Memorie intime, seguite dal libro di Marie-Jo

Georges Simenon

Traduttore: L. Frausin Guarino
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 1228 p., Brossura
  • EAN: 9788845924507
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,26
Descrizione
Il 19 maggio 1978, con un proiettile calibro 22, Marie-Jo, la figlia venticinquenne di Georges Simenon, si uccide nel suo appartamento di Parigi. È un suicidio annunciato, e del resto più volte tentato: dopo essere stata una bambina difficile, Marie-Jo era entrata sin dall'adolescenza in un ciclo infernale di cliniche, fughe, ospedali psichiatrici. Simenon non raggiunge Parigi, ma si preoccupa che siano eseguite le estreme volontà della giovane, contenute in una lettera straziante trovata accanto al cadavere. Nel 1980 lo scrittore compone queste "Memorie" per commemorare la figlia, ma anche per placare insieme il dolore e i sensi di colpa e dà vita a una sorta di grande affresco autobiografico.

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 19,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    annacarla

    16/10/2011 22:23:45

    Sembra impossibile che un abile scrittore come Simenon possa essere tanto piatto, banalmente descrittivo e insopportabilmente noioso quando racconta di sè. Un suggerimento? Saltate le prime mille pagine e andate direttamente alle ultime, cioè al "Libro di Marie-Jo": lì, nelle parole della ragazza, al di là di qualche compiacimento narcisistico, troverete finalmente quelle vibrazioni di umanità, di anima, di vita e di poesia che sono assenti in tutta l'autobiografia del suo illustre padre. Non sarà facile dimenticare la disperazione di Marie-Jo, unico significato di un libro che, senza di lei, sarebbe del tutto inutile.

  • User Icon

    M.T.

    01/03/2011 07:33:59

    Questa biografia lascia stupefatti per le frequenti volgarità che ci racconta Simenon. Lui ripete "capire e non giudicare" ma raccontare ai figli certi particolari della sua intimità... Una totale mancanza di etica condita da delicatezze verso i bambini, un "mostro" travestito da padre buono e amorevole.

Scrivi una recensione