L' ingegnere in blu

Alberto Arbasino

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 16 gennaio 2008
Pagine: 160 p., Brossura
  • EAN: 9788845922404
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Gadda, che come uno dei suoi celebri doppi - Angeloni, il solitario commendatore prosciuttòfilo del Pasticciaccio - apparteneva alla categoria di coloro che "vissero e morirono foglie secche", dei celibi intransigenti insomma, non ha mai proliferato né intrattenuto progenie alcuna, neppure in senso lato. Eppure il destino sembra averlo, per vie misteriose, risarcito. Negli anni Cinquanta, quando molti critici lo consideravano solo un "eccentrico", per non dire un umorista "cincischiato", Gadda trova in una piccola schiera di scrittori 'irregolari' e 'sperimentali', degli ammiratori disinteressati ed entusiasti. Fra quei 'nipotini' - secondo una definizione diventata col tempo categoria critica - c'è soprattutto Alberto Arbasino, che dal grande macaronico sembra avere ereditato non solo la derisoria violenza della scrittura, ma anche la cultura cosmopolita ed eclettica, lo humour travolgente, l'insofferenza per la grammatica dei Pedanti, l'estraneità, in altre parole, alla sciapa 'minestrina collettiva'. Finalmente, all'Ingegnere Arbasino ha dedicato un ritratto che forse è anche un autoritratto, dove ora gli lascia la parola e si sottrae come uno scrupoloso, zelante scrivano, ora si concede appassionati esercizi di lettura, ora mescola alla voce di Gadda la sua, regalando, briosi calembours, ricordi personali e amene celie, ironiche filologie e fonologie, "l'aura del tempo" che i giovani fans di allora cercavano di trasmettere a quel signore in blu ritroso ma pieno di curiosità.

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,94

€ 11,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo emilio schiavon

    23/01/2008 20:04:32

    Un Arbasino fiammeggiante e in gran forma tesse le lodi ,senza piaggeria, del grandissimo CARLO EMILIO GADDA, scrittore "no global" ante litteram, intraducibile ,multiforme,stratificato, proteiforme e proteico:tra coloro che possono dare vigore e forza espressiva a una letteratura(la nostra contemporanea) esanguemente globalizzata,impersonale, con patetici tentativi di qualche scribacchino di fare "l'arrabbiato" DA LEGGERE ,anche come stimolo a RI-LEGGERE le opere dell'INGEGNERE

Scrivi una recensione

I saggi su Carlo Emilio Gadda che Alberto Arbasino ha raccolto nell'Ingegnere in blu incrociano due prospettive. La prima insiste sul tema dell'isolamento dello scrittore e dell'uomo. Ancora negli gli anni trenta e quaranta, infatti, Gadda era soltanto un "outsider", o un "umorista" allineabile a Campanile e Zavattini o, ancora, un innocuo giocoliere del linguaggio, su cui si allungava l'ombra di un presunto tardo approdo alla scrittura. Faticavano a essere compresi i suoi "interessi enciclopedici", la cultura non solo letteraria, il gusto per lo stile. Sfuggiva, soprattutto, quanto l'"ingegnere" ricavasse letteratura (e tormenti) dagli attriti con il mondo borghese in cui era cresciuto, ispirato "dagli interdetti agonici e dai tabù tetanici delle famiglie appiccicate e recluse che borbottano meccanicamente rosari, al buio per economia, e considerano ogni spesa una calamità, ogni scampanellata un annunzio di sventura". Né contribuivano a migliorarne l'"immagine" la sua "ritrosia" e il suo "riserbo", i suoi umbratili risentimenti, le sue "fissazioni traumatiche, riportate dalla Grande Guerra e dal dopoguerra e da tutta la vita stessa".
Messo a punto a giochi fatti, è il ritratto di un vecchio scrittore maniacale e sussiegoso, quello che Arbasino ci lascia in Genius loci, il primo dei saggi raccolti nel volume. In cui si effettua un necessario percorso "storico", procedendo a un ri-posizionamento dell'opera e dei suoi criteri ermeneutici (con Roscioni si dà al "groviglio"il ruolo di "un'oscura tecnica conoscitiva"). Però non è qui che Arbasino "spiega" Gadda. In effetti – e questa è la seconda possibilità prospettica – è negli altri saggi (soprattutto in Una Lombardia fantasma) che si assiste allo "scongelamento" di Gadda, e arriva a chiarirsi come all'incomprensione abbia lasciato il passo la "scoperta" dei suoi libri, che inopinatamente hanno cominciato a lasciare sulla loro strada un'"eredità". Sono queste pagine cruciali. Per quali motivi? Probabilmente perché nessuno come Arbasino ha avvicinato Gadda servendosi delle sue stesse armi: è la scrittura di Arbasino a raccontarci cos'è stato (e cos'è ancora) Gadda. Sono i suoi "esercizi di stile" fondati sull'enumerazione e la divagazione, sull'uso del "Sense of Humour d'importazione, delle Citazioni Dissimulate, delle Assonanze Sconsigliate, dell'Oralità alta o bassa" a "ridire" Gadda – senza mai imitarlo, però. Detto altrimenti: la "diagonalità" di Arbasino sembra strategia tra le più appropriate per un avvicinamento all'"ingegnere". Niente di meglio del suo "bla-bla", del suo ricorso al "pasticciaccio" come metodo per restituire "l'affascinante pout-pourri" di contraddizioni quale risultava dalla sua figura stessa". O per rifare la voce all'ingegnere "parlante (…) così identico allo scrivente".
L'ingegnere in blu diventa per questa via il "diario" di uno dei "nipotini" di Gadda (come recita il titolo del celeberrimo saggio del 1959, qui riportato in coda al volume, in cui Arbasino dichiarava la sua discendenza gaddiana). Ovvero il divagatorio resoconto di un'apparizione. Tale, a ben vedere, è l'ingresso di quel gessoso signore "old fashioned", vestito di blu, con lucide scarpe nere e cravatte innominabili, nella vita romana degli anni sessanta. Ma è lì, in quell'insensato mescolamento di opposti, e, inevitabilmente, nel racconto di quel tempo, che sta la rottura dell'embargo gaddiano (e che non si spiega soltanto con il successo del Pasticciaccio, vissuto peraltro con fatica, essendo Gadda "sempre più angustiato dagli impegni editoriali, angosciato dalle conseguenze più fastidiose del successo, bersagliato di richieste balorde, perseguitato da noiosi, da matti, da perditempo, da rompiscatole"). È in quelle aree che si nasconde la chiave con cui si apre la porta che stabilisce sintonie tra la compostezza dello scrittore milanese e l'irridente clima "camp" degli arbasiniani, inclini al rovesciamento di ogni gerarchia, insaziabili di luoghi comuni e doppi sensi.
Quanto stiamo cercando di dire è che i "regesti" di Arbasino – così ostentatamente distanti dall'oggetto – mettono finalmente a fuoco l'opera di Gadda, a partire da un'identità, che, annidata a profondità insondabili, in alcune casi emerge (esplicito è il debito dell'Anonimo lombardo verso le Novelle del Ducato in fiamme e l'Adalgisa), in altri rimane sottaciuta. Di che si tratta? Una comune "visione delle cose"? Un senso di vuoto riempito con la dissacrante ironia e autoironia, innanzitutto verbale? La pratica del dileggio e del sistematico capovolgimento? Tutto questo, e anche, dalla parte dell'"ingegnere", qualcosa d'altro: forse il sentirsi capito, la rinuncia alla necessità di dover fornire spiegazioni, il sottrarsi al plumbeo soffocante senso di colpa. L'essere sfuggito – finalmente – a se stesso, almeno per poco. È inevitabile che da lì si sia potuto cominciare a capire Gadda. Andrea Giardina