-15%
Giardini e strade. Diario 1939-1940. In marcia verso Parigi - Ernst Jünger - copertina

Giardini e strade. Diario 1939-1940. In marcia verso Parigi

Ernst Jünger

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Alessandra Iadicicco
Editore: Guanda
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 30 ottobre 2008
Pagine: 210 p., Brossura
  • EAN: 9788882464943
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 15,72

€ 18,50
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Giardini e strade. Diario 1939-1940. In marcia verso Parigi

Ernst Jünger

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Giardini e strade. Diario 1939-1940. In marcia verso Parigi

Ernst Jünger

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Giardini e strade. Diario 1939-1940. In marcia verso Parigi

Ernst Jünger

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 18,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel 1939 Ernst Junger - eroe della Prima guerra mondiale, durante la quale si era distinto per le imprese eccezionali, che gli avevano fatto guadagnare la Croce al merito, la più alta onorificenza prussiana - viene richiamato e messo a capo di una compagnia tedesca sul fronte occidentale, per attaccare la linea Maginot. "Giardini e strade" è il diario preciso e puntuale innanzitutto degli ultimi mesi di pace e di scrittura prima di essere richiamato, mesi in cui Junger si dedica ai suoi studi di filosofia e di entomologia. Segue poi il racconto della guerra vera e propria, della lunga marcia verso Parigi, la città amata da uomo e da intellettuale ma ora vissuta da conquistatore.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    armando

    10/07/2010 14:21:07

    Consigliato.

  • User Icon

    Max

    12/01/2009 18:02:34

    bellissimo resoconto visto dall'interno. meditazioni su libri, natura e guerra. imprescindibile per chiunque voglia conoscere l'Ernst Junger "uomo" e soldato".

La traduzione completa la pubblicazione dei diari di Ernst Jünger relativi alla seconda guerra mondiale: le annotazioni degli ultimi mesi di pace in bassa Sassonia, in famiglia a Kirchhorst, e della partecipazione alle operazioni del fronte occidentale durante i primi mesi del '40, dopo lo sconfinamento dell'esercito tedesco in Lussemburgo e Belgio, si aggiungono a quelle già apparse presso l'editore Guanda in Irradiazioni, relative all'occupazione di Parigi, alla missione svolta sul fronte caucasico e al soggiorno trascorso di nuovo a Kirchhorst durante gli ultimi mesi di guerra. Nelle opere complete apparse presso l'editore Klett di Stoccarda nei primi anni sessanta sotto il titolo Strahlungen (Irradiazioni) erano stati raccolti tutti i diari del secondo conflitto mondiale, compresi quindi quelli precedentemente usciti con altro titolo, come appunto Gärten und Straßen, pubblicati per la prima volta presso l'editore Miettler di Berlino nel 1942, e, per quanto riguarda il primo dopoguerra, Jahre der Okkupation, usciti nel 1958.
Benché il diario incominci cinque mesi prima dello scoppio della guerra, nelle annotazioni relative non traspare alcuna preoccupazione per la situazione complessiva dell'Europa. L'imminenza della guerra sembra riguardare più la sospensione del lavoro dello scrittore, intento a preparare il romanzo Sulle scogliere di marmo (1939), che non il generale deterioramento dei rapporti internazionali. Il "valore del tempo" è diventato qui criterio di separazione della qualità intellettuale capace di cogliere il movimento complessivo della storia, un movimento che secondo Jünger sfugge a occhi e menti immersi nella meccanica dei fatti. Si avvicina il momento in cui la penna dovrà riposare e "toccherà agli occhi farsi carico del lavoro, perché gli spettacoli non mancheranno": gli spettacoli che il "vecchio esperto della guerra di materiali" si appresta a vedere tracciano un disegno che non appartiene alla superficie dei fatti, ma rimanda a quel tanto di eterno che può essere scorto nella vita umana.
Nel giorno stesso in cui riceve dal distretto militare la comunicazione di essere stato inserito nella riserva con il grado di sottotenente (25 aprile '39), Jünger annota come gli eventi politici di quelle settimane gli ricordino la vigilia della prima guerra mondiale: adesso però gli sembra che le masse siano diventate enormemente sensibili alla smisurata potenza dei mezzi di guerra. I due fenomeni gli appaiono come sorretti da una necessità profonda. È la tremendità dell'umano, rispetto al quale "le armi altro non sono che membra aggiuntive e pensieri in forma plastica". In questo modo, la guerra e il suo esercizio tecnico, grazie alla mediazione spirituale della scrittura, aprono l'accesso alla vita invisibile. Significativo a questo proposito il riferimento al libro del fratello Friedrich Georg sulla "tecnica", allora appena terminato (pubblicato però solo nel 1946), e per il suo tramite al darwinismo e a Schopenhauer. Così, per quanto la natura corrisponda a una sorta di meccanica dello spirito, qualcosa sfugge pur sempre all'occhio naturale: a questa "condizione di irrealtà" si riferisce la scrittura jüngeriana nel suo sforzo di seguire le linee lungo le quali si sviluppa ogni singola forma, dal guscio del fossile ritrovato alla cattedrale gotica, dalle forme degli insetti ai destini delle vite umane. Il significato spesso attribuito a queste linee è però inevitabilmente esposto alla minaccia della semplice simmetria speculare. Cogliere le linee del destino e seguirle nel loro corso nascosto non è legato, secondo Jünger, ad alcun automatismo: la parte nascosta del Leviatano, di cui appare solo qualche scaglia, il più delle volte disorienta gli individui. È infatti nella soggettività che la scrittura di Jünger cerca il prolungamento di quelle linee.
Così, a Jünger, dopo la breve campagna sul fronte occidentale nei primi mesi del '40, cui partecipa con il grado di capitano, ottenuto al momento dell'arruolamento (26 agosto '39), i due conflitti mondiali appaiono diversissimi, non solo perché la rapidità dell'avanzata tedesca respinge qualunque riferimento a una "tenacia dei fronti", ma soprattutto perché adesso la guerra appare all'osservatore in modo completamente mutato: che le cose siano "attratte e selezionate dalla nostra condizione" porta l'attenzione al di fuori del tratto specificamente tecnico. La "facoltà di cambiare il mondo" risiede, secondo Jünger, nel nostro intimo. È significativo che l'annotazione risalga al giorno che precede l'annuncio dell'armistizio con la Francia. La compagnia comandata da Jünger non entrò mai in contatto con il fuoco nemico. Se fino agli scritti dei primi anni trenta, ad esempio in L'operaio (1932), contro il tratto democratico e liberale della Repubblica di Weimar Jünger indicava la potenza nascosta della tecnica, in seguito – a partire dal 1938, quando nella seconda versione del Cuore avventuroso si identifica nel filosofo immaginario Nigromontanus – l'onere maggiore del conflitto spetta appunto all'interiorità filosofica. Dopo l'uscita di questo libro, in particolare a causa del richiamo al salmo 73, la censura nazista vietò al suo autore qualunque altra pubblicazione.
Ugo Ugazio
  • Ernst Jünger Cover

    (Heidelberg 1895 - Riedlingen, Alta Svevia, 1998) scrittore tedesco. Volontario nel primo conflitto mondiale, idealizzò la guerra come prova di coraggio e presa di coscienza di ignote dimensioni psichiche, nel diario di guerra Tempeste d’acciaio (In Stahlgewittern, 1920), nei racconti di Fuoco e sangue (Feuer und Blut, 1925) e Ludi africani (Afrikanische Spiele, 1936), nei saggi La lotta come esperienza interiore (Der Kampf als inneres Erlebnis, 1922) e Il cuore avventuroso (Das abenteuerliche Herz, raccolti nel 1929). Nel saggio L’operaio (Der Arbeiter, 1932) polemizzò con il romanticismo politico e identificò nel lavoratore-soldato il rappresentante dell’epoca moderna, che ha distrutto in sé ogni individualità. J. fu nazista, ma già... Approfondisci
Note legali