Gli indifferenti

Alberto Moravia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 31 marzo 2016
Pagine: 324 p., Brossura
  • EAN: 9788845281471

nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Classica (prima del 1945)

Salvato in 229 liste dei desideri

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Gli indifferenti

Alberto Moravia

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Gli indifferenti

Alberto Moravia

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Gli indifferenti

Alberto Moravia

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 13,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quando Alberto Moravia cominciò a scrivere questo capolavoro, nel 1925, non aveva ancora compiuto diciott'anni. Intorno a lui l'ltalia, alla quale Mussolini aveva imposto la dittatura, stava dimenticando lo scoppio d'indignazione e di ribellione suscitato nel 1924 dal delitto Matteotti e scivolava verso il consenso e i plebisciti per il fascismo. Il giovane Moravia non si interessava di politica, ma il ritratto che fece di un ventenne di allora coinvolto nello sfacelo di una famiglia borghese e dell'intero Paese doveva restare memorabile. Il fascismo eleva l'insidia moderna dell'indifferenza a condizione esistenziale assoluta.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,29
di 5
Totale 34
5
16
4
13
3
4
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    sofia

    27/09/2019 16:28:49

    Molto bello

  • User Icon

    Joe

    25/09/2019 07:36:30

    Un romanzo in grado di manifestare le enormi capacità introspettive dell’autore attraverso una narrazione che è sospesa sopra le teste dei personaggi , che sembra apparentemente non entrare nelle loro menti, ma che al contrario rivela proprio attraverso le motivazioni non date dei loro gesti, i pensieri non espressi di questa famiglia, che consuma la propria rottura in un silenzio greve, tutto il loro mondo interiore, il quale inesorabile muove verso un’evoluzione negativa, che si sarebbe potuta evitare se solo ciascuno di loro non fosse stato così chiuso, così sfiduciato rispetto alla capacità di essere ascoltato, compreso. Un piccolo nucleo di corruzione morale, di analfabetismo emotivo prende forma in questo capolavoro assoluto di un all’epoca giovanissimo Moravia. Un esordio da vero, grande scrittore.

  • User Icon

    vera

    24/09/2019 20:03:18

    "Gli Indifferenti" ebbe un grande successo di critica e di pubblico ma non piacque alla dittatura fascista che, in seguito, ne vietò la ristampa. Il romanzo, in effetti, fornisce un quadro della società italiana del tutto diverso da quello rassicurante che la propaganda di regime si preoccupava di diffondere. Qui la borghesia, descritta senza alcuna reticenza, si svela in tutta la sua corruzione morale al di là del paravento del suo ipocrita perbenismo.

  • User Icon

    Giuseppe

    20/09/2019 14:08:58

    Scritto da un Moravia giovanissimo, stile fresco. Qui affronta molti dei temi che saranno poi ripresi in fase più matura.

  • User Icon

    luigi

    20/09/2019 08:12:31

    Un bel romanzo scritto male. Lo stile asciutto di Moravia si adatta perfettamente ai fatti descritti. I personaggi non brillano di originalità, spesso si perdono in riflessioni chilometriche e frasi fatte. "Ma il bello dov'è allora?"penserete. Il bello è che tutto questo è voluto. Moravia rende perfettamente la meschinità e la bassezza che si nascondevano (e forse si nascondono tuttora) dietro al mondo della ricca borghesia, in questo caso quella romana. È dunque un romanzo di denuncia sociale, che va a smascherare le falsità e lo squallore vigenti nella prima metà del novecento italiano.

  • User Icon

    Valoroso

    19/09/2019 12:37:33

    Davanti al tracollo economico della famiglia, una ragazza tenta di rubare l’amante alla madre. Il fratello, nella più totale indifferenza, amoreggia con Lisa. Romanzo che attacca duramente la borghesia italiana di quegli anni. Non lo ritengo un capolavoro, ma è un buon libro.

  • User Icon

    Maria

    19/09/2019 11:07:21

    Bel libro, bella storia. Anche se ancora molto giovane e forse ancora inesperto dei drammi della vita e delle inquietudini di certe anime, Moravia tuttavia descrive minuziosamente e con vera maestria alcuni personaggi dell'alta borghesia drasticamente coinvolti in una spirale di menzogne, tradimenti, apatia ed egoismo.. Pensieri ed emozioni di tali personaggi, con i loro intimi interrogativi e contraddizioni, sono messi a nudo dalla penna incredibile di questo Scrittore. Molto bella ed efficace anche la descrizione dell'immaginario processo che arrovella la mente e l'anima di Michele, uno dei più malati d'indifferenza di questa storia.

  • User Icon

    giorgio g

    27/03/2019 09:43:52

    È la storia di Leo Merumeci, attorniato da Lisa e Michele, da Carla e dalla madre Mariagrazia, legate da rapporti malsani: infatti Leo si divide tra Carla e la madre, mentre Michele amoreggia con Lisa. Vale oggi la pena di leggere un libro di novant’anni fa, di un mondo che non esiste più? È quello che ci chiediamo.

  • User Icon

    Luigi

    11/03/2019 21:13:19

    Forse il primo romanzo esistenzialista della letteratura italiana, che ripropone, nel personaggio di Michele, la figura dell'inetto, colui che è incapace di agire, fermo nel suo continuo pensare e divorato dai suoi stessi pensieri. Scritto da un Moravia giovanissimo che, seppur non ancora interessato alla politica del suo tempo, rappresenta con tratti memorabili l'insidia dell'indifferenza moderna generata dal nascente fascismo.

  • User Icon

    Bice

    11/03/2019 13:01:11

    Quest'opera giovanile di Alberto Moravia che traccia un ritratto nitido, preciso e impietoso di una famiglia borghese che stagna nel suo piccolo mondo di cui è prigioniera. Tutti sono senza scampo, chiusi nei loro stereotipi, incapaci di un colpo di coda, di risollevarsi, di un’azione che possa cambiare un destino avverso cui inesorabilmente vanno incontro. Un’opera prima che, a dispetto del titolo, non lascia affatto indifferenti, ne consiglio la lettura.

  • User Icon

    Aurora Stormborn

    10/03/2019 22:03:59

    Classico della letteratura italiana, unico motivo per cui mi sono cimentata nella lettura: la scrittura di Moravia (che completò questo libro da giovanissimo) è sicuramente gradevole, a tratti cinematografica, a tratti poetica. Il mio problema sorge con la trama... i personaggi sono ben delinati, ma irritanti, la storia è ben progettata, ma blanda. Non mi ha lasciato granché, se non una nausea di fondo, e credo sia questo a cui lo stesso Moravia puntava. Tuttavia, non mi ha entusiasmata come avrei voluto. Peccato.

  • User Icon

    Daniele

    10/03/2019 18:42:22

    Un romanzo che va letto in quanto grande classico della letteratura italiana. È ambientato negli anni 20 ed ha come protagonisti Carla e Michele, due fratelli di una famiglia borghese in decadenza. Entrambi, a proprio modo, cercano di affrontare la loro impossibilità di agire o prendere posizione su alcunché, unita ad una spaventosa mancanza di sentimenti di alcun tipo. A dire il vero mi aspettavo un libro lento e noioso, visto l'intento dell'autore di trasmettere proprio lentezza e noia, ma il ritmo incalzante e quasi teatrale del romanzo mi ha stupito, mi ha catturato sin dalle prime pagine.

  • User Icon

    sara

    10/03/2019 18:10:23

    Un libro interessante che non si lascia leggere con leggerezza sebbene rappresenti il libro di esordio di un giovanissimo Moravia. Anche se ancora molto giovane e forse inesperto dei drammi della vita e delle inquietudini di certe anime, Moravia tuttavia descrive minuziosamente e con vera maestria alcuni personaggi dell'alta borghesia drasticamente coinvolti in una spirale di menzogne, tradimenti, apatia ed egoismo.. Pensieri ed emozioni di tali personaggi, con i loro intimi interrogativi e contraddizioni, sono messi a nudo dalla penna incredibile di questo Scrittore. Molto bella ed efficace anche la descrizione dell'immaginario processo che arrovella la mente e l'anima di Michele, uno dei più malati d'indifferenza di questa storia.

  • User Icon

    Rossana

    10/03/2019 14:40:42

    La famiglia Ardengo, composta da Mariagrazia, madre rimasta vedova, e dai due figli Michele e Carla, è completamente indifferente di fronte al declino della società borghese di inizio novecento, e della loro stessa famiglia. Sono in rovina, ma questo non riesce a turbarli poiché sono presi ognuno dai propri pensieri. Tutti i personaggi rifiutano continuamente di giudicarsi e di trovare dentro di sé una via d' uscita ai loro problemi. Appaiono quasi privi di autocoscienza, non vengono toccati dalla crisi economica, non vengono attaccati dalle parole di chi li insulta.

  • User Icon

    simone

    08/03/2019 22:11:12

    Gli indifferenti è il romanzo d'esordio di Moravia eppure già continene gran parte degli elementi che poi contraddistingueranno la sua produzione futura relativamente ai romanzi. Il Sesso usato come strumento per "possedere" il prossimo, l'incapacità di provare reali sentimenti e quindi l'apatia verso tutto e tutti sono elementi e tematiche che spesso ritornano nelle opere e nei personaggi dello scrittore romano. Oltre ad essere una fotografia del periodo storico in cui è stato scritto (il ventennio fascista) credo si possa affermare che è una vivida immagine della società borghese del '900 e quindi è ancora drammaticamente attuale. Per questo va assolutamente letto.

  • User Icon

    Elsa

    08/03/2019 20:31:24

    Un libro dannatamente attuale che mostra lo squallido spaccato di un pezzo di società che ancora esiste e credo non cesserà mai di esistere. L'uomo ricco, elegante (Leo) che pensa soltanto a soldi e a sesso senza sviluppare alcun sentimento. Privo di etica morale vuole prendersi la figlia di Mariagrazia, la donna che per tanto tempo è stata la sua amante. Carla, la ragazza che mai è stata amata e che decide di concedersi a Leo per scivolare sempre più in basso e cambiare forse la sua vita. Mariagrazia che da anni si umilia correndo dietro un uomo che non la vuole e forse non l'ha mai voluta. Lisa, l'amica di famiglia che vive questo amore adolescenziale, questa passione bambina nei confronti di Michele. Michele, il personaggio a cui ho voluto più bene. Michele che non prova sentimenti: non riesce ad amare Lisa nonostante il tiepido trasporto sessuale che sente quando lei si fa più intraprendente. Non ama nessuno, non odia nessuno anche se vorrebbe. Non riesce ad uccidere Leo quando vuole farlo, non riesce neanche veramente ad odiarlo quando viene a sapere della relazione che ha con sua sorella. Tutti i personaggi sembrano incatenati, si muovono nella loro prigione per cambiare le cose, forse si sacrificano, a modo loro, ma inesorabilmente finiscono sempre più in basso nel barbaro circo equestre che è la vita, affondando nel patetico. Mi è piaciuto. Da leggere una volta nella vita.

  • User Icon

    Alessandro

    08/03/2019 11:45:36

    È un libro complesso nella sua scarnezza e secchezza lessicale, nei suoi pochi personaggi-maschera e nelle vicende che si ripetono sempre uguali. Di primo acchito ho fatto fatica a leggerlo, poi sono entrata nello spirito che l'autore vuol far trasparire dai suoi personaggi: una realtà indifferente e incapace di agire che si ripete sempre uguale a se stessa e da cui non si riesce a uscire. Sicuramente un libro interessante ma che non si lascia leggere con leggerezza.

  • User Icon

    mary@t

    07/03/2019 22:17:33

    Gli indifferenti" viene pubblicato nel 1929 e ottiene i pareri entusiastici di molti uomini di lettere dell'epoca come Borgese e Bontempelli. Tuttavia, nel clima del Ventennio fascista, questo romanzo rappresenta una voce fuori dal coro. Fin dalla prima pagina, il libro è imperniato da una forte tensione sessuale che viene evocata già nella prima scena in cui Leo cerca di sedurre la giovane Carla. Questa tensione si esaurirà quasi alla fine del romanzo e sarà uno dei motivi principali per cui il lettore non riuscirà a staccarsi dalle pagine de' "Gli indifferenti", fino a quando non lo avrà terminato. sappiate che questo è il romanzo della non realizzazione. Nulla esplode sulla pagina, nulla avviene davvero o per lo meno non come penseremmo noi. Non dobbiamo dimenticarci, infatti, che i protagonisti di questa storia sono dei borghesi che provano noia ed indifferenza nei confronti della vita ed è proprio per questo che non trovano il coraggio di affrontarla di petto. I problemi si trascurano come se non esistessero davvero, si cerca di cambiare la propria esistenza non in positivo ma in negativo e, per di più, non si giunge mai alla resa dei conti. L'unico che sembra rendersi conto di ciò che sta davvero accadendo è Michele. Michele è quel che si dice un vero e proprio inetto, ma con una particolarità da non trascurare: è assolutamente consapevole della sua inabilità alla vita. Mi sono già dilungata abbastanza su questo romanzo che ormai tutti conosco e che la maggior parte dei miei lettori avrà già letto. Sono certa, però, che tra voi c'è ancora chi, per via un timore reverenziale nei confronti di Moravia, non ha ancora affrontato quest'opera. Ecco, proprio a voi dico: non abbiate paura, aprite Gli indifferenti e leggetelo, perché vi renderete conto fin dalle prime pagine che è un romanzo attualissimo, pieno di spunti di riflessione che scorre via troppo in fretta.

  • User Icon

    Davide

    07/03/2019 19:26:35

    “Così mi ero messo in testa di scrivere un romanzo che avesse al tempo stesso le qualità di un’opera narrativa e quelle di un dramma. [...] Basti dire che io ancora prima di scrivere, desideravo vivere la tragedia. Tutto ciò che era delitto, contrasto sanguinoso e insanabile, passione spinta al grado estremo, mi attraeva infinitamente. Ciò che si chiama vita normale non mi piaceva, mi annoiava e mi pareva privo di sapore. Con ogni probabilità in quel tempo scrivere per me fu un surrogato delle esperienze che non avevo fatto e che non riuscivo a fare”. • È il 1925 quando un Moravia non ancora diciottenne inizia a scrivere il suo romanzo più famoso che lo consacrerà come uno dei più grandi scrittori italiani: “Gli indifferenti”. • Dal carattere fortemente antiborghese e dall’aperta polemica sociale, “Gli indifferenti” racconta lo sfacelo di una famiglia borghese: Mariagrazia, Carla, Michele e Leo vivono d’apparenza, di valori precari e di grottesche pantomime. • La forte tensione sessuale che si respira fin dalla prima pagina, l’odore della tragedia che sta per compiersi che impernia tutto il romanzo, il male di vivere di cui soffre Michele, rendono questo testo scorrevole, attuale e davvero interessante. •

  • User Icon

    Carletta

    07/03/2019 19:01:31

    Gli indifferenti di Moravia è un libro che ho amato. La forte tensione sessuale, la tragedia che incombe e sta per compiersi, il male di vivere e tanto altro vi faranno amare l’esordio letterario di Moravia, ancora attualissimo per i temi che si propone di affrontare, e davvero scorrevole. Leggetelo!

Vedi tutte le 34 recensioni cliente
  • Alberto Moravia Cover

    Alberto Moravia esordì giovanissimo pubblicando, a sue spese, il primo romanzo, Gli indifferenti (1929). Penetrante e spietato ritratto della borghesia italiana agli inizi del fascismo, l’opera rivelò immediatamente, nella incisività di una prosa secca e analitica, la maturità di uno scrittore capace fin da allora di far tesoro delle diverse lezioni dei grandi modelli europei, dalla oggettività di De Foe alla problematicità dei romanzieri russi (specie Dostoevskij), al realismo tipologico dei francesi dell’Ottocento. Il romanzo, accolto con ostilità dalla cultura fascista che ne proibì la diffusione, fu salutato con entusiasmo solo da pochi critici accorti (Borgese, Pancrazi, Solmi).M. cominciò poi a collaborare a riviste... Approfondisci
Note legali