Categorie

Marcovaldo ovvero Le stagioni in città

Italo Calvino

Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: XLIX-141 p., Brossura
  • EAN: 9788804667995
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simone

    21/01/2016 15.19.13

    Micro racconti che compongono un universo, quello di Marcovaldo e della città (immaginaria ma non troppo) in cui abita. Calvino è un poeta della semplicità: lo dimostrano i dialoghi che animano le storie, il linguaggio scorrevole e lineare, le immagini che dipinge, le morali e i messaggi dietro i racconti. Un piacere senza precedenti.

  • User Icon

    Leo

    26/01/2015 16.59.15

    Marcovaldo e' stato pubblicato in prima edizione nel 1963. Partite come divagazioni comico-poetiche sul tema-tipico del neorealismo del dopoguerra-della piu' elementare lotta per la vita, le venti favole di Marcovaldo arrivano alla satira del "miracolo economico e della civiltà del consumo, ma sempre restano fedeli a una classica struttura narrativa:quella delle storielle e vignette dei giornalini dell'infanzia. In mezzo alla città di cemento e asfalto, Marcovaldo va in cerca della Natura. Ma esiste ancora la Natura? quella che egli trova e' una natura dispettosa, contraffatta, compromessa con la vita artificiale. Personaggio buffo e melanconico, Marcovaldo e' il protagonista d'una serie di favole moderne, dove Italo Calvino e' andato segnando, come in un suo block-notes, avvenimenti impercettibili di una grande città industriale, quali possono essere il passaggio d'una nuvola carica di pioggia o l'arrivo mattutino d'uno sbuffo di vento. Quando le avventure di Marcovaldo hanno raggiunto un bel numero, seguendo come in un colorato calendario l'alternarsi delle stagioni, Calvino le ha disperse in un libro.

  • User Icon

    Luigi

    16/11/2010 18.43.08

    Il libro risulta molto divertente e si legge facilmente. Alcuni capitoli risultano più piacevoli di altri. Indubbiamente il libro ha un significato molto più ampio rispetto al contenuto. E' uno dei primi libri appartenenti al neorealismo. Devo dire che però non mi ha preso come altri libri di Calvino (il sentiero dei nidi di ragno su tutti), forse perchè non vivo in città e alcuni argomenti non riesco a farli miei al 100%. Tutto sommato si tratta comunque di un buon libro di un grande scrittore.

  • User Icon

    sandro landonio

    10/05/2010 00.33.52

    Marcovaldo, manovale, padre di sei figli, vive nella città severa, arrabattandosi per trovare soluzioni ai pratici problemi della sopravvivenza. Uniformato nel grande calderone della vita urbana, non si fa però toccare nel profondo dall' ambiente che lo circonda, i suoi pensieri vanno, in modo istintivo, alle stelle, agli animali, alle montagne. Non c'é spazio per retorica si tratta solo dell' antico contrasto fra velleità del singolo e prosaica realtà del sociale. Questa opposizione stimola nel lettore una malinconia surreale ma motivante. Credo che per essere apprezzato appieno abbia bisogno di un lettore adulto.

  • User Icon

    Alessandro

    17/09/2008 08.31.17

    Un libro divertente con tanti spunti amari e malinconici che non mi stancherò mai di rileggere.Alla fine mi pongo sempre una domanda:Ma tutti noi non siamo un pò come Marcovaldo?

  • User Icon

    antonio

    05/09/2008 10.23.21

    sinceramente..penso sia il + bel libro ke io abbia mai letto..sia xkè ne ho letti pochi..sia xkè nelle parole molto semplici riesco a farmi coinvolgere e a ritrovarmi nella medesima situazione del personaggio..

  • User Icon

    elisabetta

    11/05/2006 19.56.50

    sinceramente trovo qst libro abb banale...anche dietro la banalità però c'è sempre qlcs di interessante...Mi è piaciuta molto la critica di Calvino sula società odierna e sul modo d vivere della gente, molto spesso superficiale e priva di attenzione. Il personaggio di marcovaldo è bizzarro, e per qst curioso

  • User Icon

    bruno

    24/04/2006 20.16.01

    Questi racconti sono incredibilmente coinvolgenti e centrano perfettamente il contrato tra natura e città con la quale gli umani si distruggono a vicenda. questi racconti danno oltre che una visione contrapposta tra creato e modificato anche una visione storica di com'era la vita nel periodo successivo al boom economico in Italia

  • User Icon

    cecilia

    19/04/2006 12.02.21

    Questo libro è molto realistico perchè mette in luce il consumismo che ci assilla...nonostante la triste realtà trovo che italo calvino abbia voluto trasmettere in marcovaldo il suo carattere e la sua simpatia...

  • User Icon

    Inacio Pia

    06/01/2006 11.39.05

    Questo libro mi è piaciuto molto perchè Italo Calvino fa una critica del mondo industriale attraverso una chiave comica

  • User Icon

    michela

    02/11/2005 16.51.15

    questo libro fa riflettere molto nel mondo in cui viviamo...una società di consumatori che non apprezza le cose semplici del mondo che ci circonda...

  • User Icon

    stefania

    05/10/2005 18.57.05

    questo libro è bello e molto divertente, credo che questo libro faccia divertire un kasino di gente. non me lo aspettavo proprio che Italo Calvino scrivesse dei libri così comici

  • User Icon

    s

    28/07/2005 13.26.48

    BELLISSIMO

  • User Icon

    serena

    04/04/2005 13.35.10

    il libro racconta varie vicende vissute da marcovaldo,uomo con molti figli e una moglie che piano piano conosce e scopre il mondo ke ancora nn conosce.

  • User Icon

    Ila

    08/01/2005 22.02.39

    Un libro che da un lezione all cinismo e al consumismo della società attuale! Marcovaldo siamo noi, prigionieri del grigiore cittadino e monotono in cerca di libertà!!!

  • User Icon

    Alessandro Rodighiero

    01/11/2004 08.03.41

    Un Fantozzi inventato da Calvino con lo scopo di dare una lezione di vita al lettore: a volte è divertente, ma l' allegria lascia intatta quella punta di tristezza presente in tutto il libro.

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione