-15%
Il cuore dell'uomo - Jón Kalman Stefánsson - copertina

Il cuore dell'uomo

Jón Kalman Stefánsson

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Silvia Cosimini
Editore: Iperborea
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 4 maggio 2014
Pagine: 320 p.
  • EAN: 9788870915303
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 16,15

€ 19,00
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il cuore dell'uomo

Jón Kalman Stefánsson

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il cuore dell'uomo

Jón Kalman Stefánsson

€ 19,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il cuore dell'uomo

Jón Kalman Stefánsson

€ 19,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 19,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dopo "Paradiso e inferno" e "La tristezza degli angeli", esce il romanzo che conclude la trilogia di Jón Kalman Stefánsson. Protagonista il "Ragazzo", un giovane orfano che intraprende un epico viaggio di formazione attraverso l'Islanda di fine Ottocento e l'universo dell'animo umano, scoprendo la realtà, il valore dei sogni e il potere creativo delle parole. Dopo aver affrontato l'inverno eterno del Nord ed essere stato inghiottito da un precipizio tra i ghiacci, il Ragazzo è salvato dagli abitanti di un villaggio del fiordo. Qui rimane folgorato da Álfheiour, una misteriosa giovane con i capelli rossi e un doloroso passato. Nemmeno quando torna a sud, alla locanda di Plássio, dal capitano cieco che ha promesso di istruirlo e nutrire la sua passione letteraria, riesce a dimenticarla. Ed è infatti l'amore al centro di questo romanzo, in tutte le sue sfumature e complessità: da quello meramente fisico che il Ragazzo scopre in una traumatica avventura con Ragnheiour, provocante figlia di un commerciante locale, a quello infelice della ribelle locandiera Geirþrúour, che perde in mare il suo amante inglese e si piega a un matrimonio di convenienza. Come lei, tutti gli abitanti del villaggio trovano il proprio compromesso tra i sentimenti e il rigido ordine sociale di una piccola comunità in perenne lotta con l'asprezza della sua terra e le avversità del destino. Solo ascoltando il cuore l'uomo può affrancarsi dalla grigia quotidianità, la vita può vincere la morte...
5
di 5
Totale 5
5
5
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Martina

    10/03/2019 11:36:12

    Gli immensi e desolanti fiordi occidentali fanno da scenario alle vite di uomini e donne che cercano con tutti i mezzi un collante per preservare l’amore tra i vivi e l’amore per chi non c’è più. Lo scrittore, in questo caso, chiede al lettore una vera e propria partecipazione emotiva per riflettere sulla memoria, sugli affetti, sugli amori e sul ruolo della letteratura. La prosa è poetica e dominata proprio dalla lentezza e dalla quasi inesistenza di eventi, che, alcune volte, potrebbero risultare perfino banali.

  • User Icon

    Marta

    09/03/2019 22:28:25

    Tra una moltitudine di personaggi stravaganti, bizzarri, forti, passionali, alcuni dei quali forse inetti, volgari, bruti che vivono al limite estremo del mondo, tra paesaggi glaciali, ed infernali, venti artici, ghiacci, si snoda la vita di un ragazzo che sta per diventare un uomo, con la sua passione per la letteratura, con i suoi sogni, paure e i primi dolorosi amori. In un mondo frenetico, che si muove alla velocità della luce, Stefansson sceglie, come faro di speranza, la lentezza di una ricerca interiore di sé stessi, attraverso la storia del ragazzo e del suo peregrinare.

  • User Icon

    Filippo

    09/03/2019 15:14:56

    Ho terminato da poco la trilogia di Stefansson che mi ha accompagnata per quasi un mese. Una trilogia di formazione, che narra la storia di un ragazzo, che rimarrà senza nome, pescatore di merluzzi per necessità ma con un animo sensibile, troppo sensibile per l’impervia Islanda. Tormentato dalle morti premature dei suoi cari, ma ancora desideroso di vita e sogni, il ragazzo affronta un viaggio intimo e, alcune volte, doloroso, che lo avvicinerà ad essere un uomo. Consigliato a chi vuole prendere parte ad un intenso viaggio emotivo, da leggere senza staccarsene.

  • User Icon

    clara lunardelli

    28/03/2016 12:11:02

    Terzo e ultimo volume della trilogia. Da leggere, come gli altri due. L'autore accompagna dentro una epopea umana con delicatezza e incanto. Non vorrei aggiungere altro. Lo consiglio.

  • User Icon

    luciano

    18/04/2015 22:50:00

    In quest'ultimo romanzo della trilogia, nel Villaggio, è arrivata la primavera: " Benedetta primavera, ci viene incontro con la luce, gli uccellini, i colori, i fiori gialli e i gorgheggi, arriva con il disgelo sul manto nevoso". Il Villaggio si popola di contadini che vengono a vendere le uova degli uccelli e la pulcinella di mare, nel fiordo arrivano le navi cariche di merci straniere indispensabili per affrontare l'inverno che verrà: "Fichi secchi, acquavite, cotone, legname di prima qualità già tagliato, caffè, c'erano addirittura delle casse di mele". Il ragazzo si innamora e si ripete ciò che la madre, prima di morire, gli aveva scritto nella sua ultima lettera : "Vivi, come puoi, vivi!" Romanzo bellissimo, ricco di suggestioni, di poesia, di pensieri profondi, soprattutto intorno alla morte: "Chi se ne va non torna mai più indietro, lo perdiamo insieme a tutto ciò che possedeva, gli occhi, il sorriso, il movimento delle dita, come dormiva, come alzava lo sguardo al cielo sovrappensiero, come piangeva, baciava, toccava, come esisteva, tutto ciò sparisce non appena sopraggiunge la morte. Sparisce e non torna più... Non moriremo, diventeremo qualcos'altro. Non conosco le parole per dirlo, intendo per spiegarlo. Forse semplicemente ci trasformiamo in musica."

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
 
 
“Una nazione che traduce poco e attinge la sua ricchezza solo nei propri pensieri è ristretta. Le traduzioni ampliano gli orizzonti dell’uomo e, al tempo stesso, il mondo”. Il punto lo riassume il personaggio Gísli, nella trilogia di Jón Kalman Stefánsson (Paradiso e inferno, 2011, pp. 240, € 16; La tristezza degli angeli, 2012, pp. 384, € 17,50; Il cuore dell’uomo, 2014, pp. 464, 18,50; tutti pubblicati da Iperborea e tradotti dall’islandese da Silvia Cosimini): il punto è la gratitudine con cui si leggono opere che arrivano (così sembra) dalla fine del mondo e da lingue piene di consonanti, grazie al lavoro di case editrici e traduttori che si occupano di “ampliare il mondo”.
Cosimini racconta come da bambina sognasse di diventare “la Fernanda Pivano islandese” e che con l’autore della trilogia “è stato un colpo di fulmine. Ho sempre pensato che la sua prosa mi appartenesse un po’”. Si percepisce, se questa prosa verrebbe da definirla “islandese” anche quando la si legge in italiano, perché legata, governata dalla meteorologia come solo certi Paesi, potente, capace di improvvisi squarci, piena di vento, mareggiate, nevicate, trasparente, allucinatoria.
Stefánsson, classe 1963, ex professore e bibliotecario di Reykjavík, arriva alla prosa negli anni novanta dopo tre raccolte poetiche, e lo fa restando sul filo dell’imprevedibilità lirica. In Italia, oltre alla trilogia, è stato tradotto il libro che la precede cronologicamente, Luce d’estate ed è subito notte, con cui nel 2005 ha vinto il Premio Islandese per la Letteratura: sorta di diario di un paesino d’Islanda di appena quattrocento abitanti, popolato da bizzarri personaggi, accadimenti surreali, strane leggende. Ma quando si legge la trilogia, ci si accorge di come la terra dell’autore, la terra dei suoi libri, è solo apparentemente una protagonista.
In Paradiso e inferno, la storia è quella di un ragazzo senza nome né famiglia (siamo alla fine dell’Ottocento), e del suo amico Bárður, pescatore di merluzzo appassionato di poesia che lo introduce al mondo della letteratura. La morte in mare di Bárður è l’inizio di un viaggio lungo mille pagine che porta il ragazzo a sfidare le acque, i ghiacciai, le tempeste di neve, in compagnia di un nuovo, silenzioso e ruvido amico, il postino Jens (con il suo arrivo si apre La tristezza degli angeli), che deve consegnare le lettere laddove neanche l’uomo riesce ad arrivare. E sarà un nuovo incidente, come quello capitato a Bárður, a far fermare la strana coppia (il postino gigante e il ragazzo che ama i libri) nel luogo giusto (Il cuore dell’uomo), dove l’uno saprà da cosa ripartire e dove finalmente dirigersi e fermarsi, e l’altro troverà l’amore, diventerà un uomo, imparerà a convivere col dolore non senza nuove peregrinazioni e nuovi incontri.
In un’opera (scandita dalle parole dei morti, simili alle parole tentate degli scrittori) che è libro d’avventura, storia d’amore, saga, trattato di psicologia; un’opera che ha la forza dei classici (forse esistono ancora libri necessari?), è la lingua a raccontarci di più la geografia, mentre il contenuto si scrolla di dosso ogni coordinata per andare sullo scaffale di quei libri dall’ambizione totale di raccontare ogni vita, in qualunque posto, in qualunque momento: il cuore dell’uomo, dove ci si pone quelle domande assolute e disarmanti, “Si tradiscono i morti a sopravvivere?”, “Quante volte un uomo vive con la stessa intensità della corrente elettrica, tanto da illuminare il mondo?”, “Quale nome merita di essere chiamato a voce tanto alta da farlo sentire a tutti, che vita occorre per guadagnarselo?”, “Per cosa si vive?”, “Quanto riesce a sopportare il cuore di un uomo?”, “Ma i morti dormono?”, “Un bacio, cos’è?”.
Così, se ci era sembrato che il mondo di quest’autore non fosse tondo, che avesse una fine, un precipizio o quantomeno un’estrema periferia, al termine dell’odissea dell’eroe senza nome (alla conta dei naufragi, dei pericoli, delle mani, degli annegati, dei dispersi, delle lettere) tutto sembra stare entro un territorio che conosciamo bene, potremmo dire: tra paradiso e inferno. O anche: nelle parole, quello che riescono a cambiare, a muovere, quando le pronunciamo. Pericolose, certo (come per Bárður che ama il Paradiso perduto di Milton, per prendere il libro dimentica la cerata e muore congelato dalle acque), ma che salvano i gesti piccoli “che fanno la differenza tra il niente e il tutto”, fanno sì che la vita non ristagni, fanno sì che sia vita. Il ragazzo aspetta che arrivino alla fine del mondo le parole di Whitman, di Dickens, di Shakespeare, di Omero, le aspetta perché “”la letteratura è meglio del pesce salato”; le aspetta perché vuole partire da “un’esperienza lontana per piantarla nella lingua islandese”; le aspetta per tradurle e mentre le traduce si fa mattina, e poiché le traduce le declama e se le declama le labbra non congelano, come labbra baciate: resta vivo il fuoco, e resta vivo in Islanda, in Italia, alla fine del mondo, nel cuore dell’uomo.
 
Michela Monferrini
 
| Vedi di più >
Note legali