizione: 3
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 luglio 2018
Pagine: 194 p.
  • EAN: 9788804700098
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Efix è un "servo", un contadino sardo aggrappato con amore all'ultimo "poderetto" posseduto dalle tre sorelle Pintor, nobili e di pochissimi mezzi, chiuse in uno sdegnoso isolamento, lontane dalla nuova società rozza e impertinente dei mercanti e degli usurai. Oppresso dall'immenso rimorso per un antico delitto, Efix vive una vita "santa" alla ricerca dell'espiazione suprema e sarà lui a tentare di lenire il disastro finanziario procurato dal ritorno dello sbandato nipote Giacinto. Efix assurge così a immagine dell'umana sofferenza, sempre uguale e sempre immobile nel tempo, e rimane nella memoria del lettore come uno dei più potenti personaggi della narrativa novecentesca.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gabriela G. Iliuta

    23/06/2003 12:58:42

    CANNE AL VENTO di GRAZIA DELEDDA Recensione Romanzo di una Sardegna arcaica e fantastica “Canne al vento” e, allo stesso tempo, la storia di un popolo che erra alla ricerca di un raggio di speranza e di un « figlio prodigo che ritorna a casa dopo aver perso tutte le speranze » . Indietro la semplicita voluta della trama si nasconde un mondo pieno di simboli e miti, miti della Bibbia e miti profondamente umani. Un mito biblico molto significativo e quello del figlio prodigo incontrato nel romanzo nella figura di Giacinto, il nipote dei Pintor e anche nel senso ristretto a Efix, il garzone – personaggio principale, che ovunque vada ritorna sempre a casa dalla quale e collegato per l’eternita per un assassinio (e lui che uccide suo padrone, Zame) e per l’amore che sente per le tre figlie della sua vittima. L’oppinione della scrittrice su questo assassinio non e proprio disapprovatrice perche Zane e descritto come un uomo crudele e senz’anima. Di piu, Efix uccide per amore e per la giustizia. Il suo gesto non e quello di un innamorato abituale ma di un innamorato di giustizia, di vita, perche lui vuole cosi proteggere Lia di suo padre e difende la sua fugga. Le altre tre sorelle, Ruth, Ester e Noemi, rimangono le priggioniere dell’ombra di loro padre morto, che sentirano per sempre « …un timore di vita, un desiderio di morte, una paura di passioni, uno stato di umilita, tutte le disgrazie, le lagrime, il rancore… ». C’e Efix, pero, che si accorge che non sara mai piu nulla da cambiare e decide protteggerle a rischio di non avere mai la sua vita perche la sua filosofia e « l’uomo e cosi fatto : buono e cattivo, poi e sempre infelice, i ricchi pure sono spesso infelici… ». E attraversando la sua vita troveremo i suoi sforzi per redimere l’assassinio, il suo grande ed unico peccato : lavorera sempre senza paga, il suo percorso di mendicante che ha un senso religioso di pentimento, la fiducia accordata al nipote Giacinto che assimila come se fosse suo figlio, il desiderio di vedere Noemi sposata e a casa

Scrivi una recensione