Close to the Edge

(Expanded & Remastered)

Artisti: Yes
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Elektra
Data di pubblicazione: 29 agosto 2003
  • EAN: 0081227379025
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,10

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 Close to the edge
  • 2 And you and I
  • 3 Siberian khatru
  • 4 America (single version)
  • 5 Total mass retain (single version)
  • 6 And you and I (alternate version)
  • 7 Siberia (studio run-through)

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex Lugli

    28/11/2009 22:00:17

    "Close To The Edge" è il quinto album del gruppo di Progressive Rock inglese Yes. Le registrazioni terminarono nel Giugno del 1972 e fu pubblicato nel Settembre 1972; subito dopo, il batterista Bill Bruford si unì ai King Crimson. Questo album viene considerato generalmente come uno dei migliori (se non il migliore) degli Yes. Molti critici, in effetti, lo considerano l'espressione più alta del Rock Progressivo in generale. Fu il primo album del gruppo a contenere un brano così lungo da occupare un intero lato del vinile; questa formula si ripropose anche nei successivi "Tales From Topographic Oceans" e "Relayer". I testi sono già influenzati dai temi mistici e religiosi introdotti dal cantante Jon Anderson, temi che in seguito sarebbero diventati centrali nel concept album "Topographic Oceans". La Title Track dell'album sarebbe ispirata dal romanzo Siddharta di Hermann Hesse e descriverebbe il "risveglio" spirituale del protagonista del romanzo "accanto al bordo" di un fiume (che rappresenta simbolicamente le vite del suo spirito). In questa come in altre opere dell'epoca, tuttavia, i testi di Anderson sono quasi impenetrabili, per cui è difficile ricostruire un nesso chiaro fra il testo della canzone e la storia del romanzo di Hesse. Altri hanno pensato che il testo fosse ispirato, almeno in parte, ai libri di Carlos Castaneda. Il fatto che "Close To The Edge" fosse un risultato senza precedenti per il gruppo era chiaro anche agli Yes stessi; l'abbandono di Bill Bruford fu infatti motivato, oltre che dall'offerta di unirsi ai King Crimson, dalla sua convinzione che dopo "Close To The Edge" gli Yes non avrebbero potuto che ripetersi o peggiorare. Il disco si avvale, come per il precedente "Fragile" (e come tutti gli album degli Yes d'ora in poi), della bellissima veste grafica creata da Roger Dean: sulla cover, di colore verde che sfuma progressivamente in nero, c'è il titolo del disco e (per la prima volta) il logo classico degli Yes. Un classico assoluto, stupendo e bellissimo, del Progressive Rock inglese.

  • User Icon

    Siberian

    15/10/2008 18:52:36

    A mio avviso non è il miglior disco degli Yes poichè, sempre a mio avviso, il picco massimo l'hanno raggiunto con 'Relayer'! Ma "Close to The Edge" è il degno sucessore di 'Fragile', o meglio dire, il degno sucessore di pezzi incredibili, semplicemente e squisitamente fantastici come "Heart Of The Sunrise", "South Side Of The Sky" o "Long Distance Runaround+The Fish"! 'And You And I' è lo specchio di un lavoro dove la magniloquenza sinfonica si unisce con una perizia tecnica da brivido! Prendo come esempio 'And You And I' semplicemente perchè gli altri due pezzi sono praticamente inacessibili dal punto di vista del giudizio! Come la band. Gli Yes non sono una band, sono una strana creatura, una strana entità inspiegabile, comeuna entità proveniente non si sa da dove! Questa è la sensazione che sanno dare solamente i grandi gruppi e guarda caso combacia per la stragrande maggioranza dei casi con le bands prog degi anni '70. Nulla togliere ai grandi attuali, un nome su tutti i Dream Theater, ma con gli Yes si va ad intaccare un tema musicale che nessuno potrà mai raggiungere ed il solo sognarlo è un qualcosa che sa di vergognoso. Grandi! Immensi! Sfuggevoli! Infiniti! I migliori! Solo i Rush e i King Crimson, in ambiti un pò diversi, possono vantarsi di stargli dietro! Grazie Dio per averci donato Anderson e soci! Grazie per averci fatto conoscere un pò di musica che fai circolare nel tuo Regno: il Paradiso!

  • User Icon

    Francesco

    18/09/2008 19:10:35

    Il più bello degli YES,il loro capolavoro,tra i migliori in assoluto del rock-progressive.

  • User Icon

    Alberto Azara

    04/03/2008 11:13:50

    Considarato anche dagli aborigeni austaliani il miglior album del gruppo, nonchè summa del progressive degli anni '70, personalmente lo ritengo senz'altro un buon disco, ma inferiore al precedente "Fragile" (non una nota di troppo, una prova disarmante). Tecnicamente di valore eccelso (incredibile la prova del batterista Bruford), alla lunga risulta un po' pesante e spinto verso una elaborazione strutturale ecessivamente complessa. Presenta si dei momenti di grande emozione, ma vengono bilanciati da alri forse scontati. Comunque da possedere.

  • User Icon

    The Lore

    30/07/2007 15:52:12

    Personalmente mi sembra uno stile piuttosto diverso da quello dei Genesis, comunque è un album fantastico, anche se un po' breve. Le prime due canzoni valgono veramente la spesa... la title track è stupenda, e "And you and I" è troppo da pelle d'oca! "A clearer future, morning, evening, nights with you..."

  • User Icon

    Tommy David

    15/04/2006 23:15:02

    L’altro grande gruppo prog, l’altra faccia dei Genesis: solari ed aperti, virtuosi e complicati all’estremo, impervi e arzigogolati come pochi altri ma che non dimenticano mai la sperimentazione di sfumature avvincenti e polimorfe e la costruzione di cattedrali di suoni.

  • User Icon

    gian mario

    04/01/2006 15:05:23

    Credo in assoluto il miglior albun degli Yes. Personalmente ritengo "And you and I" uno dei migliori pezzi mai scritti nell'intero panorama musicale pop rock. Ritengo pertanto non possa mancare nella discografia di qualunque appassionato.

  • User Icon

    alessandro

    27/12/2005 16:11:17

    Il più bel disco degli Yes. Close to the edge è la summa del rock sinfonico dei primi anni '70. Anderson, Howe, Wakeman, Squire e Bruford al loro meglio.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione