Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' invenzione occasionale - Andrea Ucini,Elena Ferrante - ebook

L' invenzione occasionale

Elena Ferrante

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 19,03 MB
Pagine della versione a stampa: 113 p.
  • EAN: 9788833571089
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«L’invenzione occasionale e` una polifonia di temi, una trama di pensieri, un laboratorio di scrittura e di poetica che prende spunto dalla dimensione apparentemente ordinaria della vita. La raccolta intercetta, sonda, incalza cio` che preme sotto l’ordine convenzionale della memoria e del presente: immagini, gesti, relazioni, necessita` ed emergenze. Violare, inceppare, disturbare sono gli atti anarchici e sovversivi che ritornano di continuo nelle tessere di questo mosaico, ispirate allo scavo e al recupero perturbante».
Tiziana de Rogatis

I testi sono stati pubblicati originariamente in inglese sul Guardian nella traduzione di Ann Goldstein nel corso del 2018.

L’invenzione occasionale e` composta da cinquantuno frammenti eterogenei di esperienze e di poetica, di intuizioni e di autobiografia. I titoli dei brevi testi modellano una mappa in movimento, definita di volta in volta dall’occhio del lettore. Attraversando soglie e frontiere diverse, rovesciando le stesse pertinenze di alto e basso, ogni tessera apre varchi tra contesti lontani, devia dal solco per meglio segnarne la traccia. Ed ecco che il racconto dell’insonnia porta all’urgenza di scrivere, i puntini sospensivi alla vilta`, l’attrazione per un attore all’autonomia dell’opera d’arte, il trauma dei traslochi all’emancipazione delle donne, le piante alla smarginatura. La scrittura si definisce cosi` come uno strumento paradossale, che afferma perentoriamente proprio quando sembra negare e divagare. Per incidere le apparenze dello stereotipo, per recuperare il vero occultato sotto la patina del verosimile, entra in scena un punto di vista nomade, al tempo stesso vicino e lontano dalla nostra vita quotidiana. Scavare, andare in profondita` sotto questa superficie significa, in particolare, ripensare l’immaginario femminile come uno splendido graffito ancora parzialmente sepolto. Oltre il denso strato dell’immaginario neo-patriarcale, della retorica dell’emancipazione o dei buoni sentimenti: da li` si sprigiona L’invenzione occasionale.

(Tiziana de Rogatis, autrice di Elena Ferrante. Parole chiave)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,08
di 5
Totale 12
5
4
4
5
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Benedetta

    17/05/2020 18:48:20

    Una rubrica settimanale commissionata dal New York Times che custodisce le opinioni, riflessioni e ragionamenti della scrittrice italiana più famosa al mondo. Per chi, come me, ama i libri della Ferrante è un’occasione unica per provare a conoscerla meglio

  • User Icon

    giuseppe

    15/05/2020 17:00:36

    La Ferrante riesce a farti immergere nei suoi pensieri con poche righe, finisci un argomento e avido inizi il successivo. Il suo modo efficace di scrivere ti trascina e il suo cervello ti incanta. Non posso che ringraziarla per avermi donato i suoi pensieri, incartati a meraviglia. Libro consigliato!

  • User Icon

    cristina

    10/11/2019 14:36:58

    Diversi argomenti trattati in poche righe essenziali e chiare. Una piacevole lettura, apparentemente poco impegnativa. Molto belle le illustrazioni.

  • User Icon

    Nicola

    04/11/2019 16:35:45

    Se possibile meglio della quadrilogia. La Ferrante riesce a farti immergere nei suoi pensieri con poche righe, finisci un argomento e avido inizi il successivo. Il suo modo efficace di scrivere ti trascina e il suo cervello ti incanta. Non posso che ringraziarla per avermi donato i suoi pensieri, incartati a meraviglia.

  • User Icon

    Nina

    21/09/2019 22:01:32

    Ho letto L'invenzione occasionale di Elena Ferrante edito e/o edizioni è un libricino che racchiude alcuni pezzi di una rubrica che la Ferrante ha tenuto per un intero anno sul guardian. È molto personale molto bello. Pieno di spunti perché parla della scrittura, della sua insonnia, del suo rapporto con le figlie, soprattutto parla molto di scrittura. Quindi se siete degli scrittori e vi piace scrivere, ve lo consiglio sinceramente perché analizza nel dettaglio come lei processa la scrittura, qual è il meccanismo che la porta a scrivere. Quindi una lettura estremamente interessante!

  • User Icon

    Francesco

    21/09/2019 09:51:40

    La Ferrante dà prova di uno stile personale, affilato e accurato che conserva e, anzi, affina ad ogni prova letteraria. Questi 51 frammenti per il Guardian sono riflessioni che cercano profondità e verità seppure nel loro spazio limitato, a ulteriore dimostrazione che la lunghezza non è metro di qualità. Seppure la Ferrante sia da considerare un personaggio fittizio, un alterego di una scrittrice o di uno scrittore o di un gruppo di scrittori, la sua è un’identità forte e ben strutturata e la coerenza della sua personalità è dinamica e viva, e risalta anche quando questa rubrica viene raccolta in volume e le riflessioni vengono poste in sequenza. Ero scettica riguardo alla lettura di questo volume, ma devo dire che mi ha sorpreso per il suo valore letterario. La Ferrante è una delle grandi scrittrici del nostro tempo, ormai è fuor di dubbio, una che mette d’accordo critica e pubblico.

  • User Icon

    Fede

    19/09/2019 09:04:24

    La Ferrante dà prova di uno stile personale, affilato e accurato che conserva e, anzi, affina ad ogni prova letteraria. Questi 51 frammenti per il Guardian sono riflessioni che cercano profondità e verità seppure nel loro spazio limitato, a ulteriore dimostrazione che la lunghezza non è metro di qualità. Seppure la Ferrante sia da considerare un personaggio fittizio, un alterego di una scrittrice o di uno scrittore o di un gruppo di scrittori, la sua è un’identità forte e ben strutturata e la coerenza della sua personalità è dinamica e viva e risalta anche quando questa rubrica viene raccolta in volume e le riflessioni vengono poste in sequenza. Ero scettica riguardo alla lettura di questo volume, ma devo dire che mi ha sorpreso per il suo valore letterario. La Ferrante è una delle grandi scrittrici del nostro tempo, ormai è fuor di dubbio, una che mette d’accordo critica e pubblico.

  • User Icon

    Nicoletta

    26/08/2019 14:08:30

    Bellissimi e profondi pensieri a ruota libera dell'autrice,da cui si capisce anche il suo nascondersi al pubblico per evidenziare la sua opera.

  • User Icon

    Leonardo de Chanaz

    05/06/2019 11:13:29

    È pur sempre una grandissima scrittrice. Ma è un peccato rinchiuderla in una gabbia perigrafata con limiti troppo angusti. Obbligarla a limitarsi a una paginetta su ogni argomento equivale a metterla in catene. Bellissima la pagina su "Gravida", che esplora magnificamente la dimensione fisica della maternità.

  • User Icon

    n.d.

    04/06/2019 09:02:16

    Per chi ama la Ferrante è un libro da non perdere perchè attraverso queste riflessioni si conosce meglio l'autrice

  • User Icon

    Selva

    16/05/2019 14:15:22

    Leggere le rubriche settimanali di Ferrante e come leggere di nuovo i pensieri della Elena dell’Amica geniale, ma nella sua reale e vera quotidianità. Per me è uno stile di scrittura eccellente ed eccezionale, anche se non sempre condivido le sue opinioni.

  • User Icon

    maria

    16/05/2019 13:00:47

    ogni mattina un paio di paginette e si ha modo di riflettere tutta la giornata sul contenuto

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Elena Ferrante Cover

    Elena Ferrante è autrice dell’Amore molesto, da cui Mario Martone ha tratto il film omonimo. Dal romanzo successivo, I giorni dell’abbandono, è stata realizzata la pellicola di Roberto Faenza. Nel volume La frantumaglia racconta la sua esperienza di scrittrice. Nel 2006 le Edizioni E/O hanno pubblicato il romanzo La figlia oscura, da cui verrà tratto un film diretto da Maggie Gyllenhaal e con protagonista Olivia Colman, nel 2007 il racconto per bambini La spiaggia di notte illustrato da Mara Cerri e nel 2011 il primo capitolo dell’Amica geniale, seguito nel 2012 dal secondo, Storia del nuovo cognome, nel 2013 dal terzo, Storia di chi fugge e di chi resta e nel 2014 dal quarto e ultimo, Storia della bambina perduta, finalista al Man Booker International... Approfondisci
Note legali