Pastorale americana

Philip Roth

Traduttore: V. Mantovani
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Edizione: 1
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 08/10/2013
Pagine: 462 p., Brossura
  • EAN: 9788806218034

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Itala

    19/07/2018 15:22:43

    Un libro davvero memorabile che rende vivida l'immagine di un'America dove due generazioni si scontrano: quella dei padri reduci dal conflitto mondiale e quello dei figli che combattono contro la guerra del Vietnam. Storia di una provincia americana dilaniata dalle contrapposizioni padri/figli, bianchi/neri, media borghesia/poveri scritto con vera maestria. I personaggi riescono a coinvolgere il lettore fino a renderlo partecipe in prima persona dei pensieri e delle tribolazioni dei personaggi. Assolutamente imperdibile!

  • User Icon

    n.d.

    13/07/2018 22:56:41

    Ottimo libro da un autore che meriterebbe il nobel

  • User Icon

    uso mio nome: rita

    07/07/2018 14:17:00

    è stata una lettura di gioventù che ho apprezzato molto più adesso. Grande!

  • User Icon

    Sergianni

    05/07/2018 21:30:05

    Un must per ogni buon lettore che si rispetti...premio nobel mancato.

  • User Icon

    n.d.

    29/06/2018 19:53:45

    Un altro capolavoro della letteratura del 900. Complesso ma assolutamente da leggere

  • User Icon

    Giorgio g

    08/06/2018 08:24:52

    Non avevo letto nulla di Philip Roth ed ora che è mancato viene naturale accostarsi alla sua opera più nota. Devo dire che un po’ mi ha deluso: oltre 450 pagine dedicate ad una storia; avrebbe senz’altro giovato al libro una robusta sforbiciata. È un ricordo, scritto in prima persona, degli anni d’infanzia di un ragazzino ebreo di quegli ebrei “che vogliono integrarsi e vogliono star fuori, che dicono di essere diversi e dicono di non essere diversi”. Poi il ragazzino cresce e sono i ricordi di un adulto e poi sono quelli di un (quasi) vecchio il cui migliore amico, chiamato lo Svedese, si troverà ad affrontare i problemi di una figlia prima balbuziente e poi terrorista ed i prodromi del 1968 che negli USA ha significato Vietnam. Da qui ha inizio la distruzione del sogno americano (o, per dirla con le stesse parole di Roth, “la grande impresa che era stata la sua vita continuava a sfrecciare verso la distruzione”) che poi è lo scopo stesso del libro.

  • User Icon

    Lomax

    19/10/2017 08:47:44

    Quando un libro è chiamato (a gran voce) "capolavoro", l'obiettività è messa a dura prova (e uscire dal coro vuol dire rischiare la gogna), anche se il senso dell'arte è proprio quello di suscitare emozioni diverse, spesso opposte. E' dunque senza tema che dico questo libro non mi ha convinto del tutto. Certo, è bello, scritto benissimo (e altrettanto ben tradotto), intriso di principi universali (la ribellione, il sudore come veicolo di riscatto sociale, l'aspettativa genitoriale e il suo devastante peso sulle spalle dei figli) ma, a mio sentire, troppo addentro alla "storia americana". Ed è questa alienità di contesto, forse, a lasciarmi un po' freddo. Anche se, a ben vedere, riempirei la mia valigia di libri così.

  • User Icon

    Francesco

    22/09/2017 11:41:50

    Pastorale Americana demolisce letteralmente il sogno americano. Un romanzo contro. Contro la frivolezza della bellezza estetica deteriorabile, contro il perbenismo, contro la sacralità della famiglia unita, contro la società tradizionali, contro le tradizioni popolari, contro le religioni, contro la guerra, contro il capitalismo, contro la globalizzazione, contro ogni forma di finto benessere che come un castello di carta con un soffio di vento viene giù

  • User Icon

    Francesco

    22/09/2017 09:51:53

    No American Dream Pastorale Americana demolisce letteralmente il sogno americano. Un romanzo contro. Contro la frivolezza della bellezza estetica, contro il perbenismo, contro la sacralità della famiglia unita, contro la società tradizionali, contro le tradizioni popolari, contro le religioni, contro la guerra, contro il capitalismo, contro la globalizzazione, contro ogni forma di finto benessere che come un castello di carta con un soffio di vento viene giù

  • User Icon

    Alexandra

    19/04/2017 21:12:51

    Non so, forse l'idea di leggere un acclamato capolavoro mi ha creato aspettative troppo alte, però non mi ha fatto impazzire. A tratti davvero noioso. Potevano esserci anche 50 pagine in meno e non se ne sarebbe accorto nessuno.

  • User Icon

    Susanna

    24/01/2017 08:31:37

    Parafrasando un encomiabile film di Gianni Amelio, Lamerica, viene spontaneo porgersi la domanda di cosa sia, stato ieri e lo sia oggi, questo paese dalle grandi contraddizioni, molteplici sfaccettature, poche certezze. Ci è stato propinato in tanti modi, celebrativi, critici, ineluttabili, mistificatori, apologetici. Un mito di cui Roth rimuove ogni cardine, pazientemente, minuziosamente, fino a svelarlo in tutta la sua cruda e dolente realtà. Consigliato soprattutto ai lettori giovani, che prendano atto di quella consapevolezza che un libro come questo è in grado di infondere.

  • User Icon

    Meris 71

    14/01/2017 07:39:55

    La vita di Seymour Levov sembra destinata al successo in ogni campo della vita: bello, atletico, ottimo giocatore di baseball, benestante, figlio di un imprenditore che ha portato alla floridità la sua azienda. Seymour ha fatto propri i valori ed il lavoro del padre ed ha sempre mirato in alto, certo che il suo presente di certezze lo avrebbe portato ad una vita intensa e ricca di soddisfazioni. Ma l'assurdo irrompe nella sua vita e la guerra nel Vietnam porta in casa sua il germe della ribellione sociale, tramite sua figlia Merry. Come ha potuto la perfezione della vita di Seymour dare la vita ad una figlia così rabbiosa e distruttiva? Mentre la vita dello Svedese si sgretola progressivamente, sotto i colpi della imprevedibilità della vita lui si interroga: dove ha sbagliato? Fino ad arrivare a capovolgere il senso delle sue e nostre più profonde convinzioni.

  • User Icon

    Hodor

    05/12/2016 23:13:25

    Tutto il romanzo gira intorno agli stupidi sensi di colpa di un padre per la deriva prima terrorista poi mistica di una figlia idiota. Inoltre Roth seppellisce i suoi personaggi sotto decine e decine di pagine piene di divagazioni fastidiose e logorroiche e trattati sociologici al limite della sopportabilità. Questo sarebbe il romanzo cardine della recente letteratura americana?

  • User Icon

    Giacomo

    02/12/2016 16:17:25

    Non riesco a capire tutte quelle recenzioni positive. Per me è stata una lettura noiosa e banale, con difficoltà sono arrivato alla fine. Da non comprare.

  • User Icon

    Paolo Guido Alvino

    29/11/2016 13:59:04

    Chapeau! Questo è il Grande Romanzo Americano

  • User Icon

    Loris

    30/09/2016 11:46:30

    Non sono un lettore assiduo di Roth e trovo sia impegnativo inseguire le sue digressioni e accordarsi al ritmo di periodi lunghissimi, pieni di incisi e subordinate. A dispetto di questo, la sua Pastorale è un romanzo potente, un'opera-mondo che racchiude molteplici temi. Ovviamente si parla del grande Sogno, del mito fondatore dell'America, il melting pot che dopo la Guerra ancora prometteva di portare all'integrazione e alla crescita (sociale ed economica) sulla base della libera iniziativa imprenditoriale. Lo Svedese è l'ebreo che ha l'aspetto di un wasp e si prodiga per diventarlo, eccellendo prima nello sport e poi nel capitalismo, integrando anche il mito della frontiera dentro la sua casa-fattoria. La bellezza è superficie e sostanza, desiderio di perfezione e armonia che passa attraverso la competizione e l'esibizione. Il prezzo è qualcosa di represso e oscuro, un disagio che esplode usando come detonatore il Vietnam e crea una frattura insanabile tra le generazioni. Oltre la Storia, però, l'universalità del romanzo sta nel mettere in luce la disperazione dell'uomo che scopre la natura dominante del caos, l'impossibilità di comprendere cosa si nasconda dietro la maschera 'sociale' degli altri (familiari in primis) e ancor più cosa si celi nel profondo del proprio io, sotto le rassicuranti abitudini e l'illusione di una quieta pastorale domestica. La cornice offerta da Zuckerman espande la riflessione al tempo e alla memoria, nostalgica e ingannatrice. Alcune incoerenze (penso a Rita, figura evidentemente simbolica che fatica a trovare una logica narrativa) non inficiano la ricchezza e la forza di un libro che tiene fede alla sua fama.

  • User Icon

    furetto60

    22/07/2016 12:06:10

    Comprensibile che gli statunitensi l'abbiano celebrato: anche se l'emblematica figura del protagonista viene gradualmente smontata sino al fallimento finale, è uno spaccato di vita americana, pregno di stelle e strisce dall'inizio alla fine, pregi e tanti difetti. La prosa è accattivante e virtuosa con improvvisi passaggi dalla terza alla prima persona, affascinante e coinvolgente anche se un pochino prolissa e sfilacciata nel finale. Il narratore iniziale scompare inspiegabilmente (almeno per me) nel prosieguo. Imperdibile nell'ambito dell'opera di Roth.

  • User Icon

    Pietro

    05/05/2016 13:20:22

    Definito da alcuni addetti ai lavori come uno dei GRA (Grande Romanzo Americano, parafrasando proprio Great American Novel di Roth) degli ultimi 20 anni, questa pastorale americana descrive a fondo, scandagliando quasi ogni abisso, lo spirito del white-male, nella sua variante jewish, che vive il grande classico della narrativa nazionale, ovvero il sogno americano, la realizzazione, il successo dato dal proprio duro lavoro. Lo Svedese, il protagonista, nel suo viaggio dovrà anche fare i conti con parecchie bordate d'artiglieria che la vita, e la storia, gli riserveranno. Ho alcune riserve sull'ultima parte (ma d'altronde, me ne farò una ragione e me le terrò), per il resto un ottimo romanzo, un grande Roth.

  • User Icon

    mauro

    12/07/2015 14:45:19

    Un libro pirandelliano, dove il protagonista vede alla fine sgretolate tutte le sue certezze scoprendo i veri volti delle persone che lo circondano. Romanzo sulla famiglia americana, sul suo sogno e sulla futilità delle sue convinzioni. Romanzo su una società che crede di essere infallibile, che si erge ad esempio e guida e che naufraga sotto il peso delle sue contraddizioni. Consiglio di leggerlo con calma, Roth è cinico, ironico e profondo.

  • User Icon

    marcello

    03/07/2015 12:46:40

    Indubbiamente un libro difficile sulla disgregazione delle certezze della borghesia benestante della provincia ebraica americana. Una superficie calma immota che si incrina e pian piano si devasta e cola a picco senza quasi rendersene conto. Un'esteriorità tutto sommato soddisfacente e di facciata che nasconde però germi tenuti sopiti dal perbenismo e dalla convenienza sociale ma che se lasciati liberi attraverso una prima porta aperta corrodono fin nell'intimo anime per certi versi ignare di ciò che succede fino a domandarsi ????

Vedi tutte le 30 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

"La vita di Ivan Il'ic, scrive Tolstoj, era stata molto semplice e molto comune, e perciò terribile. Forse. Forse nella Russia del 1866 [...] La vita di Levov lo Svedese, per quanto ne sapevo io, era stata molto semplice e molto comune, e perciò bellissima, perfettamente in linea con i valori dell'America."

Philip Roth è uno scrittore entrato ormai "nella leggenda", i cui romanzi hanno in qualche modo influenzato più di una generazione e fatto scoprire una certa mentalità americana a chi, specialmente negli anni Settanta, sognava gli Stati Uniti, mitizzando una società che poi così ideale non era e non sarebbe mai stata. Il fatto che appartenga a quella fascia di popolazione americana di origine ebraica non è marginale, è infatti un fattore tutt'altro che secondario nelle sue opere. Anche in Pastorale americana i protagonisti sono ebrei e vivono in un quartiere popolato prevalentemente da ebrei. È l'affresco di un ambiente borghese, metropolitano. Quel mondo che abbiamo imparato a conoscere negli anni: con ironia, grazie ai film di Woody Allen, a Lenny; con drammaticità con altri come l'Uomo del banco dei pegni, e così via.

Pervade l'opera quella difficoltà che caratterizza ormai i rapporti tra le persone, se si esclude una forma di relazione formale e menzoniera in cui tutto è narrato come si vorrebbe che fosse, oppure è taciuto. Ma il romanzo è anche lo spaccato di un momento storico che toccò tutta la società americana, coinvolgendo ogni strato sociale e ogni gruppo etnico: gli anni che impegnarono lo Stato nella guerra in Vietnam. Queste le componenti che incidono maggiormente sulla vita del protagonista, Seymour Levov, di origine ebraica, ma detto lo Svedese per il suo aspetto fisico. E "ordigno dirompente" nella sua vita sarà la figlia Merry che, proprio negli anni del Vietnam, diventerà militante e terrorista, sbalzando fuori lo Svedese dalla "tanto desiderata pastorale americana" e catapultandolo "nel furore, nella violenza e nella disperazione della contropastorale: nell'innata rabbia cieca dell'America". Tutta la storia è narrata dal tradizionale alter ego dell'autore, Nathan Zuckerman, attraverso una analisi complessa dei fatti e dei comportamenti che devia il romanzo verso una sorta di psicoanalisi della società americana contemporanea.

Roth è un uomo complicato, che afferma di scrivere con difficoltà, con fatica. "Adesso vivo completamente isolato nel Connecticut" racconta in un'intervista a Fiamma Arditi per La Stampa "Ogni tre settimane vengo qui a New York per vedere delle facce. D'altra parte il mio lavoro richiede isolamento. Non c'è dubbio che mi manca qualcosa. Ma se ti concedi alla tua vocazione, inevitabilmente devi fare delle rinunce." Rinunce che "fruttano" un capolavoro ogni due anni circa.


«La vita di Ivan Il'ic, scrive Tolstoj, era stata molto semplice e molto comune, e perciò terribile. Forse. Forse nella Russia del 1866 [...] La vita di Levov lo Svedese, per quanto ne sapevo io, era stata molto semplice e molto comune, e perciò bellissima, perfettamente in linea con i valori dell'America.»

Philip Roth è uno scrittore entrato ormai "nella leggenda", i cui romanzi hanno in qualche modo influenzato più di una generazione e fatto scoprire una certa mentalità americana a chi, specialmente negli anni Settanta, sognava gli Stati Uniti, mitizzando una società che poi così ideale non era e non sarebbe mai stata.
Il fatto che appartenga a quella fascia di popolazione americana di origine ebraica non è marginale, è infatti un fattore tutt'altro che secondario nelle sue opere. Anche in Pastorale americana i protagonisti sono ebrei e vivono in un quartiere popolato prevalentemente da ebrei. È l'affresco di un ambiente borghese, metropolitano. Quel mondo che abbiamo imparato a conoscere negli anni: con ironia, grazie ai film di Woody Allen, a Lenny; con drammaticità con altri come l'Uomo del banco dei pegni, e così via.
Pervade l'opera quella difficoltà che caratterizza ormai i rapporti tra le persone, se si esclude una forma di relazione formale e menzoniera in cui tutto è narrato come si vorrebbe che fosse, oppure è taciuto. Ma il romanzo è anche lo spaccato di un momento storico che toccò tutta la società americana, coinvolgendo ogni strato sociale e ogni gruppo etnico: gli anni che impegnarono lo Stato nella guerra in Vietnam. Queste le componenti che incidono maggiormente sulla vita del protagonista, Seymour Levov, di origine ebraica, ma detto lo Svedese per il suo aspetto fisico. E "ordigno dirompente" nella sua vita sarà la figlia Merry che, proprio negli anni del Vietnam, diventerà militante e terrorista, sbalzando fuori lo Svedese dalla "tanto desiderata pastorale americana" e catapultandolo "nel furore, nella violenza e nella disperazione della contropastorale: nell'innata rabbia cieca dell'America".

Tutta la storia è narrata dal tradizionale alter ego dell'autore, Nathan Zuckerman, attraverso una analisi complessa dei fatti e dei comportamenti che devia il romanzo verso una sorta di psicoanalisi della società americana contemporanea.
Roth è un uomo complicato, che afferma di scrivere con difficoltà, con fatica. "Adesso vivo completamente isolato nel Connecticut" racconta in un'intervista a Fiamma Arditi per La Stampa "Ogni tre settimane vengo qui a New York per vedere delle facce. D'altra parte il mio lavoro richiede isolamento. Non c'è dubbio che mi manca qualcosa. Ma se ti concedi alla tua vocazione, inevitabilmente devi fare delle rinunce." Rinunce che "fruttano" un capolavoro ogni due anni circa.

A cura di Wuz.it da Cafeletterario 1998