L' orchessa e altri racconti

Irène Némirovsky

Traduttore: S. Mambrini
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 1 ottobre 2014
Pagine: 260 p., Brossura
  • EAN: 9788845929083
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
I suoi lettori ormai lo sanno: oltre che una romanziera, Irene Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti. Ne scrisse per tutta la vita, fino ai mesi che precedettero l'arresto (quando era costretta a firmarli con uno pseudonimo e a farli pagare alla balia delle sue figlie). D'altronde, fra i suoi modelli letterari c'erano Cechov, Maupassant e la Mansfield, dei quali Irene amava l'asciuttezza, il cinismo venato di pietà, l'abilità nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume - nove narrazioni dove la Némirovsky ripercorre ancora una volta i temi che le sono cari: il destino di rassegnazione e di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giliberta

    19/09/2018 18:29:44

    Questa raccolta di racconti scritte dalla Némirovsky, già famosa per i suoi tanti romanzi, non delude. Partendo dalla scrittura, a dir poco sublime, che incanta il lettore e lo induce a soffermarsi su ogni parola che legge, godendosela, per poi arrivare al contenuto. All'interno di ogni romanzo ritroviamo i tanti temi già cari alla scrittrice di origine ucraina: la solitudine, la rassegnazione, la vecchiaia vista come una nemica e ovviamente il rapporto madre/figlia ereditato dalla sua stessa esperienza. Non delude mai, consigliatissimo a chi si è già innamorato degli altri suoi scritti.

  • User Icon

    MD

    22/06/2017 09:45:50

    L’ORCHESSA lo trovo un libro di racconti scritto molto bene—implicitamente vicino al “giardino profumato e tenebroso” nel quale si rifugia François (“La partenza per la festa”) dopo la notizia della morte di Florence—tanto da non smentire la fama della N. romanziera. Anzi, nella forma breve le sue doti di narratrice attenta ai destini umani si intensificano. Avevo già provato questa sensazione leggendo “Come le mosche d’autunno”; ma di fatto ogni prova letteraria di Irène è un ripensare il passato riattualizzandolo nella scrittura, mettendolo in condizione per contrasto tra chiari e scuri—come in pittura—, tra gioie e tristezze—come nella vita—, proustianamente di riaffiorare, recuperando quanto il tempo aveva attutito: e qui ripenso a quanto dice Camille, nel penultimo racconto, di Flora, la ragazza dalla voce di una “innata nobiltà”—mettendo in relazione il carattere di Flora, come lei lo aveva plasmato negli anni, ad un’opera d’arte: “Una mia creazione. Era esattamente questo il mio pensiero segreto. Per me era come un libro, come un quadro”. E appunto questo mi attrae: in Camille ritrovo qualcosa di Irène, della potenzialità demiurgica della scrittrice. Di quel pensare solo ad un personaggio, alle sue metamorfosi, mentre si scrive. E poi lo dice lei stessa attraverso Camille: “Si crea un’opera d’arte con materiali banali o inanimati, con la pietra e un martello, con una tela e dei colori, perché non con la carne e con il sangue? Imprimere la propria personalità ad un altro corpo”. La scrittura della N. si serve di un materiale vivo, dato dall’esperienza, incontrato vivendo per imprimere su questo la sua visione; ma senza falsificare la verità in esso nascosta, al contrario esaltandola. Vivificando ulteriormente, in un giocare à la Pigmalione, un percorso di vita che altrimenti rischierebbe di perdersi nel flusso indistinto della realtà. Dando un risalto artistico a ciò che è vita, come inversamente il Pigmalione ovidiano infondeva la vita in una statua di marmo.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    29/09/2016 10:14:50

    Sono nove i racconti di questa raccolta e testimoniano una volta di più le grandi capacità letterarie di Irène Némirovsky. Benchè queste siano ben note sono rimasto sorpreso di trovare una straordinaria abilità nel raccontare trame che potrei definire convenzionali, ma la cui trasposizione beneficia, pur a fronte di uno stile che può apparire semplice, di un'elaborazione completa e complessa in cui si mantengono in perfetto equilibrio le descrizioni dell'ambiente e dell'atmosfera, nonché la capacità indiscutibile di sondare l'animo umano, il tutto accompagnato da una vena poetica tenue, ma incisiva. Così, ognuno di questi racconti diventa l'espressione dell'arte del sublime, tanto belli sono e tanto lasciano nel lettore una palpabile commozione che rasserena l'animo. I protagonisti sono per lo più donne, anche se non mancano soggetti maschili di grande interesse, ma ciò che soprattutto li accomuna è il sempre presente senso della caducità della vita, di quella morte che finisce con il dare un senso alla vita. Personalmente mi sono piaciute particolarmente due prose: Legami di sangue e La confidente. La seconda vede l'incontro fra un musicista vedovo e un'amica della moglie defunta, in un dialogo rivelatore, di cui non intendo anticipare nulla, vista l'impostazione gialla, anche se giallo non é; sono pagine che, a dir poco, affascinano, un esercizio di rara bravura, di cui mi corre tuttavia l'obbligo di riportare il grande significato dell'arte secondo l'autore, con ciò che riesce a dare l'artista; infatti, rivolgendosi al signor Dange, famoso musicista, la signorina Cousin dice a proposito della grandezza del suo interlocutore: "?.Un mondo sublime. E noi, noi non siamo niente, solo povere creature inutili. É così raro, così bello, quando un grande artista si concede, ci fa uscire dalla dalla nostra mediocrità, parla con noi. É qualche cosa di immenso, signore.".

  • User Icon

    Julia

    04/11/2015 12:07:17

    Una delle mie scrittrici preferite, sempre capace di cogliere e sviscerare tutti gli umani sentimenti in profondità e renderli con una scrittura pulita ed espressiva, che non perde nulla nella forma breve del racconto. Una perfetta descrizione delle persone e della società. Intenso e molto bello.

  • User Icon

    marcello

    25/11/2014 15:19:30

    Ha il difetto di tutte le raccolte di episodi: qualcuno meglio, alcuni modesti, altri più profondi. Per leggere il migliore occorre pedalare fino in fondo. Sempre ben scritti/tradotti a volte scontati ma con un'umorismo amaro più spesso semplici testimoni di un'epoca. Non lo rileggerei

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione