Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Lo cunto de li cunti. 2ª giornata. Ediz. illustrata - Giambattista Basile,D. Basile,G. Zanotti Cavazzoni - ebook

Lo cunto de li cunti. 2ª giornata. Ediz. illustrata

Giambattista Basile

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Webreader e tablet Scopri di più
Dimensioni: 1,38 MB
  • EAN: 9788895621616

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Lo cunto de li cunti" è un racconto che raccoglie al suo interno altri 49 racconti. Nella sua struttura unitaria i racconti vengono narrati da dieci donne diverse in 5 giornate. Dopo la pubblicazione della prima giornata, ecco questo secondo volume che raccoglie le fiabe, sempre dieci, della seconda giornata. L'originalità di questa edizione è l'interattività del testo: Giambattista Basile, l'autore de 'Lo cunto de li cunti', dialoga direttamente con i ragazzi che leggeranno questo libro, attraverso una casella di posta elettronica. Interessante è l'idea dei curatori di riproporre le fiabe abbinate ai giochi. Giochi diversi ma con uno stesso tema: nel primo volume si trattava della musica, in questo sarà trattato il teatro.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giambattista Basile Cover

    (Napoli 1575 - Giugliano, Napoli, 1632) poeta e novelliere italiano. Dopo un periodo trascorso tra Venezia e Candia, in qualità di soldato mercenario della Serenissima, tornò a Napoli nel 1608. Soggiornò in seguito alla corte dei Gonzaga, a Mantova, e quindi, rientrato in patria, divenne governatore di vari feudi, per conto di alcuni signori meridionali. Scrisse opere in lingua e in dialetto. Con le prime, per lo più poemetti e liriche di tipo marinistico, non si solleva dal gusto dell’epoca; mentre è per due opere in dialetto napoletano, firmate Gian Alesio Abbattutis, che è universalmente noto: Le muse napolitane (postume, 1635), 9 egloghe dialogate, e soprattutto la raccolta di fiabe Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de’ peccerille (postumo, 1634-36), noto anche come Pentamerone.... Approfondisci
Note legali