Topone PDP Libri
Salvato in 238 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Donne che parlano
17,10 € 18,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+170 punti Effe
-5% 18,00 € 17,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
IL LIBRO di DALLAVALLE SRL
17,10 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Diraco Store
17,09 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
18,00 € + 4,99 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,10 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
18,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
18,00 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libraccio
9,72 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
IL LIBRO di DALLAVALLE SRL
17,10 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Diraco Store
17,09 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
18,00 € + 4,99 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,10 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
18,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
18,00 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,72 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Donne che parlano - Miriam Toews - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Donne che parlano Miriam Toews
€ 18,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

«Donne che parlano di Miriam Toews è un’opera d’arte impeccabile e feroce. Non ho mai letto un’accusa più aspra della violenza patriarcale, o un più illuminante tentativo di comprendere gli aspetti più vitali dell'esperienza umana. È il tipo di romanzo che ti cambia.» Laura van den Berg
«Un’opera d’arte perfetta che vi lascerà sbalorditi.» Catherine Lacey

Venivano narcotizzate con lo spray per le mucche, e poi stuprate nel sonno. Si svegliavano doloranti, sanguinanti. E si sentivano dire che era tutto frutto della loro sfrenata immaginazione, o eventualmente del diavolo. Invece i colpevoli erano uomini della comunità: zii, fratelli, vicini, cugini. Che fare adesso, con questi uomini, che sono in carcere, ma presto usciranno su cauzione e torneranno a casa? Perdonare, come vorrebbe il pastore Peters? Rispondere con la violenza alla violenza? O andare via, per sempre, per affermare una vita diversa, di rispetto, amore e libertà? Il romanzo parte da qui: dal momento in cui le donne devono decidere cosa fare. Sono donne sottomesse, abituate a obbedire. Nascoste in un fienile, prendono in mano, per la prima volta, il proprio destino. La loro ribellione incandescente risana. E linfa vitale anche per August Epp, l'uomo amorevole e giusto che aveva perso la speranza, e che le donne chiamano a testimone della loro cospirazione di pace, perché possa raccontarla.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
27 settembre 2018
253 p., ill. , Brossura
9788871688299

Valutazioni e recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
(9)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(5)
2
(0)
1
(1)
Angela
Recensioni: 3/5

Nonostante l'argomento in sé sia drammatico e delicato, i toni restano sempre leggeri, grazie ad un linguaggio colloquiale, molto semplice, come semplici sono i personaggi che intervengono, a partire da colui che redige i verbali e riporta non solo le discussioni tra le donne, ma anche i loro gesti, atteggiamenti, espressioni, dandoci modo di capire i loro caratteri. Un romanzo pieno di coraggio, necessario, perché con esso Miriam Toews ha dato voce a tante donne mennonite, lasciando emergere realtà spesso nascoste, taciute, ma che sono proprie di comunità patriarcali in cui la donna è trattata come un essere inferiore. Se non si è infastiditi dallo stile particolare, che può apparire confusionario ma che in realtà ben riflette la vivacità delle donne, l'euforia di potersi finalmente confrontare, sfogare e organizzare assieme un principio di ribellione -, è un libro che si legge velocemente e fa riflettere su ciò che accade in certe realtà religiose poco conosciute.

Leggi di più Leggi di meno
Ire
Recensioni: 3/5

Chi sono queste donne che parlano? Ona, Salomé, Agata, Greta, Mejal, Mariche, Neitje e Autje, le donne del paese di Molotschna e appartenenti ad una società mennonita. La storia che racconta Toews è una storia terrificante. "Dal 2005, quasi ogni ragazza o donna è stata stuprata da quelli che nella colonia molti credevano essere fantasmi, o Satana, presumibilmente quale punizione per i loro peccati." Purtroppo tutto questo non è mera finzione, anzi, è un fatto realmente accaduto nella comunità di Manitoba, in Bolivia. L'unica arma di queste donne, che non sanno nè leggere nè scrivere, è la parola. Ed ecco dunque che per tre giorni si ritrovano in un fienile a parlare del futuro e di come reagire a questa situazione. "Le opzioni erano tre: Non fare niente; Restare e combattere; Andarsene. Ogni opzione era corredata da una figura, perché le donne non sanno leggere". Il romanzo è terribile, una storia che in pochi sanno e che andrebbe divulgata e ricordata maggiormente. Purtroppo non mi è piaciuto lo stile dell'autrice, troppo freddo e distaccato. Le donne appaiono semplici, impaurite ma non traspare il loro sentimento interno, una penna troppo asciutta. Peccato.

Leggi di più Leggi di meno
julie_books_music
Recensioni: 5/5

Tratto da una storia vera, un pugno sulla bocca della stomaco, una di quelle letture che ti entrano sotto pelle. Doloroso, intenso ma bello.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(5)
2
(0)
1
(1)

Voce della critica

Un gruppo di donne viene violentato ripetutamente dai membri della propria comunita` religiosa. Scontata la pena, gli aguzzini stanno per tornare.
Toews trasforma una storia vera in un’intensa opera polifonica, dove esplorare non tanto il trauma passato quanto il destino e la trasformazione della sopravvivenza.

Leggi di più Leggi di meno

Pochi scrittori, oggi, hanno lo sguardo sul dolore e sulle zone oscure della vita che ha Miriam Toews. Autrice che, in Italia, aveva lanciato Adelphi, ma – incredibile a dirsi – non aveva fatto la differenza con la casa editrice di Calasso. L’ha rigenerata, curata, riscoperta, come si deve, Marcos y Marcos. Poi la bellezza dei suoi libri ha fatto il resto. Tra gli imprescindibili restano Un complicato atto d’amore e I miei piccoli dispiaceri. Il più recente Donne che parlano (255 pagine, 18 euro), però, ha la capacità di attrarre vecchi lettori e di conquistarne di nuovi.

Uno spunto di cronaca è all’origine di questo romanzo (tradotto in modo molto puntuale da Maurizia Balmelli, con una bella copertina firmata da Laura Fanelli), che fa i conti, ancora una volta, con dogmi religiosi e regole antidiluviane, le cui vittime sono più che altro donne. In realtà si va oltre i dogmi e le regole, subentra la violenza, quella più subdola, psicologica, fisica, sessuale. Una decina d’anni fa, in una comunità mennonita (stessa confessione religiosa d’origine della Toews) della Bolivia alcuni componenti furono condannati, perché anestetizzavano pesantemente (con prodotti destinati agli animali), prima di violentarle, le donne; che si svegliavano doloranti, spossate, ferite, nel corpo e nell’anima. Toews, dopo lunga gestazione, ha rielaborato letterariamente la vicenda. Immaginando alcune donne mennonite (Greta, Mejal, Mariche, Neitje, Autje, Ona, Salomé e Agata) di una comunità che hanno vissuto la stessa tragedia. Una fotografia “sconvolgente”, che va al di là dell’atto di accusa contro una religione, ma che abbraccia le società patriarcali, e le loro storture, in toto.

Dopo l’arresto degli aguzzini che hanno approfittato di loro, dopo averle drogate con uno spray di Belladonna – e che potrebbero tornare liberi, saldando una cauzione – le donne della comunità si riuniscono in una stalla, pronte per la prima volta a ragionare sul da farsi. Si tratta già di una rivoluzione, perché sono donne analfabete e sottomesse, abituate solo ad occuparsi di mariti e figli, che non pensano a orpelli di nessun tipo (come senza orpelli e prima di effetti speciali è la voce della Toews, che è autentica, e fa riflettere e commuovere, scrivendo di tormenti, dolori e contraddizioni), a cominciare da quelli estetici. Un unico uomo è coinvolto, testimone che possa raccontare, August Epp; lui è un altro modello di uomo, diverso dagli altri, l’insegnante della comunità, suo padre e sua madre erano stati allontanati (erano di vedute troppo ampie), esiliati in Inghilterra, da dove lui ha fatto ritorno. La storiaccia con cui fanno i conti può essere una salvezza per loro, ma in un certo senso anche per lui, che è innamorato di Ona.

I lividi e i dolori non sono frutto dell’azione di demoni o addirittura di punizioni divine, come sostenevano i colpevoli (fratelli e zii, nipoti e cugini), che non si erano fermati nemmeno davanti ai corpi delle bimbe più piccole della comunità. A quanto possono e vogliono rinunciare? È questa la domanda che rimbomba fra le mura della stalla, le donne devono capire e decidere cosa fare: se dimenticare e adeguarsi alla vita di sempre, per sempre, se restare ma con un altro spirito, combattendo, o se sparire dalla circolazione, provare a rifarsi una vita altrove. Opzioni universali, con cui ogni donna violata, maltrattata, succube fa i conti quotidianamente. Già parlare, confrontarsi per capire, è una giravolta mentale per la comunità femminile del villaggio. Che indagano le loro anime e interrogano Dio (perché ha permesso tutto questo, se è onnipotente?).

Recensione di Micol Treves

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Miriam Toews

1964, Steinbach

Autentica rivelazione della narrativa canadese degli ultimi anni, Miriam Toews è nata in Manitoba, in una comunità mennonita di stampo patriarcale e fondata sulla colpa. I suoi genitori avevano vedute più larghe e si sono rassegnati a vederla fuggire. A diciotto anni era già a Montréal, e scrivere è stata la sua ribellione.Il regista messicano Carlos Reygadas l'ha tentata con il cinema, nominandola sul campo attrice protagonista di Luz silenciosa; la sua intepretazione è memorabile, ma il suo vero terreno era e rimane la scrittura, comica e malinconica in modo inestricabile.Nel 2004 ha vinto un premio importantissimo, il Governor General's Award, con Un complicato atto d'amore, pubblicato in Italia da Adelphi.In fuga con la zia si...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore