Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Come pesci nell'acqua. Mafie, impresa e politica in Veneto - Gianni Belloni,Antonio Vesco - ebook

Come pesci nell'acqua. Mafie, impresa e politica in Veneto

Gianni Belloni, Antonio Vesco

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Donzelli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 726,61 KB
Pagine della versione a stampa: 208 p.
  • EAN: 9788868437978
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 18,99

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tra le regioni del Nord Italia, il Veneto è quella meno interessata da inchieste giudiziarie e giornalistiche che abbiano portato alla luce la presenza di gruppi mafiosi strutturati e radicati. Di fronte a scarsi riscontri documentali, nella costruzione sociale del fenomeno mafioso prevalgono le impressioni, in una sorta di cortocircuito emozionale in cui l’evocata presenza delle mafie è chiamata in causa per spiegare le diversificate dinamiche di illegalità che caratterizzano il contesto politico e imprenditoriale di questo territorio. Il volume presenta i risultati di una ricerca sulle vicende criminali che coinvolgono organizzazioni mafiose, impresa e politica, offrendo una descrizione della cronologia e della geografia delle presenze mafiose in Veneto. Attraverso quattro studi di caso, gli autori osservano da una prospettiva ravvicinata i principali episodi in cui sono stati coinvolti gruppi mafiosi in questo territorio: l’incontro tra clan e tessuto imprenditoriale locale; le ricadute di questo incontro sul mondo del lavoro in relazione alle attività di intermediazione di manodopera gestite dai clan; i rapporti tra gruppi di ’ndrangheta e politica nel Veronese; il caso del Consorzio Venezia Nuova e la costruzione del Mose, un caso limite, in cui non sono coinvolte organizzazioni criminali di tipo mafioso, che consente agli autori di mettere alla prova le chiavi di lettura adottate per interpretare il funzionamento dell’economia locale e la sua «sregolazione» politica. L’indagine permette di approfondire la convergenza tra i gruppi criminali e il tessuto imprenditoriale del Veneto, nonché il ruolo di facilitazione degli affari assunto dalla politica al tempo della crisi. La corruzione diviene così il luogo predestinato di incontro tra attori di diverso tipo, l’inevitabile approdo di una serie di condotte proprie del fare politica e del fare impresa in territorio veneto.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    attilio

    23/09/2018 14:26:57

    “Nel caso del Mose (…) siamo di fronte a un progetto che la politica condivide con l'impresa, con la finanza e con pezzi dell'apparato pubblico dello Stato. L'adesione a questo progetto comporta la dimissione di ogni pretesa di regolare il contesto economico e sociale circostante elaborando una direzione e sviluppando forme di progettualità per l'interesse collettivo” (p. 48) Il libro è uno studio condotto da ricercatori sulla mafia in Veneto, i professionisti, gli imprenditori indigeni. Molti stereotipi veicolati dalla fonti di informazioni e propaganda vengono sfatati: ad esempio la mafia rappresentata come morbo che attacca e corrompe un organismo sano... Quel organismo, quantomeno, è malato o pronto a fare affari.. È un racconto che richiede calma e attenzione. il peso della corruzione nella vita del paese è ben descritto anche in “La corruzione spuzza” di Cantone e Carrìngella.

Note legali