copertina

L' operaio

Ernst Jünger

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: Quirino Principe
Editore: Guanda
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: giugno 2020
Pagine: 320 p.
  • EAN: 9788823524071

€ 13,30

In uscita da: giugno 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Apparso in Germania nel 1932, "L'operaio" è uno dei testi più discussi e profetici di Junger. Un saggio politico di grande energia e straordinaria lucidità, in cui la figura dell'operaio assurge a dimensione mitica come intreprete supremo del mondo moderno e delle forze che esso sprigiona.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 3
5
1
4
0
3
0
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Roberto Pisciella

    03/01/2015 23:09:06

    Ho compreso poco del pensiero di Jùnger (da questo testo). Da una sua analisi dei tempi,aveva previsto purtroppo un mondo moderno rivoluzionario plasmato sullo stampo dell'OPERAIO,in quanto tutti a girar lo stesso mulino,anche se in modi diversi. Leggendo riflettevo sull'illusione dogmatica della Cultura che dovrebbe "liberare" il mondo da tutti i mali; niente di piu' errato.

  • User Icon

    Franz

    05/03/2009 13:51:01

    Ho letto il libro e il commento ad esso scritto da Evola. Devo dire che tra i due ho maggiormente apprezzato il secondo. Quella di Junger è sicuramente un'analisi lucida e intelligente, nel suo stile più puro, con periodi incisivi e fulminei come schegge di granata, ma le conclusioni svaporano nascondendo tra i fumi l'ossatura del trattato. Non c'è un filo conduttore,e ciò forse è un effetto voluto, ma per il lettore diventa impresa ardua seguire ogni preciso ragionamento. Forse, come nella maggior parte dei casi, la traduzione è la maggior responsabile di questo perdersi in mille rivoli, ma ho l'impressione che sia proprio la filosofia di Junger ad esser un poco traballante: un gran cozzare di socialismo,nihilismo e prussianesimo, molte scintille ma poca materia lavorabile. Diciamo che può esser interessante leggerlo, ma vi sono testi filosofici assai più degni di uno sforzo intellettuale da parte del lettore. Io, personalmente, Junger lo preferisco come narratore.

  • User Icon

    Francesco

    10/01/2006 19:38:07

    Semplicemente stupendo! Junger coniuga perfettamente la sua esperienza in trincea con la filosofia pre-annunciando la nascita di una nuova era (quella della tecnica) dai campi della I Guerra Mondiale e l'avvento di un nuovo tipo umano. Nonostante l'inniziale entusiasmo che si avverte nell'opera lascerà poi il posto, nell'evoluzione del suo pensiero, a ben altri sentimenti, la grandezza e l'importanza capitale che questo testo ricopre nel pensiero del Novecento restano innegabili. Da leggere e studiare approfonditamente magari con accanto il valido commento di studiosi seri di Junger e in Italia, nonostante tutte le fesserie che si scrivono su di Lui, ve ne sono ve lo assicuro!

  • Ernst Jünger Cover

    (Heidelberg 1895 - Riedlingen, Alta Svevia, 1998) scrittore tedesco. Volontario nel primo conflitto mondiale, idealizzò la guerra come prova di coraggio e presa di coscienza di ignote dimensioni psichiche, nel diario di guerra Tempeste d’acciaio (In Stahlgewittern, 1920), nei racconti di Fuoco e sangue (Feuer und Blut, 1925) e Ludi africani (Afrikanische Spiele, 1936), nei saggi La lotta come esperienza interiore (Der Kampf als inneres Erlebnis, 1922) e Il cuore avventuroso (Das abenteuerliche Herz, raccolti nel 1929). Nel saggio L’operaio (Der Arbeiter, 1932) polemizzò con il romanticismo politico e identificò nel lavoratore-soldato il rappresentante dell’epoca moderna, che ha distrutto in sé ogni individualità. J. fu nazista, ma già... Approfondisci
Note legali