Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa - Paolo Ercolani - copertina

Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa

Paolo Ercolani

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Marsilio
Collana: Ancora
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 7 marzo 2019
Pagine: 333 p., Brossura
  • EAN: 9788831787116
Salvato in 24 liste dei desideri

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ott...

Paolo Ercolani

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa

Paolo Ercolani

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa

Paolo Ercolani

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 15,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In un pamphlet provocatorio e brillante, Ercolani racconta splendori e miserie di un fondamento della società moderna, forse sopravvalutato: il pensiero critico.

«Il dramma della nostra epoca è che la stupidità si è messa a pensare»
«Questo non sarebbe niente se l’intelligenza non si fosse messa a rimbecillire»
- Jean Cocteau - Robert Poulet

Che fine ha fatto la società aperta descritta da Karl Popper? Dove nasce «la gaia incoscienza» dei milioni di utenti che ogni giorno adoperano le tecnologie illudendosi che siano meri strumenti al servizio della loro volontà? Come siamo passati dall'intelligenza collettiva dell'opinione pubblica settecentesca al «delirio connettivo» di oggi? Quali danni permanenti ha prodotto il prevalere del pensiero debole? E, infine, la resistenza può arrivare dall'informazione e dalla scuola, come sono pensate e strutturate attualmente? Paolo Ercolani realizza un'agile, e allo stesso tempo impietosa anatomia filosofica della vita quotidiana: protagonisti siamo tutti noi, «figli di un io minore», informati su ogni cosa e in grado di parlare di qualsiasi argomento, senza però conoscere realmente nulla. È l'epoca della «società ottusa», dove non ci sono più punti di vista, non c'è prospettiva, ma solamente un pensiero unico. Neppure il dissenso è più possibile, perché non sappiamo da cosa dissentire e, soprattutto, come farlo. Nel frattempo ci chiudiamo sempre più in noi stessi, pronti a serrare i ranghi per respingere qualunque richiesta di aiuto, insensibili perfino davanti ai corpi di bambini inermi morti nel tentativo di raggiungere le nostre coste. Alla ricerca di nuovi scenari e soluzioni, Ercolani, parafrasando Popper, pone un interrogativo ineludibile: quale prezzo dobbiamo pagare per tornare a essere umani?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fiorella Palomba

    13/12/2019 17:11:42

    Due i miei punti di vista: una nel merito e l’altra relativa alla struttura e all’impaginazione. Quattro gli attributi per il saggio: interessante, provocatorio, rabbioso e prolisso. - Interessante l’argomentazione sulla società “misologa”. Ercolani chiama in causa famiglia, scuola e media e pone giustamente la scuola al centro. - Provocatorio (in senso buono): la sfida per una “patente civica” che limiti il suffragio universale è una questione molto delicata su cui riflettere e non archiviare frettolosamente. - Rabbiosa la riflessione sulle tecnologie e la rete. Facebook è un agone di chiacchiere e insulti, d’altronde Umberto Eco ci aveva avvertiti che gli imbecilli avevano traslocato dall’osteria alle reti sociali, ma è anche un interessante osservatorio sociologico. La rete, però, per i non imbecilli è una risorsa. - prolisso: in taluni punti si ripete molto, è vero che repetita iuvant, ma se repetita è troppo annoia. - il “vestito”, che non è ininfluente nella comunicazione scritta, mi pare un punto dolente. Di questo “vestito” ho una lunga esperienza che deriva da PassaParola, il giornale telematico realizzato in una scuola elementare di Roma. La Apple e i giornalisti de Il Messaggero mi insegnarono a impaginare con PageMaker e gli studenti appreso da me questo complesso programma desktop publishing. Mi permetto di osservare che, mentre la copertina - sia la prima che la quarta giocate sul rosso e nero dei caratteri - mi pare interessante, il punto dolente è nella lunghezza dei sette capitoli. Questi si snodano in paragrafi e sotto paragrafi che non hanno una impaginazione univoca. A Pagina 37 e 71 il titolo del paragrafo è in cima alla pagina, nei precedenti il titolo è a metà: questo non crea chiarezza. - L’indice è stringato, senza la declinazione in paragrafi. Immagino intenzionale, però una struttura più articolata aiuterebbe il lettore: avere un quadro dettagliato di un saggio complesso significa padroneggiare la materia nel suo dipanarsi.

  • User Icon

    Jojo

    21/10/2019 15:51:22

    Fa riflettere profondamente sulla situazione attuale

  • User Icon

    Ivano

    04/08/2019 20:43:00

    Splendido saggio passato ingiustamente in sordina. Offre un'analisi lucida e spietata su temi di agghiacciante attualità, tramite un occhio critico mai fazioso e un linguaggio chiaro e comprensibile nonostante l'importanza e l'immensità delle tematiche trattate. Ottima anche la sezione di note e la bibliografia, entrambe utilissime. Uno di quei rari lavori che incentivano lo sviluppo di un pensiero critico, e che chiunque farebbe bene a leggere. Promosso a pieni voti

  • Paolo Ercolani Cover

    Filosofo, insegna all’Università Carlo Bo di Urbino. Scrive per varie testate tra cui «la Lettura» del «Corriere della Sera», «il manifesto» e «Micromega». Cura il blog «L’urto del pensiero» e collabora con Rai Educational Filosofia.Ha pubblicato vari volumi, tra cui, per Marsilio, Contro le donne.Storia e critica del più antico pregiudizio (2016). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali