The Hacienda Ep

Artisti: Hacienda
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Black Candy
Data di pubblicazione: 16 ottobre 2015
  • EAN: 8016670115595
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 18,50

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Gli Hacienda sono un gruppo di amici fiorentini working class, animati da mentalità quasi ultras e all'epoca un acerbo cuore soul. Ascoltano dischi su dischi su dischi del miglior rock‘n’roll britannico, modellando il proprio stile di vita a immagine e somiglianza di foto sixties o dei cool Nineties made in UK. Come nella letteratura, copiare i classici è la migliore maniera per imparare il linguaggio, i codici, i basilari. Il legame con il Regno Unito è fortissimo, cementato fin da un nome che è un omaggio allo storico locale di Manchester che fu teatro delle avanguardie e laboratorio di pop del futuro negli anni Ottanta, nonché seconda casa per gruppi come New Order, Joy Division e Happy Mondays. Dopo un EP, due album, uno split album con gli Wemen, gli Hacienda sentono di aver dato e ricevuto tutto dalla loro città e dall'Italia. Il nuovo Ep, finalmente, è quindi registrato al Fish Factory Studio di Dollis Hill, nord di Londra, laddove nel passato lavorarono mostri sacri come Pulp e James. Copertina realizzata da Ian Skelly dei Coral. Cinque canzoni che sono una sorta di bignami di quello che sono oggi gli Hacienda: un incrocio delizioso e piacevole fra le mille strade del soul, del rock e della psichedelia. Perfetti per scaldare il cuore e la pista di chi si guarda attorno e non si trova rappresentato da questo presente follemente veloce. Cinque canzoni in cui le melodie vocali e chitarristiche di Alessandro Gianferrara si intrecciano ai riff selvaggi di Donnie Guasto, poggiandosi senza aver mai paura di sbagliare sulla sezione ritmica tonda e chirurgica di Andrea Palombi e Gimmy El Helou, il tutto corroborato e incollato dalle tastiere feline di Francesco Perini. Perché fra Novoli e Brixton, fra Sesto Fiorentino e Croydon, fra il Tamigi e l'Arno, ci sono sicuramente differenze di panorama e di tessuto sociale, ma vi è una simile tensione di fondo che rende la musica, questa musica, un mezzo per fare stare bene la gente, per farla cantare a squarciagola.