Our Life After Death

Emanuel Swedenborg

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: youcanprint
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 274,92 KB
  • EAN: 9788831636629

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In his classic Heaven and Hell, Swedenborg takes the reader on a journey through the afterlife, describing the spiritual world in intricate detail. Our Life after Death is a collection of writings from that volume that focus specifically on what happens to us as we cross over and what we experience as new souls in the world of spirits, where we prepare to find our soul's permanent home. Swedenborg tells us that it is not God who judges people and send them to either heaven or hell, but rather it is we who judge ourselves. In this book Swedenborg reveals the process by which people confront who they were on earth, discover their true selves, and use that self-knowledge to discover their final home in the afterlife. An introduction by near-death researcher Dr. Kenneth Ring draws parallels between Swedenborg's experiences and those of millions of modern people who have had near-death experiences. This book provides a brief but thought-provoking introduction to Swedenborg's afterlife for those who want to delve deeper into this fascinating subject.
  • Emanuel Swedenborg Cover

    (Stoccolma 1688 - Londra 1772) teosofo svedese. Figlio di Jesper Swedberg, più tardi nominato vescovo luterano di Skara, studiò a Uppsala filosofia e scienze, e si perfezionò a Londra, poi in Olanda, Francia e Germania. Nel 1716 fu nominato assessore nel Collegio reale delle miniere. Attratto sin dall’infanzia dalle manifestazioni soprannaturali e metapsichiche, coltivò inizialmente interessi filosofico-naturalistici e solo in un secondo tempo si volse decisamente verso la riflessione teologica e l’esperienza mistica. Una «visione» del Cristo fu alla base del nuovo orientamento formulato nel De cultu et amore Dei (1744), che è una rielaborazione mistica della Genesi. Una seconda «visione» (1746) portò un cambiamento radicale nella sua vita. S. abbandonò il suo ufficio, si ritirò in solitudine... Approfondisci
Note legali