Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 8 liste dei desideri
scaricabile subito scaricabile subito
Info
Così è la vita. Imparare a dirsi addio
8,99 €
EBOOK
Venditore: IBS
+90 punti Effe
8,99 €
scaricabile subito scaricabile subito
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,99 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,99 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Così è la vita. Imparare a dirsi addio - Concita De Gregorio - ebook
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Chiudi

Informazioni del regalo

Descrizione


Dell'invecchiare, dell'essere fragili, inadeguati, perfino del morire parliamo ormai di nascosto. Ai bambini è negata l'esperienza della fine. La caducità, la sofferenza, la sconfitta sono fonte di frustrazione e di vergogna. L'estetica dell'eterna giovinezza costringe molte donne nella prigione del corpo perfetto e le inchioda dentro un presente mortifero, incapace di darci consolazione, perfino felicità. In questa intensa, sorprendentemente gioiosa inchiesta narrativa, Concita De Gregorio ci chiede di seguirla proprio in questi luoghi rimossi dal discorso contemporaneo. Funerali e malattie, insuccessi e sconfitte, se osservati e vissuti con dignità e condivisione, diventano occasioni imperdibili di crescita, di allegria, di pienezza. Perché se non c'è peggior angoscia della solitudine e del silenzio, non c'è miglior sollievo che attraversare il dolore e trasformarlo in forza. «Penso a Stefania Sandrelli morente che, ne La prima cosa bella, chiede a suo figlio quarantenne se ha bisogno di mutande, calzini. Poi sospira: "Però ci siamo tanto divertiti". È una fatica, raccontarsela tutta, ma una grande soddisfazione, un sollievo e una cura. Un'avventura magnifica. Ci siamo tanto divertiti, si dice sempre alla fine». *** «Per raccontare la vita com'è, bisogna cominciare dalla fine, dalla morte, così difficile da affrontare e da spiegare ai bambini(...) "Dare un nome a quello che non si può dire, entrare con un salto nel regno segreto e farlo in compagnia, addirittura"(...)» Annalena Benini, «Io Donna»
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Testo in italiano
Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
122 p.
9788858405116

Valutazioni e recensioni

3,19/5
Recensioni: 3/5
(21)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(6)
3
(4)
2
(4)
1
(3)
cristina
Recensioni: 2/5

Una trattazione sicuramente non unitaria, una serie di spunti di riflessione molti ampi; il tema della morte è affrontato in maniera molto vaga a mio parere. Tutto sommato una lettura piacevole, neanche così pesante come prometteva il risvolto di copertina, con qualche spunto bibliografico interessante.

Leggi di più Leggi di meno
Federico
Recensioni: 4/5

Tema delicato su cui la giornalista si è mossa con i dovuti piedi di piombo ma lasciando emerge molti elementi e discorsi che possono tornare veramente utili a chi si stia facendo domane a riguardo.

Leggi di più Leggi di meno
Federico Merlotti
Recensioni: 3/5

E' sempre difficile dare un giudizio di un libro sulla morte, a maggior ragione, come in questo caso, quando e' composto di tante storie vere molto diverse fra loro. Sicuramente e' uno di quei libri "scomodi" nei quali molti prima o poi si imbattono. Alcuni capitoli sono veramente commoventi, nel complesso un'opera impegnativa, scritta bene, appassionata e istruttiva.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,19/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(6)
3
(4)
2
(4)
1
(3)

La recensione di IBS

La morte fa parte della vita. Merita di essere “vissuta”, accettata. Compresa e non compressa. Concita De Gregorio, giornalista e scrittrice, firma storica de "La Repubblica", dove attualmente lavora, dopo un’esperienza di 3 anni da direttore de "L’Unità", nel suo ultimo libro, Così è la vita, pubblicato da Einaudi, risponde alla Grande Domanda dei “piccoli”. I bambini fanno domande, a volte imbarazzanti, spiazzanti. Domande che esigono una risposta “Grande”.
In una società che mette quasi al rogo la vecchiaia e la morte, che nega il tempo che scorre, anzi lo esclude dal discorso pubblico, come se l’Eden fosse vivere in un etereo presente eterno, trovare risposte appare frustrante. “Nel nostro tempo si è proibito il tema della morte come nel secolo scorso quello del sesso. La contingenza, la finitezza, la fragilità, la sofferenza e la morte – come la sconfitta, come ogni tipo di perdita – non fanno parte del quadro mentale dell’uomo occidentale. Sono avvenimenti secondari, estranei. Sono diventati temi proibiti, difficili”. Sono gli stessi adulti ad avere paura di trattare queste argomentazioni. I genitori e gli stessi insegnanti si sottraggono da una responsabilità individuale e collettiva, come se fossero stati colti impreparati, non avendo studiato la lezione.
La luce nell’ombra del film Departures ne è un esempio palese. Una storia radicata nei riti, elegante, remota. Un soggetto che inibisce: un annuncio per un impiego "di aiuto alla partenza" che si rivela definitivo e non turistico. “In Giappone tutti avevano paura del soggetto. Una volta finito il film – spiega il regista Yojiro Takita – abbiamo dovuto aspettare tredici mesi per trovare il distributore e non sono pochi”. La prima proiezione è avvenuta in una sala da quindici persone, “lo volevano nascondere”. E invece, dopo poco tempo, è arrivato l’Oscar, la Multisala, Internet, “il mondo intero”. Perché “serve molta immaginazione per capire la realtà” e non chirurgia estetica massificata che “prima di seminare un certo gusto ha seminato, massicciamente, disgusto”.
Invecchiare e morire sono un diritto, concesso il primo non a tutti, il secondo ripartito democraticamente, senza clientelismi. Cancellare i segni del tempo sul viso, sul corpo può dare l’impressione di arrestare il tempo, metterlo in Pause, ma se non c’è più tempo, “questo sparisce non solo dalla faccia ma anche dall’anima, e con esso anche il senso interno della responsabilità dei propri gesti”. Insegna Concita De Gregorio che in un mondo di precariato esistenziale occorre educare alla responsabilità individuale, occorre recuperarla e incentivarla su un piano etico e non estetico. La bellezza di piccoli dettagli, di minuscoli, quasi insignificanti gesti racchiude la veridicità del vivere. Come l’incontro di una vecchia amica in treno, la lettura di un libro ai bambini, la visione di un film e di un videogame.
Partendo dal recupero di quello che si è rimosso, ma che è ancora in noi, ci si può riavvicinare alla vita stessa. Persino esorcizzando il decadimento delle cose, il saluto finale di una persona cara si può trarre insegnamento, si può ridere nel pianto, si può bere ad una sorgente di luce nel buio di un addio.

A cura di Wuz.it

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Concita De Gregorio

1963, Pisa

Laureata all'Università di Pisa in Scienze Politiche, ha iniziato la professione nelle radio e tv locali toscane passando poi a «il Tirreno» dove, per otto anni, ha lavorato nelle redazioni di Piombino, Livorno, Lucca e Pistoia. Nel 1990 è passata al quotidiano la Repubblica, dove si è occupata di cronaca e di politica interna. Dal 2008 al 2011 è stata direttore de «l'Unità».Tra le sue pubblicazioni si ricordano Non lavate questo sangue (Laterza, 2001); Una madre lo sa. Tutte le ombre dell'amore perfetto (Mondadori, 2006); Malamore. Esercizi di resistenza al dolore (Mondadori, 2008); Così è la vita (Einaudi, 2011); Un giorno sull'isola (Einaudi, 2014); Mi sa che fuori è primavera (Feltrinelli,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Compatibilità

Formato:

Gli eBook venduti da la IBS.it sono in formato ePub e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Compatibilità:

Gli eBook venduti da la IBS.it possono essere letti utilizzando uno qualsiasi dei seguenti dispositivi: PC, eReader, Smartphone, Tablet o con una app Kobo iOS o Android.

Cloud:

Gli eBook venduti da la IBS.it sono sincronizzati automaticamente su tutti i client di lettura Kobo successivamente all’acquisto. Grazie al Cloud Kobo i progressi di lettura, le note, le evidenziazioni vengono salvati e sincronizzati automaticamente su tutti i dispositivi e le APP di lettura Kobo utilizzati per la lettura.

Clicca qui per sapere come scaricare gli ebook utilizzando un pc con sistema operativo Windows

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore