€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mr Gaglia

    18/03/2016 13:41:16

    Fermo restando che un film di Sorrentino è sempre gradevole da vedere. E' come entrare al museo del Louvre e riempirsi gli occhi di bellezza; un film non è però né un'installazione d'arte né un quadro, deve reggersi su una storia, la fotografia non basta. Questo "corpaccione" invece ha 2 solide gambe, un'idea (descrivere la vacuità di un'esistenza troppo mondana) e un attore di statura eccezionale (Toni Servillo, elegante e autorevole) ma non sa dove andare. Per non parlare dell'ovvietà della massima: "Mangio solo radici, perché le radici sono importanti". L'impressione è che il film potesse chiudersi molto prima. Magari con il personaggio della Ferilli, così autentico da essere percepito come unico elemento vero in un mare di comparse. O forse con l'immagine della Concordia adagiata sul fianco, che lascia intuire l'intenzione del protagonista di rimettersi in gioco e tornare a scrivere. E si potrebbe continuare per ore, perché il merito dei film di Sorrentino e di far parlare: in bene o in male o per sviscerarne il senso. Tanti gli spunti di riflessione: tra i più sentiti le considerazioni e le ricostruzioni di feste, festini e companatico che nemmeno un inviato di Dogospia. Restando alle 'comparse' sembrano dei saltimbanchi, più che delle persone capaci di influenzare davvero la realtà; voluminosi di accumulare insieme tanto potere e tanta stoltezza. Non certamente un quadro realistico di quel che avviene nella realtà, dove il potere politico è colluso con quello economico e mafioso, e dove i festini sono solo la parte più perversamente visibile di un potere incontrollato. Manca pertanto l'aderenza alla realtà e i personaggi sono solo delle "figurine", il cui potere non si sa nemmeno da cosa possa discendere. Bello, però, il finale. La parte più vibrante, relativa alla figura della santa. Lì, l'immagine si fa poetica, la miseria si fa grandezza. Un film esteticamente bello che vuole ingraziarsi il pubblico estero, ma senz'anima.

  • User Icon

    Robertissimo

    18/06/2015 15:23:24

    Straordinaria opera in cui si narra della ricerca, durata quarant'anni ed ancora in corso, della "grande bellezza" da parte di Jep Gambardella, uno scrittore, attualmente solo giornalista, che ha pubblicato un romanzo apprezzato e premiato a suo tempo, ma rimasto unico nella sua produzione artistica per mancanza d'ispirazione, della grande bellezza, appunto. Ciò sembra sorprendente nel contesto in cui il protagonista vive, Roma, dove pure il bello si spreca, ma evidentemente egli non ha le lenti adatte per vederlo, annebbiato com'è dall'insulsa opacità della vita solo notturna che conduce fra una festa e l'altra, dove ciò che conta è l'apparire, non importa con quali espedienti e dove il solo risultato è il tedio infinito. La vita della Roma odierna dell'alta borghesia è presentata in ogni sfaccettatura: si affanna a vivere passando da feste kitsch a riunioni pseudo intellettuali in cui di fatto si pettegola sull'effimero; non mancano stilettate a certo alto clero mondano assai lontano dalla spiritualità che dovrebbe contraddistinguerlo; tutto va in scena, perfino la morte, ogni gesto è falso e solo mirato ad attrarre un'audience. In tale contesto arido la grande bellezza compare per brevissimi istanti nei flashback della prima giovinezza con il ricordo di un amore acerbo. Gli unici che sembrano riuscire a reagire davanti a questo spreco sono un giovane che soffre di depressione ed una spogliarellista quarantenne affetta da una malattia imprecisata,oltre al protagonista naturalmente che vorrebbe scomparire come in un gioco di prestigio. Film stimolante, ricchissimo di spunti sullo stile di vita di certi ambienti, altamente pedagogico, sicuramente consigliato.

Scrivi una recensione

2014 - David di Donatello Miglior Attore Protagonista Servillo Toni
2013 - Nastri d'Argento Miglior Attrice Non Protagonista Ferilli Sabrina
2013 - Nastri d'Argento Miglior Attore Non Protagonista Verdone Carlo

  • Produzione: Medusa Home Entertainment, 2015
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 142 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2