Memorie di un'opera d'arte. La marchesa Casati

Luca Scarlini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Skira
Collana: StorieSkira
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 5 novembre 2014
Pagine: 112 p., Brossura
  • EAN: 9788857224190
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 7,56

€ 14,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Discendente della dinastia tessile degli Amman, Luisa Casati Stampa (1881-1957) rimase presto orfana e si ritrovò con un enorme patrimonio da dilapidare. Milano, sua città natale, Roma, Venezia, Parigi - dove prese dimora nell'enorme e ingestibile Palais Rose - e infine Londra furono i suoi palcoscenici. Attratta da ogni eccesso, dalle droghe all'occulto, fu modella di tutti i protagonisti delle avanguardie, avendo al suo fianco una corte di iconografi intenti a celebrare le sue gesta in maschera. Leggendaria, sprezzante, chimerica, fu compagna di D'Annunzio e finì i suoi giorni in miseria. Cecil Beaton la inseguì nei suoi ultimi anni per ritrarre la sua decadenza, ma lei si schermì, preferendo affidarsi al ricordo. Una memoria che ha ispirato artisti, scrittori, creatori di moda e performer, affascinati dal suo "vivere inimitabile".
4
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    MCF

    14/12/2018 16:10:37

    Scarlini dipinge la contessa Luisa Amman Casati come una donna votata al divertimento, dotata di un gusto macabro e di una superficialità incredibile che l'ha portata alla bancarotta. L'autore ha il merito di ricordare un personaggio originale che ha condizionato la moda della sua epoca e di quelle successive; ma, forse per la mancanza di materiale, non riesce ad essere particolarmente avvincente. La mia opinione personale è che le biografie femminili andrebbero scritte dalle donne, più esperte di vestiti, trucchi, gioielli e di tutto quanto riguarda e interessa l'universo femminile. Inoltre mancano fotografie e ritratti senza i quali una biografia diventa asettica.

  • User Icon

    Carolina Castillo

    10/02/2015 23:01:12

    La nipote della divina marchesa, Lady Moorea Black, scrisse di lei: "Se vedeva qualcosa che le piaceva, doveva averla. Per cui, se voleva una cosa che avevi tu, si toglieva uno dei suoi gioielli e te lo dava, anche se quello che prendeva in cambio non valeva niente".

  • Luca Scarlini Cover

    Luca Scarlini è nato a Firenze nel 1966, si occupa di drammaturgia contemporanea e di letteratura comparata. Saggista e storyteller, insegna allo IED di Firenze, alla Scuola Holden di Torino, all’Università Ca’ Foscari di Venezia e in altre istituzioni italiane e straniere. Voce storica di Radio 3, scrive regolarmente su «Alias», sulla rivista «Il giornale dell’arte» e su «L’indice» come recensore di libri di teatro e spettacolo; collabora inoltre con istituzioni teatrali italiane, tra cui la Biennale di Venezia e, all’estero, con il progetto Connections del National Theatre di Londra e con il Festival Lift; con il Teatro Stabile di Parma, il Festival della Letteratura di Mantova, TTV – Videoteatro di... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali