Traduttore: F. Felici
Editore: Iperborea
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2018
Pagine: 252 p., Brossura
  • EAN: 9788870914870
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Un nuovo romanzo di Arto Paasilinna, l’irresistibile umorista finlandese che ha conquistato i lettori italiani.

Kerava, 1986. Nelle stalle del Circo Finlandia nasce una tenerissima elefantina che la sua padrona, Lucia Lucander, decide di chiamare Emilia in omaggio alla moglie del direttore, vecchia gloria della pista circense. Emilia dimostra grandi talenti, riuscendo già a sei mesi a sventolare la bandiera finlandese in mezzo alla pista. Ma non dura. Nel giro di poco entra in vigore una legge che proibisce l’uso di animali selvatici a scopo di intrattenimento, e di colpo per Emilia non c’è più posto. Dopo un periodo al Grande Circo di Mosca e favolosi spettacoli sulla transiberiana, Lucia ed Emilia rientrano in Finlandia e vengono accolte in una fattoria-allevamento di polli. Nel frattempo si è immischiata anche l’Unione Europea, inasprendo ulteriormente la regolamentazione sugli animali selvatici, e per questo attorno a Lucia e all’elefante si forma un premuroso circolo di amici sempre pronti ad aiutarle e sostenerle. Perché non portare Emilia in Africa, tra i suoi simili, propone qualcuno. E sia! La decisione è presa di concerto e si decide che Emilia, con Lucia e il fidanzato Paavo in groppa, dovrà raggiungere il porto del lago Saimaa – la porta per l’Africa – distante 400 chilometri, attraversando città e foreste sterminate. Chi conosce Paasilinna saprà cosa aspettarsi da questi chilometri in sella a un elefante. E così tra orsi inviperiti, scienziati folli, risse con animalisti complottisti, negozi distrutti, suicidi sventati e altre paasilinnate di ogni sorta, ci si ritrova come sempre nella lavatrice ridente e canzonatoria dell’autore finlandese, che ci intrattiene con piglio conviviale e al contempo feroce. Ma attenti, anche questa volta sotto il frastuono del ridere spietato, c’è una luccicante e ben affilata punta di amarezza. Anche questo è Paasilinna, l’amaro che ti ride in faccia, ti fa ridere e, passata la confusione, ti fa anche pensare.

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 17,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Bob

    04/11/2018 17:39:24

    Un altro esilarante e ironico romanzo di Arto, purtroppo l'ultimo in quanto l'autore è mancato qualche giorno fa. Una storia divertente e affascinante con battute sarcastiche anche nei confronti di politici e animalisti estremisti. Ancora una volta l'autore inverte l'etica comune e descrive la follia come normalità, considerandola quasi il vero spirito libero dell'uomo. Un viaggio attraverso la Finlandia meridionale in groppa a un elefante, Emilia, con il quale anche il lettore entrerà in rapporto empatico fino ad amarlo e a rattristarsi della sua dipartita. Come sempre la Finlandia è al centro della narrazione e come sempre l'abbondanza di toponimi, nomi dei personaggi e nomi di ricette locali contribuiscono a fare innamorare di questo fantastico paese anche il lettore che in questa nazione non ha mai messo piede.

  • User Icon

    Lara

    19/09/2018 11:22:01

    Questo libro racconta l'avventura di un Elefante da circo attracerso la Russia e la Finlandia fino ad arrivare in Africa. Una storia bellissimina di amicizia tra uomini e animali. Un elefante gigantesco può sentirsi amato dagli uomini. Gli elefanti hanno una memoria ottima, ed Emilia non dimenticherà mai la sua avventura assieme alla sua ammestratrice in cui ha incontrato tanti personaggi che la hanno amata, accolta e aiutata. Una scrittura lineare, semplice e molto scorrevole. Una buona lettura se si cerca qualcosa di bello, ma mon impegnativo nella comprensione. Alla fine del libro, tutti vorremmo aver conosciuto e fatto parte della storia di Emilia. Un bellissimo libro breve, assolutamente da consigliare

  • User Icon

    Ritochka

    04/05/2018 10:27:28

    Avendo LETTO il libro interamente, non mi sento di esprimere un giudizio entusiasmante. Si tratta di una lunga favoletta che, talvolta, si dilunga su particolari descrittivi inutili e non risparmia critiche a posizioni politiche o ambientalismi ottusi ed estremi. Comunque, abbastanza divertente.

  • User Icon

    giulia

    01/03/2018 16:04:34

    Ricevuto oggi e già iniziato... promette benissimo, con i temi abituali e stravaganti tanto cari a Paasilinna.

  • User Icon

    Enza

    15/12/2017 14:04:17

    Attendo con impazienza l'uscita del nuovo romanzo di Paasilinna, uno dei miei autori preferiti. Per chi non ha mai letto nulla: ironia, storie surreali, umorismo nordico, molti animali stravaganti e uomini folli. Un mondo fantastico pieno di curiosità e stranezze.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

E visto che era pazzo, si era detto, perché non fare una vera pazzia?

Quando è nata, Emilia pesava solo un quintale. Era una bella elefantina, e aveva davanti a sé un grande futuro: diventare un'artista. Non che avesse molte alternative, dato che sua madre si esibiva per il circo ed era attorniata da danzatrici e addestratori di animali. Ma quello che nessuno aveva considerato era che proprio nell'anno della sua nascita, il 1986, in quella Finlandia che l'aveva vista venire alla luce, era stata emessa una nuova legge che proibiva le esibizioni di animali selvatici.

Per il circo iniziò un periodo di crisi. Per Emilia un'era di vagabondaggi in terre lontane. Con una decina di quintali in più e la compagnia della sua addestratrice e padrona Lucia Lucander, Emilia viaggia verso la Russia e la Siberia, attraversando cittadine e villaggi dove esibirsi in libertà. Saranno dieci anni ricchi e intensi, trascorsi a bordo di un treno che corre avanti e indietro lungo la ferrovia transiberiana, tra giornate passate a ballare l'hopak e serate di festa, cibo e musica. Ma le cose belle, si sa, prima o poi finiscono. Lucia ed Emilia tornano in Finlandia, dove vengono accolte da una nuova legge: stavolta è l'Unione Europea che vieta gli spettacoli, in tutto il suo territorio. Non c'è proprio niente fare: nessuno che ami gli animali, nemmeno un pochino.

A malincuore, Lucia prende la grande decisione: riportare Emilia a casa, nella sua calda e soleggiata Africa. Ed è l'inizio di un nuovo e inaspettato viaggio. Già, perché non è così semplice trovare qualcuno disposto a imbarcare un elefante su un cargo: con la sua stazza, il pericolo è troppo, e il letame anche. L'unica possibilità sembra essere a chilometri di distanza, oltre le piane e le foreste del Satakunta e verso le terre della Carelia. Lucia ed Emilia troveranno tanti ostacoli e tante persone pronte a complicare il loro viaggio, ma anche tante altre disposte ad aiutarle e ad accompagnarle. Uomini e donne come solo Paasilinna sa disegnarne, personaggi sempre in bilico tra normalità e pazzia, tra determinazione e incoscienza.

A comporre il grande mosaico realizzato da Paasilinna, ci saranno mariti ubriaconi e mogli in fuga, negozianti innamorati e macellai che pensano alla ricetta migliore per realizzare una salsiccia di pachiderma. Ma anche imprenditori sconfitti dalla vita che decidono di compiere un’ultima pazzia, pompieri volenterosi, eco-complottisti, vetrerie abbandonate, pollai enormi e autobus accartocciati.

Chi ama Paasilinna sa già cosa aspettarsi dai suoi romanzi. Sa già che ad accoglierlo ci saranno personaggi strampalati e desiderosi di libertà, situazioni al limite dell’assurdo, ironiche e commoventi al tempo stesso. Ma tutte umane e di conseguenza pervase da una punta di follia. Perché tutti noi siamo un po’ pazzi, si sa, quindi perché non concederci una vera e meritata pazzia, una volta ogni tanto?

Recensione di Mauro Ciusani