Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Opinioni di un clown

  • User Icon
    24/05/2021 06:21:25

    Hans è un clown sull'orlo del fallimento. Dedito all'alcol, abbandonato dall'unica donna per cui prova un amore puro dettato dalla libertà e non dalle convenzioni contro cui si scaglierà più volte attraverso riflessioni e telefonate. Chi meglio del "buffone di corte" poteva cantare i difetti della borghesia, le maschere che le persone indossano continuamente? Nella Germania occidentale del dopoguerra, fra falsi benpensanti, religiosi senza compassione, impresari opportunisti, industriali di successo spicca questa figurina di clown alla deriva, spicca la grazia e la purezza del suo fallimento sociale, più che artistico.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/04/2021 16:25:47

    <<Io sono un clown, e faccio collezione di attimi>>. "Opinioni di un clown" è stato il mio primo Böll e me ne sono innamorata. Hans è imprevedibile: per tutto il romanzo non fa altro che compiere scelte sbagliate o a dir poco stravaganti agli occhi di chi vede tutto attraverso le lenti di una mentalità borghese. É l'anti-eroe che nessuno di noi vorrebbe essere, eppure lo si ama perché in un mondo di ricerca della perfezione e della realizzazione personale, che guarda caso coincide sempre con il riuscire a diventare quantomeno benestanti, Hans preferisce coprirsi di cera e indossare una parrucca, e pur così facendo, resta l'unico personaggio vero. Il libro è arrivato in buone condizioni e nei tempi previsti.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/01/2021 09:42:02

    Sicuramente da consigliare! E' un breve scorcio dell'esistenza di Hans, ventottenne agnostico rampollo di una ricca famiglia protestante tedesca che decide di fare il clown. Hans parla in prima persona e ci racconta di come la società post-guerra tedesca viva di apparenze, di parole vuote, di voglia di accumulare. Di come abbia perso Maria, giovane cattolica, figlia di un povero commerciante socialista. Di come ridotto praticamente alla fame cerchi aiuto tra i propri familiari e i vecchi amici, molti del circolo cattolico di cui faceva parte Maria. Hans non riuscirà a trovare aiuto ed in parte lo rifiuterà, perché non disposto a cedere alla morale borghese dei genitori e a quella cattolica degli amici di Maria, rei, i primi di aver pensato sempre e solo ai soldi, i secondi di essere incoerenti e soprattutto di condividere il fatto che lei l'abbia lasciato per sposare Zupfner, che è poi uno dei cinque cattolici al mondo che Hans stima veramente. Un libro bello, che si apre a molteplici interpretazioni. Ideale per la discussione in un club del libro

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    GIO
    31/12/2020 10:02:02

    «Rifiutando avvilenti compromessi, questo clown fallito finirà così per fare il mendicante sui gradini della stazione di Bonn nel giorno di carnevale e, sebbene segnato dalla disperazione, il suo resterà l’unico vero volto fra tante maschere».

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/12/2020 17:31:51
  • User Icon
    23/08/2020 07:03:41

    Il mio primo piacevolissimo Böll. Lui è ironico, a volte caustico. Risultato: divertente e profondo. Linguaggio fresco e fragrante come se non fosse anagraficamente così vetusto (classe 1917); letterariamente parlando, fa le scarpe a più di qualcuno. C'è già qualche bel pensiero ossessivo; sarebbe sufficiente una discreta dilatazione dei periodi con un pizzico di ecolalia in più, e ti salta fuori pure Bernhard, perché come 'rucksichtslosigkeit' ci siamo quasi, eh... Gran bel narratore degli intimi tormenti dell'affranto Hans Schnier - clown disoccupato e squattrinato dal cuore infranto -, Böll, brillante e puntuto, riporta efficacemente gli umori della Germania del secondo dopoguerra di crisi (individuale e collettiva) e di ricostruzione (anche delle menti, cuori e anime) e ha cercato, da tedesco, di fare i dolorosi conti col Nazismo e l'Olocausto. Assai prolifico, politicamente critico e civicamente impegnato, mi invita ancora alla lettura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/06/2020 12:23:37

    La Germania postnazista, coi suoi sensi di colpa e personaggi impresentabili che cercano di rafarsi una verginità, l'aridità morale di una borghesia arricchita che diventa avarizia, un'avarizia tale da lasciare i propri figli sempre affamati, e sopra a tutto questo un' "aria cattolica", una melassa di rigidezza, dogma, scarsa pietà a ipocrisia. Tutto questo analizzato da un tristissimo clown, che di ciascuno degli elementi di questo asfittico e mefitico ambiente è la vittima, che perderà tutto, ma riuscirà a non farsi assorbire dall'aria cattolica per non perdere la propria anima.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/05/2020 12:43:11

    Un romanzo duro ed intensissimo, descrive con sarcasmo e qualche tratto di cinismo un mondo incapace di fare i conti con se stesso e con le proprie emozioni. A tratti crudele, ma sempre incredibilmente sincero, lo sguardo forte dell'autore mette a nudo i difetti dell'uomo e della società a lui contemporanea e dipinge il quadro di una umanità incapace di fare i conti con se stessa e con la storia che sceglie di autoassolversi. Assolutamente da leggere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/05/2020 15:50:12

    Letto per un puro caso. Mi è piaciuto sin da subito. Ma l'ho apprezzato ancora di più alla seconda lettura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/01/2020 14:45:16

    Questo romanzo scritto nel 1963 è ambientato nel periodo della ricostruzione industriale tedesca post 2° Guerra mondiale.  La storia si svolge in un arco temporale di circa tre ore nell'anno 1962 e vede come protagonista e narratore Hans Schnier, un giovane clown che vive a Bonn, città dove si svolge l'azione descritta nel romanzo. Hans, al culmine di una giornata pessima dal punto di vista professionale, si lascia andare a una lunga commiserazione su se stesso, sulla sua famiglia e su ciò che più lo tormenta: la donna con cui viveva e che amava molto, Maria, lo ha lasciato per sposare un fervente cattolico membro della borghesia conservatrice tedesca. Il bello di questo romanzo è che nessun personaggio ha qualità veramente positive e questo evita al lettore il rischio di identificarsi con qualcuno di loro; in tal modo si "costringe" il lettore stesso a guardare il quadro generale in cui la vicenda si svolge. Lettura ancora attuale e consigliata!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/11/2019 15:28:01

    Un HB in grande forma spiega, con sarcasmo geniale e graffiante, come la famosa frase del Gattopardo "tutto deve cambiare perchè nulla cambi" è sempre attuale in ogni ambiente, in ogni epoca ed in ogni luogo. Uno dei miei libri preferiti in assoluto assieme ad almeno altri 2/3 di questo meraviglioso autore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/11/2019 10:22:06

    LIBRO PAZZESCO !!!! ADORATO E FELICE DI AVERLO LETTO !!!! NON PENSAVO CHE FOSSE COSì , MI DISPIACE SOLO DI AVER ASPETTATO COSì TANTO PRIMA DI LEGGERLO. MEGLIO TARDI CHE MAI !!!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/10/2019 13:22:47

    Scorre lento inizialmente, poi man mano prende forza e diventa un grande libro. Amaro, malinconico, romantico ed ironico. Un ottimo ritratto del cattolicesimo del periodo, un ottimo ritratto in stile bohemienne della vita di un artista in declino. Da leggere

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2019 22:56:30

    Impossibile non amarlo. Böll mette in evidenza, tramite gli occhi di un clown ormai rassegnato al proprio destino, tutte le ipocrisie della società tedesca e dei borghesi cattolici benpensanti. Impossibile non fare un parallelismo con la nostra società, impregnata di quel bigottismo che Böll rimarca per tutta la tela del libro. Uno dei migliori libri del dopoguerra. “Che uomo sei?” “Sono un clown...e faccio raccolta di attimi”

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2019 13:09:50

    Lo stile non è quel che si definisce scorrevole, ma nemmeno lento. La lettura è ricca di spunti di riflessione e anche dopo quasi mezzo secolo è capace di aprire gli occhi al lettore. Inizialmente non riuscivo a farmi un’idea, ma più mi avvicinavo alla fine e più mi piaceva. Non sarà il solito romanzo che leggereste, forse, ma io ve lo consiglio decisamente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2019 12:37:09

    Il protagonista di questo libro è ovviamente un clown che dopo alcuni anni di “successo” comincia la sua discesa, dopo essere stato lasciato dalla fidanzata improvvisamente e dopo aver preso una brutta caduta durante un’esibizione. La sua carriera ne risentirà e dai gradini più bassi avrà modo di commentare con un occhio ancora più critico i vizi e i difetti della società tedesca post-guerra.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/09/2019 21:12:50

    Un classico. Ottimo libro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/09/2019 15:03:10

    Un libro eccezionale sia per quanto riguarda la storia che per la scrittura. La trama, che all’apparenza sembra semplice, rispecchia in realtà con tono ironico la società tedesca del periodo storico a cui il protagonista appartiene. I temi affrontati sono svariati ed è impossibile non rispecchiarsi in almeno uno dei suoi punti di vista.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    vt
    08/09/2019 23:15:19

    Romanzo che, attraverso le parole di un clown caduto in disgrazia, denuncia l'ipocrisia della borghesia tedesca del dopoguerra, cambiata solo nella forma ma non nella sostanza, dapprima collusa con i gerarchi nazisti e ora prontamente riciclatasi dietro la facciata del perbenismo cattolico per mantenere le redini del potere politico ed economico. Tutto è cambiato senza che nulla sia cambiato. Una critica illuminante e resa ancor più spietata dalla disperazione del protagonista.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/07/2019 19:20:07

    Romanzo stupendo, inevitabile non simpatizzare con l'impossibile Hans Schnier!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    30/04/2019 16:24:04

    Il romanzo racconta la serata di un clown alle prese con un vero e proprio crollo psicologico e professionale: abbandonato dalla cattolicissima donna di cui è innamorato, Hans passa le ore facendo monologhi e strane telefonate con cui ci fa conoscere episodi e persone che hanno caratterizzato la sua giovane esistenza. Con cinismo ed intelligenza mette in luce le tante ipocrisie della Germania post bellica in cui si crede a tutto (in Dio, nel denaro, nello Stato) meno che agli uomini. Hans si rende conto di essersi reso colpevole del peccato peggiore per un clown, quello di suscitare pietà; così decide di non arrendersi, tenta di riallacciare i fili della marionetta, si rimette in piedi, indossa l’abito professionale come corazza, riprende i suoi strumenti e torna a lavorare sui gradini della stazione. Particolare lo stile, è un ottimo scorcio sulle contraddizioni della società tedesca del dopoguerra.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    m
    02/04/2019 16:13:19
  • User Icon
    11/03/2019 19:57:26

    Un ritratto leggero e allo stesso tempo spietato del secondo dopoguerra tedesco. Il romanzo racconta la giornata storta di un clown che in un momento di svolta per il suo futuro ripercorre la sua giovane vita che corrisponde ad eventi drammatici e cruciali per la sua città e del suo paese. Tutto è raccontato con delicatezza e anche i personaggi più terribili, come la madre, beneficiano della leggerezza dell'atmosfera surreale del racconto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/03/2019 15:58:43

    Hans Schnier è un giovane clown, vive con Maria, la donna con cui si è unito. Maria è una fervente cattolica e per motivi di morale cattolica decide di lasciarlo, per sposarsi con un cattolico è vivere una vita che non sia nel peccato. Tutto questo porta Hans ad un crollo psicologico a cui segue anche il suo declino artistico. Scettico nei confronti dei compromessi e delle convenzioni sociali, Schnier, figlio di una famiglia molto ricca, preferisce, davanti all'esperienza dell'abbandono e alle delusioni professionali, continuare a vivere come un clown onesto piuttosto di diventare un ipocrita. Il tutto si svolge nel giro di una sera, dove tra un ricordo e l'altro, ripensa alla sua vita e alle persone che ne hanno fatto parte! Non rimarrete delusi dalla lettura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    01/11/2018 16:16:29

    Boll porta avanti, attraverso lo sguardo disilluso di un clown fallito, un'analisi impietosa della società tedesca, senza risparmiare affondi a nessuno. Stile impeccabile. Uno dei migliori romanzi del Dopoguerra le cui tematiche appaiono sempre attuali.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/09/2018 16:25:09

    Sincerità di un clown Se la nostra epoca dovesse meritare un nome, dovrebbe chiamarsi l’epoca della prostituzione. La gente si abitua a un vocabolario da puttane. Una volta incontrai Sommerwild dopo una di queste discussioni –“Può l’arte moderna essere religiosa?”- e mi domandò - “Sono stato bravo? Le sono piaciuto?”. Alla lettera le stesse domande che una prostituta fa al suo cliente che si congeda I buffoni di corte hanno nella loro fattezze ridicole e innocue l'arma con cui mostrarsi inoffensivi. Tra risa e battute usano l'ironia e il sarcasmo per esporre, senza pietà, denunce e vizi dell'epoca in cui vivono. Boll è questo che fa con il suo Hans Schnier. Ateo e, al contempo, fedele all'amore della sua vita rispetto ai tanti "fedeli al matrimonio" con le loro storie extra-coniugali tanto che Maria è: la sola donna con la quale posso fare tutto quello che gli uomini fanno con le donne. C'è l'affermazione della morale. Ma la morale dell'uomo, scevra da poteri alti e "altri". È un'accusa rivolta alla Germania del dopoguerra, scaturita da un incidente al ginocchio del protagonista che scoperchia il vaso di Pandora. Nell'invettiva finiscono i membri della famiglia e tutto si svolge entro poche ore dall'incidente. Un costante discorso introspettivo, un flusso di coscienza che purtroppo non posso cogliere appieno visto il cinquantennio di distanza ma un romanzo che consiglio per chi voglia approcciarsi con una maschera che anziché nascondere, si guarda dentro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/09/2018 08:56:19

    Non è certo il libro più bello che io abbia mai letto, o fra i più belli, ma mi ha lasciato un'impressione ben precisa che per giorni non sono riuscita a levarmi di dosso, quasi un'emozione che si è prolungata dopo la lettura del libro. Per giorni non ho potuto fare a meno di pensare ad Hans, a Maria, al loro modo di essere... Insomma secondo me è un libro stupefacente per il modo arguto con cui è scritto, trasuda intelligenza, in ogni gioco di parole, in ogni ragionamento.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/09/2018 20:27:38

    Il libro è narrato in prima persona e diviso tra presente e passato di Hans, soltanto andando avanti con la lettura scopriamo i vari dettagli che lo hanno portato a questa discesa, le persone che ha incontrato e quasi sempre odiato. Infatti è ben chiaro sin dall’inizio del romanzo che ogni personaggio – a parte poche eccezioni – che incontreremo diventerà prima o poi oggetto di critica. Questo perché il libro è essenzialmente incentrato sulla critica: quella al materialismo, all’ipocrisia, al perbenismo, all’opportunismo. Tutto ciò è possibile trovarlo nella società tedesca che sta ancora cercando di rialzarsi a seguito della seconda guerra mondiale, una società al cui interno si fa finta di essere sempre stati contrari al nazismo, di non averci mai avuto a che fare e dove si nascondono i misfatti e le vecchie opinioni. O forse queste sono ancora presenti? Nascoste sotto uno sguardo o una parola ambigua. Hans è un personaggio molto particolare, spesso vi verrà voglia di prenderlo a schiaffi e talvolta di chiudergli la bocca. Non è un personaggio che amereste, forse potreste odiarlo ma perché? Il più delle volte si finisce per odiare coloro che ci tolgono il prosciutto dagli occhi , quelli che ci gridano in faccia la verità perché ci costringono ad affrontare realtà che cercavamo di evitare. Sono convinta che l’intento dell’autore fosse proprio quello di creare un personaggio del genere, una persona con la quale è un po’ difficile entrare in sintonia perché se i lettori dovevano essere quelli appartenenti alla società che prendeva di mira, poteva mai essere amabile?

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/09/2018 20:50:46

    Il protagonista di questo libro è ovviamente un clown che dopo alcuni anni di “successo” comincia la sua discesa, dopo essere stato lasciato dalla fidanzata improvvisamente e dopo aver preso una brutta caduta durante un’esibizione. Il libro è narrato in prima persona e diviso tra presente e passato di Hans, soltanto andando avanti con la lettura scopriamo i vari dettagli che lo hanno portato a questa discesa, le persone che ha incontrato e quasi sempre odiato. Ogni personaggio con il quale Hans parla o incontra non è esente da critiche. Questo perché il libro è essenzialmente incentrato sulla critica: quella al materialismo, al cattolicesimo, al perbenismo. Anche se sono consapevole che "Opinioni di un clown" è considerato un "classico" moderno della letteratura tedesca purtroppo l'ho trovato piuttosto noioso e lento. Le vicende narrate occupano solo tre ore della giornata di Hans e forse questo tempo estremamente dilatato non mi ha fatto apprezzare a pieno la lettura.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/09/2018 19:44:22

    Avevo letto benissimo di questo libro e quindi mi sono approcciata con molto ottimismo. La verità è che non c'è moltissima trama e che la narrazione è piuttosto lenta. Essendo una sorta di critica parodica, se non si hanno i referenti di base è difficile capire a cosa ci si sta appellando. Lo consiglio, quindi, soltanto se si ha un minimo di conoscenza di ciò che accadeva nella Germania di quel periodo, altrimenti si perde il senso di tutto.

    Leggi di più Riduci