copertina

La gente che sta bene

Duchesne

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: marzo 2020
Pagine: 272 p., Brossura
  • EAN: 9788829705368

€ 9,02

In uscita da: marzo 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Chiedete a un uomo qualunque il segreto del suo successo. Molto probabilmente vi risponderà: quale successo? Non l'avvocato Giuseppe Ilario Sobreroni. Nessuna crisi, nessuna precarietà per lui, Giuseppe ce l'ha fatta: ha una famiglia ideale, un solido conto in banca, una carriera in ascesa. Ma proprio quando un'intervista in uscita sulla principale rivista di settore e l'invito al più esclusivo dei ricevimenti sono lì a decretare il suo trionfo, quel mondo così perfetto mostra tutte le sue crepe e, pezzo dopo pezzo, comincia a franare. Sprezzante e narcisista, Giuseppe non ha intenzione di rinunciare alla sua fetta di paradiso. A volte però, tenersi stretto il proprio posto sulla vetta può richiedere molto più di un po' di ambizione c qualche riga sul curriculum. In una Milano canicolare, popolata da un'umanità alla ricerca disperata di un modo per stare a galla o quantomeno di un parcheggio vicino al ristorante. Federico Baccomo allestisce una commedia caustica per raccontare con spietata ironia il ghigno di un uomo che, pagina dopo pagina, ha sempre meno motivi per ridere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,43
di 5
Totale 7
5
3
4
0
3
2
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Talisie

    17/06/2015 11:32:59

    Sì, d'accordo, non è al livello di "Studio illegale", ma intanto l'idea di vedere la vita dell'odioso capo di Endriu è un'idea originale e di certo il romanzo non è una piatta ripetizione del precedente. Infatti, l'occhio di chi guarda è diverso per cui il vuoto di quella realtà frenetica appare a Giuseppe, il protagonista, un tesoro conquistato con fatica da difendere a tutti i costi. Lo aiutano senz'altro il suo cinismo e la assoluta concentrazione su sé stesso che gli consentono di passare come uno schiacciasassi su famiglia, colleghi, amici e nemici. Chi gli sta intorno non è migliore di lui: è gente che sta bene economicamente e socialmente ed è disposta a preservare questo suo benessere con ferocia. Il destino però gli riserverà una prova in cui ancora una volta si comporterà con viltà ed egoismo, ma che forse, solo forse, lo spingerà a guardare dentro di sé. Insomma, alla fine non vincono i buoni, anche perché questi ultimi sono decisamente assenti dal libro.

  • User Icon

    mauro s

    31/08/2011 23:49:42

    Per chi ha letto Studio Illegale questo secondo libro di Baccomo è decisamente deludente...probabilmente il tentativo di produrre una storia più seriosa ha reso questo romanzo tutt'altro che indimenticabile...speriamo nelle future pubblicazioni

  • User Icon

    Cristina

    21/07/2011 18:35:54

    mi è piaciuto, ma meno del primo. Nel senso che l'ho trovato più serioso, forse me lo aspettavo più frivolo. Il buon Federico però con il finale (a mio avviso decisamente deludente) è scivolato sulla classica buccia di banana. Peccato!!!nell'insieme discreto.

  • User Icon

    arianna

    27/05/2011 19:16:49

    Che delusione...forse mi aspettavo un sequel di "Studio illegale", e le mie aspettative sono andate deluse. O almeno speravo di ritrovare la stessa ironia e la stessa leggerezza del romanzo precedente. Invece nulla, la storia gira a vuoto, i dialoghi davvero lunghi e appesantiti, i personaggi sono davvero impalpabili, difficile affezionarsi ai protagonisti, che quasi non lasciano traccia. Un romanzo che non mi ha lasciato nulla, peccato.

  • User Icon

    Carola

    18/04/2011 16:07:43

    Bravissimo. Duchesne ci ha fatto ridere con Studio Illegale e riesce a farci ridere, a farci riflettere e a farci anche un po' soffrire con il suo nuovo romanzo. Si conferma un grande scrittore. Assolutamente da leggere

  • User Icon

    Luigi

    13/04/2011 11:35:49

    Una conferma, dopo il brillante esordio con Studio illegale! Un romanzo "pù difficile" rispetto al precedente, ma dall'orizzonte più ampio che indaga sui miti (?), sulle speranze e le delusioni della vita. Leggendolo, mi è tornato in mente l'insegnamento buddista della impermanenza delle cose: le stelle sono vicine alle stalle (la distanza inversa, invece, è decisamente maggiore!). Scrittura sempre fluente ed ironica: decisamente una lettura consigliata!

  • User Icon

    beatrice

    23/03/2011 14:46:22

    ho avuto la fortuna di essere tra le persone che hanno potuto usufruire gratuitamente del libro messo in palio dal gioco della marsilio! che dire ? ESILARANTE P.S. oggi ho comperato 10 copie da regalare.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Duchesne Cover

    Federico Baccomo è uno scrittore italiano, laureato in Giurisprudenza.Dopo qualche anno di lavoro come avvocato, abbandona la pratica forense e apre un blog con lo pseudonimo di “Duchesne”. Del 2009 è il suo primo romanzo Studio Illegale (Marsilio), che racconta la storia di un giovane avvocato milanese in crisi. Nel 2013 ne è stato tratto l’omonimo film diretto da Umberto Carteni e interpretato, tra gli altri, da Fabio Volo. La seconda opera di Baccomo è del 2011: si intitola La gente che sta bene (Marsilio) e anche da questo libro verrà tratto un film nel 2014, diretto da Francesco Pitierno. Nel cast figurano Claudio Bisio, Diego Abatantuono e Margherita Buy. Questa volta chi parla non è più il giovane avvocato, ma il suo... Approfondisci
Note legali