Editore: Leone
Collana: Gemme
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 16/05/2011
Pagine: 96 p.
  • EAN: 9788863930498
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 5,10

€ 6,00

Risparmi € 0,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    04/02/2018 13:48:22

    La natura violata dalla cupidigia di pochissimi uomini, che non esitano a distruggerla al fine di arricchirsi. Pochi uomini che costringono altri uomini a lavorare in condizioni terribili:"I zolfatari venivano su dal fondo della 'buca' col fiato ai denti e le ossa rotte dalla fatica", oppressi dai fumi dello zolfo "che s'aggrappava alla gola, fino a promuovere gli spasmi più crudeli e la rabbia dell'asfissia". Sfruttamento, lavoro malpagato, eppure necessario per sfamare la famiglia. Il degrado ambientale, in questo angolo di Sicilia, descritto da Pirandello, è una sorta di profezia, in quanto bene descrive l'inquinamento dell'aria che oggi si soffre in Italia; uno dei più alti a livello europeo. Scrive l'autore:" Lo zolfo si respirava, e tagliava il respiro e bruciava gli occhi". I fumi di zolfo erano dappertutto, aggredivano gli olivi centenari, "aggricciavano" le foglie, che poi sarebbero cadute, e "gli alberi nudi si sarebbero anneriti, poi sarebbero morti, attossicati dal fumo dei forni..."

  • User Icon

    Piero Giombi

    04/07/2012 12:53:28

    Pirandello fu rovinato economicamente dall'allagamento della zolfara in cui aveva investito tutti i propri averi e quelli della moglie. La moglie impazzì e fu ricoverata a vita in manicomio, lui cercò un lavoro e divenne professore universitario e quel famoso scrittore che tutti conosciamo. Il racconto risente in parte da Verga, di cui si considerava l'erede, ma c'è anche un pizzico di Svevo.

Scrivi una recensione