Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 2 liste dei desideri
Com'è dolce Parigi... o no!?
9,72 € 18,00 €
LIBRO USATO
Usato di: Libraccio venduto da IBS
+100 punti Effe
18,00 € 9,72 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,72 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Librisline
18,00 € + 2,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Biblioteca di Babele
4,80 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Librightbooks
12,06 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Bookweb
12,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
ibs
17,10 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Librisline
18,00 € + 2,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
17,10 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,72 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Biblioteca di Babele
4,80 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Librightbooks
12,06 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Bookweb
12,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
9,72 €
Chiudi
Com'è dolce Parigi... o no!? - Antonio Caprarica - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Arroganti, diffidenti, fissati nelle loro manie di grandezza oppure affascinanti, chic, ospitali? Qual è il vero volto dei francesi, i nosti cugini latini eterni rivali in cucina e nella moda? Un giornalista dichiaratamente anglofilo, vissuto per anni all'ombra di Buckingham Palace, si trova improvvisamente catapultato a Parigi, stretto, fin dal primo giorno, nella morsa dell'implacabile burocrazia, snobbato da commesse sdegnose che rifiutano di comprendere qualsiasi lingua diversa dalla loro, disorientato dal formalismo dei nuovi conoscenti e infine appesantito dalle salse che affogano ogni piatto. Al malcapitato non resta che vendicarsi con l'unica arma a disposizione: la penna. Eppure, proprio cercando conferme ai cliché meno generosi sul carattere e la cultura dei gallici, ecco affiorare la loro efficienza, il fascino delle città ricche di storia e la dolcezza delle campagne, il contagioso gusto della vita. Forse vale la pena capire meglio la vecchia Francia, provando a immergersi nei grandi avvenimenti come nella vita quotidiana: nel duello fra Ségolène Royal e Nicolas Sarkozy e nel giro di acquisti in uno dei variopinti mercati parigini; nella "battaglia del velo" delle giovani musulmane e nella realtà delle banlieue; nel declino degli intellettuali.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
8 maggio 2007
XIX-198 p., Rilegato
9788820042981

Valutazioni e recensioni

2,33/5
Recensioni: 2/5
(12)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(3)
3
(1)
2
(1)
1
(6)
dario c
Recensioni: 4/5

L'autore, già nella premessa, fa capire che i francesi non gli sono rimasti simpatici...tuttavia fa un efficace affresco dell'aspetto politico e sociale della Francia che, sinceramente, risulta decisamente simile alla nostra Italia.Buona lettura !

Leggi di più Leggi di meno
Motoskipho
Recensioni: 1/5

Libello del tutto inutile e insignificante, scritto con acredine e conoscenze per lo più tratte dalla stampa. Di esperienze dirette veramente pochine e tutte riferite alla Parigi snob, i soli ambienti frequentati dall'autore. Certo che per criticare i mezzi pubblici, le poste, la legge sulle 35 ore ("un eccesso di tempo libero", poveri francesi....), i casermoni delle periferie, la mancata integrazione degli immigrati, la mancanza di cortesia degli automobilisti, proprio ce ne vuole... soprattutto se la predica arriva da un italiano. Le critiche alla Parigi quotidiana sono del tutto universali e potrebbero essere riferite ad una qualsiasi metropoli come ad esempio a Milano (vogliamo parlare dello snobismo delle commesse dei negozi del centro? o dei problemi a reperire una toilette alla Rinascente?). Ciò che viene detto poi sulla corruzione della classe politica, sul nepotismo, sul gigantismo della burocrazia non è certo appannaggio esclusivo della Francia. Insomma non si capisce come in pochi mesi di soggiorno in Francia si possa pretendere di scrivere un libro di questa specie, in particolare da chi ha conosciuto praticamente solo l'VIII arrondissement e poco altro. Libro da evitare, non vale neanche i sei euro dell'edizione tascabile.

Leggi di più Leggi di meno
alex36
Recensioni: 4/5

Dovrei sentirmi offeso perche sono mezzo francese?no!Questo libro , molto leggero ed ironico,apre gli occhi a molti di quelli che pensano che la francia sia il paradiso. Umanamente Caprarica pur essendo Gallofobo,come dice lui,non parla assolutamente male dei cittandini francesi in generale,ma piuttosto dei Parigini che spesso si sentono su un piedistallo dal quale far pesare la loro"grandeur" che purtroppo ormai si è estinta.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2,33/5
Recensioni: 2/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(3)
3
(1)
2
(1)
1
(6)

Conosci l'autore

Antonio Caprarica

1951, Lecce

Antonio Caprarica è giornalista e scrittore. Dopo la laurea in Filosofia alla Sapienza di Roma con Lucio Colletti, ha iniziato la carriera giornalistica a «L'Unità» ed è stato in seguito condirettore di «Paese Sera». Tra il 1988 e il 1993 è stato corrispondente del Tg1 dal Medio Oriente. Dal 1993 al 2006 è stato a capo dell'ufficio di Corrispondenza della Rai prima a Mosca, poi a Londra e infine a Parigi. Dopo tre anni a Roma come direttore di Radio Uno e dei Giornali Radio Rai, è tornato a lavorare nella sua amata Londra. Con Sperling & Kupfer ha pubblicato molti titoli, tra i quali ricordiamo Dio ci salvi dagli inglesi... o no!? (2006), che ha ottenuto il Premio Gaeta per la letteratura di viaggio, La ragazza dei passi...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore