Il figlio del dio del tuono

Arto Paasilinna

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Ernesto Boella
Editore: Iperborea
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,77 MB
Pagine della versione a stampa: 288 p.
  • EAN: 9788870913521
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 8,49

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Rattristati e preoccupati per il malvagio comportamento degli uomini, gli dèi dell'Olimpo nordico si riuniscono per decidere la loro ultima possibilità di salvezza. L'unica soluzione che si prospetta loro è che il figlio del dio del tuono s'incarni e scenda sulla Terra a far tornare la vera religione nordica, cioè il culto di Thor e Odino. Il giovane dio arriva con un fulmine sul pianeta e si mette di buona lena a compiere la sua missione. Le avventure del nuovo "messia" e della straordinaria banda di deliziosi personaggi che sono al suo seguito sono naturalmente all'insegna della comicità, con un finale a sorpresa.
4,44
di 5
Totale 18
5
11
4
5
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alewoolf

    01/06/2019 12:35:42

    Paasilinna oppone al "leader" del Cristianesimo il Figlio del dio del Tuono, che scende sulla Terra per combattere le false religioni e rinsaldare l'unica vera religione finnica, quella ancestrale. E non risparmia nessun finlandese, di nessuna estrazione sociale, dichiarando ancora una volta che in Finlandia sono tutti matti da legare.

  • User Icon

    Rigus68

    07/11/2018 22:26:33

    Anche nell’Iliade e nell’Odissea gli dei dell’Olimpo scendono in terra ma non per far guerra ad altre religioni, poiché non ve ne erano altre, ma per prendere le parti di fazioni in lotta tra di loro. Così gli opposti eserciti schierati earno guidati in duri scontri, che spesso si risolvevano in una lotta tra gli dei stessi. Qui Arto riprende poemi e canti popolari finnici che compongono il Kalevala e crea un romanzo complesso in cui il dio del Tuono Ukko Ylijumala, il più vecchio tra gli dei e loro capo supremo, decide di inviare il figlio, Rutja, in Finlandia per riconvertire in massa questo popolo alla religione arcaica. Sarà quindi una lotta per sradicare la popolazione dalla fede evangelico-luterana (compito in sé non impossibile, come appurerà Rutja, poiché le chiese sono deserte e la popolazione è agnostica). Il romanzo si dipana in un crescendo wagneriano con continue trovate e soluzioni inaspettate ed esilaranti. Alcune perle: quando il pastore evangelico Salonen è chiamato a cacciare i demoni dalla casa di Samsa Ronkainen (che si è “incarnato” nel figlio del Dio del Tuono) sette volte fa il giro della casa cantando inni ecclesiastici (chiara allusione a Giosuè e alle mura di Gerico!). Salonen poi sarà tra i primi convertiti alla nuova religione e suo convinto assertore. In omaggio a Mosè, senza salire sul Sinai, anche Raja crea una lista di comandamenti divini, ma si limita sei. Raja stesso aprirà una clinica per matti, che saranno guariti con la “folgoroterapia” (chiara allusione all’elettroshock). Svuota così i manicomi finnici, al punto di mettere in agitazione la sanità pubblica per mancanza di degenti (avrebbe fatto la felicità dello psichiatra Franco Basaglia). Il romanzo prosegue così con un ritmo scoppiettante, come il ronfare del motore di una Harley-Davidson. Aspettatevi nuove trovate al voltar di ogni pagina!

  • User Icon

    Antonella Schina

    11/05/2013 21:11:36

    Veramente piacevole e originale; sicuramente leggerò altri libri di Paasilinna.

  • User Icon

    MAURO

    25/04/2013 14:13:31

    Fulminato dal tuono del suo stesso Dio, Pasilinna ha fatto centro. Il quarto libro che leggo del "guardiaboschi" finnico, mi ha colpito e rapito fin dalle prime righe. Se nei precedenti, pur piacevoli, non mi aveva emozionato, con questo, in certi momenti, è riuscito a farmi vivere in un'altra dimensione. A tratti irresistibile, irriverente ed esilarante, coglie e racconta con straordinaria semplicità, l'irrazionale che ci circonda.

  • User Icon

    Massimo Albertin

    09/04/2012 16:58:59

    In questo libro, bersaglio della sua satira è la religione. E l'inizio vede già un Paasilinna che prende di mira la "presunzione" come una delle caratteristiche delle religioni: «Il cielo dei Finnici è molto più vecchio del resto del mondo e i loro dèi lo sono ancor di più. Non ce ne sono di più antichi. Il dio del Tuono, il più antico di tutti, era già quasi vecchio come oggi quando niente ancora era stato creato e nessun altro dio era nato. Oltre ad essere il più vecchio, è anche il più severo e il più potente. È il migliore». La storia consiste nel tentativo degli antichi dèi finnici, ormai dimenticati e soppiantati dal cristianesimo, di riconquistare proseliti tra la popolazione inviando sulla terra il loro emissario Rutja - il figlio del dio del tuono appunto - per emulare l'opera di Cristo. Una volta deciso che, per mancanza di tempo, non era opportuno aspettare la crescita di un nuovo nato, egli si incarna in un personaggio già adulto, un agricoltore-antiquario di cui prende il posto. E riuscirà in pieno nel suo intento, a suon di miracoli e di straordinarie prestazioni, riuscendo a convertire la maggior parte della popolazione finlandese alla fede "neoancestrale". Un libro di grande presa, curioso e lontano dalla banalità e dalla prevedibilità.

  • User Icon

    manvela

    03/02/2009 18:57:18

    Tema originale ma effetto meno travolgente del solito. Non è in questo romanzo che si trova il Paasilinna più brillante!

  • User Icon

    domenico

    22/09/2008 15:01:40

    Bello e originale, per un autore che amo molto ma che è stato un po' ripetitivo, pur nella coerenza del coraggioso quanto messaggio che ci lascia. Divertente in ogni caso riesce ad esserlo sempre e senza alcuna forzatura.

  • User Icon

    Ginevra

    13/06/2007 12:02:45

    Un libro ironico, irresistibile, paradossale e al tempo stesso coinvolgente. Tocca importanti argomenti come la crisi della religione e traccia un affresco dei finnici irresistibile. Sarà che l'ho letto subito dopo il rientro dalla terra dei Sami proprio tra Finlandia e Norvegia ma l'ho trovato troppo azzeccato! Da leggere, indubbiamente. Peccato che l'ho consigliato a molti ma sia piaciuto a pochi.... è una cosa che non riesco a spiegarmi

  • User Icon

    baghy

    08/01/2007 18:00:58

    Libro piacevole e sicuramente dal soggetto originale. Come negli altri suoi libri Paasilinna riesce a creare un mondo di personaggi improbabili ma irresistibili al tempo stesso. L'unico motivo per cui non promuovo il libro a pieni voti è che il finale mi è sembrato un po'affrettato e per certi versi scontato. Per il resto la trama è veramente coinvolgente e la lettura scorrevole. Mi sa che prima o poi devo programmare un viaggio in Finlandia per vedere e conoscere questi finlandesi.

  • User Icon

    Giacomo

    20/10/2005 17:25:10

    Mi è piaciuto veramente, dalla prima all'ultima pagina. Temevo potesse essere un po' noioso, a giudicare dal titolo, mentre invece non è stato così. In più affronta anche un tema scottante come quello della religione, ponendo su uno sfondo irreale considerazioni per niente banali, come solo Paasilinna sa fare.

  • User Icon

    Michela

    21/01/2005 10:34:31

    Questo resta sempre il libro di Paasilinna che preferisco, anche se ne ho già letti in francese o tedesco alcuni non ancora tradotti in italiano. Fra l'altro vi anticipo che il nostro tratta un tema soprannaturale anche in un libro tradotto finora solo in tedesco: il protagonista è un uomo morto che racconta le proprie avventure nell'aldilà. Carino, ma non all'altezza di questo (forse solo per il finale che non è come me lo aspettavo).

  • User Icon

    Michela

    13/09/2004 00:23:45

    Per Enzo: i tuoi amici lo hanno apprezzato? Anch'io ne ho regalato una copia, ma la ricevente mi ha poi detto che non trovava divertente imparare l'umano... la prossima vita mi scelgo altri amici, come dice Ligabue!

  • User Icon

    Enzo Angelini

    01/09/2004 19:48:42

    Splendido lo consiglio a tutti. Credo di aver regalato almeno 5 copie.

  • User Icon

    Michela

    08/06/2004 10:45:03

    Un libro assolutamente da leggere se si pensa di essere "molto scalognati", se si ha il morale a terra e si è persa la fiducia nella vita e nel futuro... A volte in questi frangenti si pensa: se esiste un dio, non può scordarsi di me! E' esattamente quello che pensa Sampsa Ronkainen... e l'aiuto divino gli arriva, aiutandolo a cambiare la sua vita in meglio! Senza contare che, mentre si legge, si ride moltissimo, e anche questo aiuta ad essere ottimisti e a migliorare le cose!

  • User Icon

    Paola Facelli

    10/10/2003 18:25:43

    in assoluto il migliore dei libri di Paasilinna

  • User Icon

    Francesco Moscati

    03/08/2002 18:29:37

    Libro veramente bello, ricco di fantasia e di ironia... l'ho letto tutto d'un fiato. Caldamente consigliato.

  • User Icon

    Claudio

    31/10/2001 15:50:39

    Carino, ma.... Rispetto al bosco delle volpi, al mugnaio urlante e all'anno della lepre questo libro mi sembra un po' fiacco. L'idea del soprannaturale un po' tirata per i capelli. Arto ci ha abituati a ben altro. Molto più brillante l'ultimissimo: 'lo smemorato di tapiola'....si vede che anche i grandi a volte inciampano!

  • User Icon

    Daniela

    23/09/2001 08:28:28

    Con Il figlio del dio del tuono Paasilinna si supera!!!Il che è tutto dire!!! Garantite le risate "a scena aperta". Ma dove troverà tutta quella fantasia?. Libro stupendo che non si limita a farti ridere.....,è assolutamente da leggere!

Vedi tutte le 18 recensioni cliente
  • Arto Paasilinna Cover

    Scrittore finlandese, con un passato da giornalista, poeta e guardiaboschi; autore-culto in Finlandia, dove ogni suo libro ha superato sempre le 100.000 copie: uno dei pochi scrittori finlandesi che ha vissuto unicamente della sua penna. Molto amato all’estero per il suo humour travolgente, quella capacità tutta finlandese di raccontare ridendo anche le storie più tragiche, ha pubblicato più di trenta romanzi, oltre a pièces teatrali e sceneggiature. Nel 1994 gli è stato conferito in Italia il Premio Acerbi per L’anno della lepre, romanzo dal quale sono stati prodotti due film.Ha vissuto - alternando - in Lapponia e a Helsinki, ma con sempre più frequenti tappe nei paesi più assolati del Sud, spesso anche in Italia.Parte della sua... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali