Il giardino dei mostri - Lorenza Pieri - copertina

Il giardino dei mostri

Lorenza Pieri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: E/O
Collana: Dal mondo
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 3 luglio 2019
Pagine: 315 p., Brossura
  • EAN: 9788833570891
Salvato in 27 liste dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Venduto e spedito da MAURONLINE

Solo una copia disponibile

+ 3,85 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lorenza Pieri scrive un ambizioso e riuscito romanzo su un’Italia che ha cambiato pelle negli anni Ottanta, concentrandosi sul microcosmo di Capalbio, il paese maremmano dove le classi sociali si sono incontrate e scontrate. Ci rivela così la sostanza vera e affascinante di un’Italia dietro il velo del gossip. Un romanzo molto atteso.

«Mai come oggi avremmo bisogno di delineare e indagare di nuovo le sfumature di classe e i tragitti sociali che ci hanno portati al punto in cui ci troviamo» - Repubblica

«Lorenza Pieri si conferma bravissima narratrice dell'adolescenza» - il Venerdì di Repubblica

«Annamaria, sedicenne insicura. Forse tra tutti il personaggio più riuscito di Lorenza Pieri»Robinson

Un romanzo complesso e avvincente, sospeso tra epopea rurale, racconto di formazione, biografia di un’artista. La collisione unica tra due classi sociali, due mondi distanti, è il travaglio da cui nascerà un nuovo paese.

Siamo tra il 1987 e il 1990, in un paese della maremma toscana troppo famoso per essere citato. Le vicende di due famiglie, una locale di allevatori di cavalli, i Biagini, e una romana altoborghese, i Sanfilippi, si intrecciano, mentre il luogo in cui si incontrano diventa il teatro perfetto della messa in scena dei cambiamenti che avvengono in Italia. Così l'amicizia tra Sauro, un buttero ambizioso e Filippo, un politico edonista, una volta diventati anche soci in affari, porterà anche gli altri membri delle loro famiglie a legarsi o a scontrarsi. Nel paese, dove a prima vista si assiste a una diffusione ubriacante di denaro e allegria, le certezze su cui si era sempre contato, le fedi politiche, i legami familiari, il rigore morale, l'identità sessuale, sembrano dissolversi e perdere i contorni nitidi. Sauro e Filippo, le loro mogli Miriam e Giulia si fanno rivelatori di un'umanità debole, apparentemente magnanima ma spesso meschina, in mezzo alla quale, la creatura più fragile, Annamaria, che ha quindici anni e parecchi complessi, fatica a trovare il suo posto, soprattutto nel confronto con la bella e spigliata Lisa della quale desidera attenzioni e affetto, ricevendoli in un modo assai ambiguo. Ma c'è un mondo parallelo che nello stesso periodo sta prendendo forma. È il Giardino dei Tarocchi dell'artista franco-americana Niki de Saint Phalle. Un luogo magico, a cui Annamaria si avvicinerà a poco a poco, e nel quale l'artista la lascerà entrare, dandole accesso al racconto della sua stessa vita, tramite il quale la ragazzina imparerà tutte le lezioni che nessuno ha mai saputo darle.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,67
di 5
Totale 6
5
4
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Renata

    15/05/2020 14:34:56

    E' affascinate e coinvolgente, senza dubbio uno dei libri più belli della Pieri. Una trama che si dipana attraverso le pieghe dell'adolescenza e dell'Italia che si rispecchia tutta nell'universo di provincia degli anni ottanta del novecento. Lorenza Pieri si conferma una scrittrice da lodare.

  • User Icon

    vane

    11/05/2020 14:39:27

    Del libro mi ha attirato la storia della scultrice Saint Phalle, ma la sua storia si intreccia nello scorrere del romanzo , a quella della giovane adolescente protagonista che vive un passaggio alla vita adulta in maniera tormentata. C'è il continuo confronto con la bellissima madre a cui non assomiglia, c'è il rapporto con un fratello scapestrato ma comunque complice, un padre amante delle donne e accecato dallo splendore riflesso dei ricchi borghesi politici che arrivano da Roma, il confronto umiliante con l'esile ragazzina sua coetanea, "cittadina" che schernisce , ma allo stesso tempo ,incoraggia la"cowgirl". E poi,finalmente, il passaggio, dopo che si sono smascherati tutti gli inganni, l'incontro con Nikki.

  • User Icon

    Anna Maria

    11/05/2020 12:37:53

    Libro bellissimo e scorrevole, leggero ma allo stesso tempo profondo e riflessivo.L,ho adorato dalle prime pagine e l’ho letto tutto d’un fiato.Consigliatp

  • User Icon

    laura a.

    30/09/2019 20:01:54

    Maremma maiala, cane, impestata. Il libro di Lorenza Pieri inizia descrivendo una terra infida, che da palude di malaria e di morte è diventata la terra buona, e dopo ancora, con l’avvento del turismo ricco e raffinato, il paese della cuccagna. I capitoli sono 22 come gli arcani maggiori dei tarocchi, i “mostri” del Giardino creato vicino a Capalbio dall’artista Niki de Saint Phalle la cui biografia si alterna alle vicende dei protagonisti, fino all’incrocio con la complicata adolescenza di Annamaria. Intorno a loro ruotano altri “mostri”, avidità e tradimento, istinto e orgoglio, calcolo e superbia. L’Arte di De Saint Phalle, nata da un trauma, fa da cornice e salvezza, trasformando i mostri in figure colorate grandi ma innocue, dai tratti forti e decisi come i personaggi del libro. Una lettura che appassiona.

  • User Icon

    miss@reader

    19/09/2019 17:07:44

    Un libro che mi è piaciuto, bei personaggi, bella storia, in certi punti mi ha pure fatta ridere parecchio.

  • User Icon

    Paola Migliori

    25/08/2019 06:57:51

    I livelli della narrazione sono molteplici, l'intreccio, fra di loro, è ben studiato. Il risultato è un romanzo avvincente, che si legge tutto d'un fiato; come donnamisono facilmente identificata nei pensieri espressi dalla giovane protagonista, mi è piaciuto ascoltare la storia del Giardino dei Tarocchi, e sentir raccontare dell'artista Niki de Saint Phalle, figura affascinante. Insomma consigliatissimo, da leggere con leggerezza, sapendo che nasconde un pezzo della storia d'Italia fra le righe.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Ci sono mostri e mostri. Ci sono quelli interiori, ci sono quelli presunti, spesso deboli e meschini, delle ideologie politiche italiane – di quasi tutti i tempi – e poi ci sono quelli che hanno ispirato il secondo romanzo di Lorenza Pieri, autrice che si era rivelata felicemente con Isole Minori, pubblicato da e/o, e che è tornata in libreria con un volume edito dalla stessa sigla, Il giardino dei mostri (315 pagine, 18 euro), libro che conferma le doti e il valore della scrittrice.

La fonte di ispirazione di Lorenza Pieri – italiana che vive negli Stati Uniti – è il Giardino dei Tarocchi, opera grandiosa realizzata da una poliedrica artista, la femminista Niki de Saint Phalle, nei pressi di Capalbio: una ventina di sculture monumentali (con cemento, ceramica colorata e vetro) sugli arcani dei Tarocchi .L’artista francese e la sua pazza storia d’amore con Jean Tinguely sono una delle corde che pizzica la chitarra di questo romanzo. Ma c’è tanto altro. Le pagine ci portano nella Maremma tra gli anni Ottanta e i Novanta, terra che si riscopre ambita, alla moda, ricca. E va in scena una sorta di scontro di civiltà fra i forestieri cittadini e i locali campagnoli, incarnati rispettivamente dai Sanfilippi e dai Biagini, famiglie che faranno affari assieme, soci nella gestione di uno stabilimento balneare e di un agriturismo, un vecchio casale ristrutturato, destinato a un pubblico di avventori facoltosi. Famiglie tra le quali scorreranno amori, gelosie, tradimenti, ipocrisie, rivalse, in mezzo a cui non sembra salvarsi quasi nessuno.

Mentre tutt’attorno evapora, qualsiasi certezza, chi si salva è probabilmente Annamarì, la figlia adolescente di Sauro Biagini, il Re contadino e gran seduttore (che ha una moglie bellissima, MIriam e un altro figlio, Saverio), che diventa socio dello spregiudicato politico di sinistra, Filippo Sanfilippo, non esitando a sedurre la di lui moglie, Giulia, docente universitaria. Un’adolescente insicura, Annamarì, anche sentimentalmente, ma autentica e che – innamorata dell’arte, l’arte come fondamento della vita e passione bruciante è centrale in questa storia – trova la propria strada incrociando l’eccentrica scultrice, una delle maggiori del secolo scorso. Innocenza e cinismo non sono contrapposti e nemmeno incarnati da qualcuno, ma si mescolano in un cocktail di rara efficacia.

Quel piccolo incanto che prendeva il lettore di Isole minori, il primo romanzo di Lorenza Pieri, si rinnova anche con Il giardino dei mostri. Molto del merito va a una lingua incontaminata e classica (visto che l’autrice vive negli Stati Uniti avrà meno occasioni di contatto con le derive con cui quotidianamente la lingua italiana fa i conti…) e a un occhio che sa essere contemporaneamente coinvolto e distaccato, pietoso e spietato. È così che le vicende narrate pullulano simultaneamente di bellezza – a cominciare dalle ventidue sculture su una collina – e corruzione, sentimenti tenui e sfrontatezza. L’umanità, quella di chi domina e di chi vuol dominare, non ci fa una bellissima figura (anche se la letteratura non deve farsi scrupoli del genere): sembrano prevalere e prendersi la scena sempre i manipolatori, gli opportunisti, i traditori e i menzogneri. Sforzarsi di trovare ciò che è autentico e buono può essere un ottimo esercizio di sopravvivenza, di resistenza alla vita.

Recensione di Giosuè Colomba

  • Lorenza Pieri Cover

    Nata a Lugo di Romagna e cresciuta all’isola del Giglio, Lorenza Pieri dopo gli studi universitari a Siena e Parigi ha lavorato per quindici anni nell’editoria (Einaudi e minimum fax). Ha partecipato a diverse antologie e riviste letterarie ed è autrice del memoir Molto grossa, incredibilmente vicina (doppiozero, 2013). È traduttrice letteraria dal francese. Collabora con la rivista Linus. Vive con la famiglia negli Stati Uniti. Il suo primo romanzo è Isole minori (E/O 2016). Nel 2019 E/O pubblica il giardino dei mostri. Approfondisci
Note legali