Il codice dell'anima. Carattere, vocazione, destino - James Hillman - copertina

Il codice dell'anima. Carattere, vocazione, destino

James Hillman

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Adriana Bottini
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 1
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 marzo 2009
Pagine: 409 p., Brossura
  • EAN: 9788845923630

nella classifica Bestseller di IBS Libri Psicologia - Io, Ego, identità, personalità

Salvato in 566 liste dei desideri

€ 12,35

€ 13,00
(-5%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Il codice dell'anima. Carattere, vocazione, destino

James Hillman

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il codice dell'anima. Carattere, vocazione, destino

James Hillman

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il codice dell'anima. Carattere, vocazione, destino

James Hillman

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (16 offerte da 12,35 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Per decifrare il codice dell'anima e capire il carattere, la vocazione, il destino, nel suo best seller Hillman si ispira al mito platonico di Er: l'anima di ciascuno di noi sceglie un "compagno segreto" (daimon lo chiamavano i greci, genius i latini, angelo custode i cristiani). Sarà lui a guidarci nel cammino terreno. Eminenti modelli sfilano sotto l'occhio stregonesco di Hillman ... Il suo set è affollatissimo. Judy Garland, Joséphine Baker, Woody Allen, Quentin Tarantino, Hannah Arendt, Manuel Manolete, Henry Kissinger, Richard Nixon, Truman Capote, Gandhi, Yehudi Menuhin, Elias Canetti e tanti altri, con le loro storie d'infanzia e maturità abilmente sezionate dal bisturi analitico, testimoniano apoteosi e disastri. Ma nell'età della psicopatia il ruolo del protagonista spetta a Hitler: il suo demone gli ha cucito addosso la divisa di un prototipo, il criminale dei tempi moderni. Forse di tutti i tempi." (Enzo Golino)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,06
di 5
Totale 26
5
13
4
7
3
1
2
5
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Simba

    16/09/2020 13:52:59

    Ho acquistato questo libro pensando fosse un libro di "psicologia". In realtà assomiglia più ad un libro religioso in quanto Hillman cerca continuamente di dimostrare che ognuno di noi ha un talento, un genio e che per essere felici bisogna riconoscerlo e coltivarlo. A ciò si può credere o meno, ma rimane il fatto che tutto il libro ruota intorno a questo e dopo un po' diventa ripetitivo.

  • User Icon

    Nastikata

    11/08/2020 14:03:09

    Quello di avere molti libri è un piacere che soltanto chi ce li ha può descrivere. Io sono uno di questi. Per fortuna, per destino, per carattere, o anche per il "daimon" di cui parla Hillman in questo libro che mi è capitato tra le mani quasi per caso. Mi spiego. Nella casa dove vivo con la mia metà del cielo, ci muoviamo continuamente tra i libri. Lei ha i suoi, io i miei. Ma non sono sempre ordinati e sistemati in maniera logica, tra scaffali e librerie, sono anche disseminati ovunque sia possibile sistemarli. In garage, in mansarda, in cucina, nella cassapanca, nel mobile sulla veranda, nei contenitori del bagno ... Ovunque ti giri, un libro può attirare la tua attenzione e curiosità e scoprire così un libro che avevi del tutto dimenticato, magari nascosto dietro una fila di altri libri, ammassati l'uno sull'altro. Così mi è capitato di tirare fuori questo libro "Il Codice dell'Anima" di James Hillman. Lo prendi, lo sfogli e di colpo ti trovi a fare un salto indietro nel tempo. Una dedica ti riporta ad una data, due nomi con firma ti ricordano di due amici che il tempo, col passare degli anni, ti ha fatto perdere di vista. Qui si parla venti anni: "Cattura il tuo daimon, estorcigli il tuo destino, conquista la tua eternità". Questo il testo della dedica. Il giorno del mio onomastico fu l'occasione del presente, del regalo, intendo. Questo per dire che anche i libri possono avere un "anima". Il sottotitolo del libro, non a caso, è "carattere, vocazione, destino".

  • User Icon

    Maria

    17/06/2020 16:18:46

    La nostra anima è il frutto di educazione o semplicemente genetica. In questo libro viene esplorato questo lato del nostro carattere, perché realmente siamo così se tutto nasce da noi o la nostra anima che ci sceglie

  • User Icon

    s.irene

    15/05/2020 16:07:17

    Questo libro riesce a parlare direttamente all'anima, sollevandoci, scandandoci. Hillman è prezioso. Le sue parole curano. Da leggere e donare alle persone a cui si vuol bene.

  • User Icon

    Anna

    14/05/2020 11:49:07

    Un libro complesso ma che merita di essere letto, perché offre molti spunti riflessione.

  • User Icon

    Mirco Cittadini

    12/05/2020 09:29:59

    Tutti i libri di Hillman sono preziosi. Questo è il più divulgativo, ma non per questo meno profondo o illuminante. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Nicolò

    31/01/2020 21:21:54

    Penso che Hillmann sia un ottimo autore, in quanto leggendo questo libro fa riflettere su ciò che si è.

  • User Icon

    Massimo Mazza

    11/08/2019 21:00:50

    Leggerlo è stato come essere presi per mano da Hillman e mettersi a correre a perdifiato immedesimandosi nelle mille sfaccettature del mito archetipico della ghianda per dimostrare come esso, se sradicato dall' ideale terreno della concezione naturalistica, sia l'unico modo per comprendere il codice della coscienza, altrimenti non comprensibile né misurabile tramite i metodi scientifici a nostra disposizione. Tutto molto appassionante, anche se a volte opinabile per l'eccessivo sforzo di Hillman di incanalare nel mito fenomeni difficilmente codificabili. Resta il fatto che, quando ti...fermi per prendere fiato, scopri che la tua corsa appassionata ti ha preso come quando ti prende una discussione sull' omeopatia... "Similia similibus curentur" teorizzava Samuel Hahnemann nel diciottesimo secolo, Hillman lo ribadisce nel ventesimo, portando la sua teoria della ghianda sul piano del "nulla dimostrabile" scientificamente. Sta a noi crederci o meno. Il tutto per rovesciare la psicologia tradizionale (così come Hahnemann rovescia la medicina allopatica) e provare a rendere la vita meno scontata e irregimentata dalla monotonia delle "superstizioni". Il mito della ghianda assurge ad un ruolo decisivo che va oltre quello rivestito dal trascendente nella religione. Rating alto del voto per la cultura e l'ardire dell'autore.

  • User Icon

    n.d.

    24/04/2019 08:09:18

    Molto profondo, a tratti appena un po' noiosetto ma davvero bello

  • User Icon

    n.d.

    02/04/2019 11:04:37

    Non ho ancora ultimato la lettura, sono a circa metà, non perchè sia un libro complicato da leggere, o noioso, o lungo, ma perchè contiene dei concetti ai quali sento di dover dare il giusto tempo. Sta facendo luce su molti aspetti sui quali avevo una percezione, ma non consapevolezza.

  • User Icon

    Antonella

    20/09/2018 13:48:32

    Ho trovato questo libro molto interessante, e ispirativo. In modo molto leggero, racconta le storie di molti personaggi, di come già nella loro infanzia fosse presente quel qualcosa che li avrebbe poi fatti diventare quello che sono diventati: come dire, Hillman utilizza questi esempi per farci vedere come già fin da piccoli sia presente la nostra attitudine verso qualcosa, la nostra vocazione. Se siamo in grado di coglierla, di vederla, e quindi di seguirla, siamo in grado di dare a noi stessi la massima espressione . A me ha aperto un mondo e lo consiglio

  • User Icon

    Antonella

    18/09/2018 16:00:56

    Il mito di Er ha ispirato l'autore che magistralmente ha saputo rendere una mitologia antica in un libro illuminante per i nostri giorni... Ognuno di noi dovrebbe leggerlo almeno una volta nella vita

  • User Icon

    Lettrice Anonima

    08/12/2017 10:06:57

    Ho trovato questo libro di una complessità del tutto inutile. Non dice nulla di nuovo, non si impara nulla, è il caos più assoluto. L'unica cosa interessante è la copertina.

  • User Icon

    Federico Merlotti

    15/05/2017 15:56:30

    Forse avevo troppe aspettative, sta di fatto che l'ho trovato noioso, insulso, a tratti illeggibile ed alla fine, dopo 350 interminabili pagine, la conclusione è che la vita è un mistero da vivere. Bella scoperta !

  • User Icon

    Marco

    19/06/2016 11:24:43

    Ho trovato questo libro ricco di spunti e sopratutto "confortante". La tesi secondo la quale siamo esseri unici e che non bisogna condannare i nostri scostamenti da ciò che è statisticamente considerato normale ti apre la mente sulla valutazione di te stesso e degli altri. Molto curiosi le esperienze di vita di persone famose e la rivalutazione di ciò che è invisibile per capire noi stessi. Ho trovato anche molto istruttiva la condanna alle tesi sui "condizionamenti famigliari" sulla vita di ciascuno: non perchè penso che questi non abbiamo dei fondamenti ma non possono e non devono essere la matrice comune di ogni spiegazione.

  • User Icon

    Marcello

    12/01/2016 00:18:08

    un mattone. a parte qualche bella frase, io c'ho capito poco.. il libro è scritto bene ma i concetti sono secondo me un po' "ingarbugliati".

  • User Icon

    franz

    05/11/2015 17:40:28

    un saggio che aiuterebbe a esistere più serenamente. un cruccio è che non possa essere letto da una mia amica, da un mio parente, dal mio benzinaio, perché lo riterrebbero pesante, ostico, intellettuale, da studio. Non essendolo. Allora servono degli intermediari che lo trasmettano senza noia, senza saccenza, ma come? gli psicologi e gli psichiatri lo hanno assorbito per la loro professione. Ma anche chi non va da loro, per le prestazioni specialistiche, dovrebbe cogliere qualche distillato tratto da un testo che prova a svelare da chi siamo abitati, a suggerire valori per recensire noi stessi e quindi gli altri. con una dose consolatoria per non rendere troppo crudele l'evidenza di mancate realizzazioni della vita.

  • User Icon

    Tilde

    15/05/2013 21:43:14

    Una lettura interessante, che affascina con il mito del daimon, guida che ci aiutaerebbe nel nostro percorso di vita e nella scoperta della vocazione personale. Il contenuto del libro tende a mettere in discussione, o dare un'altra chiave di lettura, ad alcune abitudini mentali e ci invita alla riflessione sulla nostra vita, famiglia, ambiente circostante.

  • User Icon

    Antonio Santoro

    30/04/2013 15:24:54

    La tesi del libro, ridotta a una pillola, è la seguente: ognuno di noi nasce con una vocazione. Ciascuno di noi ha un daimon (ricordate Socrate?) che segna il suo destino individuale. Il destino è iscritto nella ghianda. Perché veniamo al mondo con una controfigura magica o ultraterrena. Secondo la teoria della ghianda la parte invisibile del mondo ha un'importanza cruciale nelle nostre vite e perciò dobbiamo imparare a riconoscerla e coltivarla. Il mondo - secondo Hillman - non è riducibile alle certezze razionali ma ha un lato invisibile che può essere riconosciuto solo attraverso l'intuizione e può essere osservato soltanto da chi è attento e ben disposto a cogliere il lato nascosto delle cose. La grandezza del libro sta tutta nella capacità dell'autore di rivalutare ciascuna esistenza umana in nome di un'unicità che i calcoli statistici e la classificazione diagnostica tendono a cancellare. Da qui il desiderio di riabilitare la mente poetica e la capacità immaginativa delle persone, "perché - come scrive Hillman - c'è bisogno di uno sguardo nuovo per ripristinare il senso e l'importanza della propria vita".

  • User Icon

    Am

    15/11/2012 10:43:48

    Libro ridicolo. Tesi senza fondamento, a volte semplicemente abbozzate. L'autore finge di risolvere le grandi questioni dell'anima, ma i risultati sono un guazzabuglio, una cascata di parole affascinanti ma prive di concretezza. Quando parla di filosofia, in particolar modo il rapporto fra Platone e la democrazia, dimostra addirittura stoltezza.In particolar modo, poi, l'autore si perde parlando del male, della morte. Evita in realtà il problema della morte priva di senso. Interessanti, inveci, considerazioni sul mito e sulla intuizione.

Vedi tutte le 26 recensioni cliente
  • James Hillman Cover

    La sua attività pubblica abbraccia un periodo di trentacinque anni, dal 1960 al 1995. Dal 1952 al 1953 ha vissuto in India. Poi a Zurigo, divenendo allievo di Jung.  Subito dopo la laurea al Trinity College di Dublino, aveva iniziato a portare avanti terapie di impronta junghiana già nel 1959, quando è stato nominato Director of Studies del C. G. Jung Institute, dove è rimasto sino al 1969, quando abbandona per una profonda crisi che gli fa rivedere interamente il modo di fare terapia. Nel frattempo nel 1960 aveva pubblicato a Londra il suo primo best-seller scientifico "Emotion: a comprehensive phenomenology of Theories and Their Meanings for Therapy". Nel 1970, diventato direttore delle Spring Pubblications ha lanciato una nuova scuola di indirizzo junghiano... Approfondisci
Note legali