Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 agosto 2013
Pagine: 448 p., Rilegato
  • EAN: 9788811682752
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34
Descrizione

Protagonisti, più o meno volontari, quattro ragazzi di paese, una banda di "imbecilli" che mette a soqquadro l'intera Bellano. Naturalmente finiscono subito nel mirino del maresciallo maggiore Ernesto Maccadò, che avverte le famiglie gettandole nel panico. A far da controcanto, la sorella di uno di loro: la piccola, pallida, tenera Filzina, segretaria perfetta che nel tempo libero si dedica alle opere di carità: ma anche lei, come altre eroine di Vitali, finirà per stupirci. Tutto intorno si muove come un coro l'intera cittadina: il prevosto e i carabinieri della locale stazione, il podestà e la sua stranita consorte, la filanda con i suoi dirigenti e gli operai. E ancora il Crociati, esperto cacciatore che non ne becca più uno; la Luigina Piovati, meglio nota come l'Uselànda (ovvero l'ornitologa...); Eufrasia Sofistrà, in grado di leggere il destino suo e quello degli altri; e persino una vecchina svanita come una nuvoletta, che suona al pianoforte l'Internazionale mentre il Duce conquista il suo Impero africano... Ma nell'intreccio hanno un ruolo importantissimo - e assai sorprendente - anche i gatti e i piccioni di Bellano. E si sentono la breva e la neve gelata che scende dai monti della Valsassina: insomma, si respira inconfondibile l'aria del lago.

€ 5,34

€ 9,90

5 punti Premium

€ 7,42

€ 9,90

Risparmi € 2,48 (25%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    valentina chieco

    01/11/2018 16:34:45

    Ho saputo di "Olive comprese" perché citato da Camilleri in un suo libro, mi piace molto questa connessione di carta

  • User Icon

    Daniela

    15/10/2018 22:25:20

    Il più bello della serie dei romanzi di Vitali ambienti entrati a Bellagio, divertente e.."rilassante ". Un tuffo nel passato.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    18/07/2018 16:45:47

    Come in tutti i romanzi di Vitali ci troviamo a Bellano, sul lago di Como, l’epoca è quella ventennio, l’anno quello della proclamazione dell’Impero; la vita è quella solita del paese con un podestà che ha una moglie che è una povera demente e ritroviamo anche il Maresciallo Maccadò, tutto intento a programmare la messa in cantiere di altri figli per arrivare al numero prefissato dallo stesso, vale a dire sei. L’atmosfera è quella un po’ sonnacchiosa di una piccola realtà, con qualche improvviso sprazzo pirotecnico legato a ricorrenze importanti o a eventi clamorosi. Purtroppo, in questa quiete generale, c’è chi provvede a combinare dei guai, degli scherzi piuttosto pesanti, insomma le tipiche scemenze di una banda di imbecilli ormai oltre il periodo della pubertà, dei vitelloni, senza arte né parte che i genitori non riescono a ricondurre sulla retta via. Per fortuna, però, c’è il nostro Maccadò che si curerà di loro, riuscendo a raddrizzarli con metodi validi, anche se non proprio ortodossi. Un po’ commedia degli equivoci, un po’ una spruzzatina di giallo, l’aggiunta di qualche particolare o fatto boccacesco, il tutto ben amalgamato porta a un’opera che risulterà facilmente gradita al lettore, anche perché l’autore infila, nella vicenda principale, delle altre storie che indirettamente si ricollegano e che hanno il pregio, a volte, di mostrare alcuni spaccati di quella che è la vita di un piccolo paese, quale è appunto Bellano. Non manca anche una leggera vena ironica, presente addirittura anche in occasione di dipartite, insomma se le pagine (448) sono tante, è altrettanto vero che la lettura scorre via veloce e che si arriva alla fine in un “amen”. E’ inutile pretendere di più, è illogico cercare messaggi di alto livello, ma se si vuol trascorrere piacevolmente un po’ di tempo questo libro è l’ideale e perciò è del tutto naturale consigliarlo.

  • User Icon

    cristina

    06/09/2016 13:32:38

    Vitali non delude mai, quando sono stufa delle altre letture mi gusto uno dei suoi racconti dal sapore vintage, dalla delicata costruzione di intrecci mai scontati e il cui fine ultimo è incuriosire il lettore facendolo sorridere mentre legge.... consigliato, un racconto delizioso....

  • User Icon

    Leonardo de chanaz

    10/05/2016 06:04:53

    Quando la lettura di un saggio mi stanca, arriva Andrea Vitali! Una vacanza! Lo ringrazio per questo ennesimo romanzo, dove domina la maestria della commedia dell'arte. scene alla Goldoni ma in salsa lombarda. Io lo leggo per divertirmi, e ci riesco. Ora mi accingo a letture "serie", ma Vitali mi mancherà. Ma ne metto un altro nella lista dei desideri.

  • User Icon

    Rosanna

    08/02/2016 10:16:49

    Grande Vitali, uno dei libri migliori di Vitali, complimenti

  • User Icon

    Mauro

    28/06/2015 18:20:04

    Bellissimo, divertente, coinvolgente! Non potevo passare di qua e non scriverlo. Grande Vitali.

  • User Icon

    Elena

    15/03/2015 19:02:48

    Viatli rimane sempre al top. Ben scritto, divertente, pieno di passi esilaranti.

  • User Icon

    MissMarple

    29/01/2015 15:28:35

    Un'altro spaccato della vita di paese alla fine degli anni '30.Fra pettegolezzi,intrighi,equivoci e leggende popolari si sviluppano le storie degli abitanti di Bellano.Ironico,divertente con un tuffo in un passato semplice e genuino. Un'altro bel libro di Vitali.

  • User Icon

    Giacomo

    17/12/2014 14:53:24

    Andrea Vitali scrive molto bene, ma non capisco dove si vada a parare. L'inizio mi ha lasciato ben sperare e fino a metà sono rimasto fiducioso. Solo la facile lettura mi ha consentito di arrivare alla fine, con la speranza di un finale folgorante. Invece niente. Inconcludente. Peccato.

  • User Icon

    Mattea

    29/10/2014 10:59:04

    Molto simpatico!

  • User Icon

    ales

    09/09/2014 09:40:39

    Divertente e frizzante come lo sono i libri di Vitali. Non stancano mai.

  • User Icon

    angelo

    25/07/2014 13:39:10

    Ingredienti: un minuscolo paesino sul lago di Como con tanti curiosi abitanti, qualche ironica zingarata dalle tragicomiche conseguenze, un groviglio di piccioni avvelenati, "olive" extralarge, santone ed ornitologhe, gli anni bui del fascismo come cornice della trama. Consigliato: agli estimatori di fuochi d'artificio lunghi 400 pagine, agli amanti della commedia umana recitata con mille toni e colori.

  • User Icon

    Clara

    24/05/2014 17:03:20

    Bellissimo! Frizzante, divertente e geniale il modo di legare i capitoli tra loro! Per non parlare del titolo, il cui significato verrà svelato al lettore in un turbinio di ironia! Grandissimo Vitali come sempre

  • User Icon

    Faby

    26/01/2014 17:03:12

    Davvero ben scritto, ironico, leggero... Consigliato!

  • User Icon

    Nicola

    26/12/2013 09:58:47

    Libro ironico di facile lettura che consiglio a tutti. Divorato in tre giorni. La descrizione di alcuni personaggi in particolare è esilarante e le vicende che coinvolgono gli abitanti del paesino ben costruite. Simpatico!!

  • User Icon

    Carmine_76

    08/10/2013 16:01:05

    Scritto bene e di facile lettura, ambientato nel periodo fascista in un paesino sul lago di Como, narra delle vicende familiari dei principali personaggi della vita di paese, il prete, il maresciallo, il dottore, il salumiere ed il figlio di papà benestante; piacevole, rilassante ma nulla di più.

  • User Icon

    Alessandro

    03/10/2013 09:03:43

    Storia che racconta la vita di un paesino provinciale negli anni del fascismo.Le vite dei personaggi si intrecciano fra loro dando al racconto una trama davvero ricca di eventi

  • User Icon

    francesca

    26/09/2013 19:01:05

    ironico, divertente, i personaggi che si completano l'uno con l'altro. ho conosciuto Vitali scrittore con questo romanzo e non l'ho più abbandonato.

  • User Icon

    SERGIO

    09/07/2013 18:22:32

    Deludente. Inconcludente. Vitali è soltanto un fantasioso "raccontatore" di insulsi fatterelli di paese, concatenati fra loro per dare una trama ad una vicenda che pretende di far assurgere a idea di romanzo. A volte, l'autore mi ricorda quegli scolari che, non sapendo dare sostanza e concretezza allo svolgimento di un tema, si perdono in inutili chiacchiere per "allungare il brodo"?.. E così, ne escono fuori libri di oltre 400 pagine, spesso ridotte a brevi frasi o addirittura a solitarie parole, per lo scopo affaristico di una casa editrice che si compiace di stamparle. Irritante.

Vedi tutte le 107 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione