-15%
Dieci anni che hanno sconvolto la Russia. La Russia da Gorbacev a Putin - Loris Marcucci - copertina

Dieci anni che hanno sconvolto la Russia. La Russia da Gorbacev a Putin

Loris Marcucci

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 19 aprile 2002
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788815086327
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,35

€ 11,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Dieci anni che hanno sconvolto la Russia. La Russia da Gorba...

Loris Marcucci

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Dieci anni che hanno sconvolto la Russia. La Russia da Gorbacev a Putin

Loris Marcucci

€ 11,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Dieci anni che hanno sconvolto la Russia. La Russia da Gorbacev a Putin

Loris Marcucci

€ 11,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel giorno di Natale del 1991, al Cremlino veniva ammainata la bandiera rossa: l'Unione Sovietica non esisteva più. La nuova Russia che pretendeva di sostituirla è però andata incontro a un cammino più sofferto e travagliato del previsto e il suo peso internazionale è declinato vistosamente. Questo libro ripercorre il periodo che va dal tramonto della perestroika a oggi per analizzare i fatti che hanno modificato in profondità i connotati dell'ex mondo sovietico: la via delle riforme irta di ostacoli, la catastrofe finanziaria del 1998, le minacce di disintegrazione e la guerra in Cecenia, i traumi di una società disorientata tra nostalgia del passato e avidità del nuovo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Loris Marcucci, ricercatore di formazione, e storico dell'Unione Sovietica, si occupa ora - così vanno talvolta le cose nella vita - di import-export con la Russia. Questo suo libro è così il risultato di una doppia esperienza: quella dell'uomo di affari che, nella capitale russa, può frequentare il mondo, del tutto nuovo, dei manager, e quella del serio studioso che, seppur consapevole di come il tempo degli storici non sia ancora venuto, pensa però che "il desiderio di capire e di interrogare il presente" non possa "essere delegato ai decenni futuri". Marcucci non ci dà conto delle sue nuove giornate moscovite. Esse sono però presenti laddove ci descrive come col "crollo" si sia aperta la fase dell'"esplosione della disuguaglianza sociale ed economica", ivi comprese la tragedia dei "nuovi poveri" e la nascita, attraverso privatizzazioni condotte senza regole da un ceto dirigente del tutto impreparato, di coloro che sono stati chiamati i "nuovi russi".

A individuare quanto pesi il retaggio del passato interviene proprio lo storico. Anche mettendo in guardia contro i rischi di cadere nelle facili semplificazioni e prendendo posizione contro visioni "ideologiche" vecchie e nuove: quelle, soprattutto, di chi continua a parlare della Russia come di un paese "ridotto a terra di conquista di gruppi clientelari e associazioni mafiose", e quelle, di segno opposto, che mirano a non lasciar trasparire, o a occultare, i drammi e gli sconquassi che hanno accompagnato la crisi e la caduta dell'impero.

L'asse del libro è costruito su un'originale interpretazione della perestrojka, presentata non già come un corso politico interno alla storia dell'Unione Sovietica, nato per affrontare la crisi, e conclusosi con la sconfitta, ma come l'inizio di una fase di trasformazione ancora in corso. Gorbacëv ed El'cin - i due presidenti rivali - vengono così collocati l'uno accanto all'altro sotto il segno di un unico processo storico. E guardando al dispiegarsi della vicenda con una simile ottica, decisamente "continuistica", alcuni aspetti della vicenda vengono fruttuosamente illuminati. Si veda l'attenzione prestata dall'autore da una parte al ruolo giocato dalla vecchia nomenklatura, e dall'altra alla formazione, insieme a un ceto di "nuovi ricchi" da Guinness dei primati, di una vasta "classe media".

Altri aspetti vengono invece un poco sacrificati. Il ruolo avuto, ad esempio, dal processo di disgregazione dell'impero per l'insorgere di tante, e tanto forti, spinte nazionali antirusse (e anti potere centrale in molte aree a popolazione russa) è certo meritevole di una sottolineatura più forte. È tuttavia indubbio che, come Marcucci mette in rilievo, sia Gorbacëv che El'cin hanno navigato alla cieca in un paese sconvolto da una crisi di immani proporzioni. Altra è oggi la Russia, divenuta con Putin e la sua scelta filoccidentale una protagonista della scena mondiale. Tuttavia - avverte Marcucci - il problema dell'identità della Russia, sempre oscillante fra la vocazione imperiale-autoritaria e la spinta - questo è un fatto nuovo - verso la costruzione di uno stato democratico, nonché tra l'orizzonte europeo e quello asiatico, è tutt'altro che risolto. Non il solo destino della Russia e dei russi, ma quello di tutti, è del resto collegato alla risposta che al problema dell'identità potrà essere data.

Note legali