€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 4/5 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Agnese

    15/06/2011 11:57:40

    "L'amore lo desiderano coloro che non hanno il coraggio di misurarsi con la solitudine", scriveva così nel suo diario Aleksandra dopo la morte del marito. Una sfida per chi vive l'ideologia di un amore, dentro la routine di una vita in città o dentro qualunque altra passione. E' la solitudine di quell'estate a Zawrocie che ha portato Matylda, nipote di Aleksandra, a ragionare su se stessa, sulla sua famiglia, sul mistero di desideri ineluttabili che si nascondono dietro ogni donna. Dietro la proprietaria di quella meravigliosa tenuta immersa nella natura, cosa si nasconde? Quella vacanza non cercata ma arrivata per caso, cosa ha risvegliato in Matylda? Una nonna mai conosciuta, proprietaria dei suoi segreti e delle sue emozioni, ha voluto donare un'estate di riflessioni ad una nipote lontana ed estranea a tutto, nominandola erede di qualche verità nascosta. Il motivo? Matylda cerca di scoprirlo insieme al lettore che coinvolto con la stessa passione della protagonista, sfoglia rapìto le pagine di quest'ottima narrativa polacca.

Scrivi una recensione

L'eredità inattesa di una nonna "strega", in volontario esilio dagli affetti, dalle relazioni e dal mondo, apre alla giovane Matylda la possibilità di fare i conti con il passato della propria famiglia e con se stessa. L'eredità è rappresentata da una grande tenuta nella campagna polacca, a Zawrocie, che contiene tanti misteri quante chiavi di lettura per interpretarli. Dai diari, dalle lettere ritrovate nell'enorme casa, Matylda scopre gli enigmi del cuore di una nonna incontrata solo una volta nel corso della sua vita. E man mano che si diradano le incongruenze e si manifestano le asperità della vita della nonna, Matylda scioglie alcune incomprensioni familiari, recupera ricordi d'infanzia, rilegge la propria storia tormentata con il defunto marito alcolizzato, sposato per incoscienza giovanile. Riesce a mettere a fuoco l'inconsistenza sentimentale del suo attuale legame, prova ad approfondire la conoscenza e la confidenza con Paweł, suo cugino e nipote prediletto della nonna, inspiegabilmente escluso dal testamento, e con la sua donna, un personaggio singolare accecato dal dolore e dal risentimento. Romanzo profondamente intimista, con qualche raro riferimento alla tormentata storia della Polonia nel periodo che va dalla seconda guerra mondiale ai tardi anni ottanta, non sembra mantenere le promesse iniziali. Il mistero che, nelle prime pagine, lascia persino presagire un'ironica storia di fantasmi, perde smalto nel dipanarsi del racconto. I segreti e gli enigmi, che riguardano solo anime irrisolte e strane, sono piuttosto confusi e anelanti verso un lieto fine obbligato e, come tale, esplicitato nelle ultime righe. Di un certo interesse rimangono le descrizioni della campagna polacca, dai grandi orizzonti e, in parte, ancora incontaminata, che si contrappone all'abitare urbano angusto e grigio, al quale, però, Matylda non saprà in ultimo rinunciare.
Donatella Sasso

Un testamento che nasconde un mistero. Un'estate catartica in provincia, lontano dalle insapori e compulsive relazioni cittadine con colleghe di lavoro acide e amanti soprammobile. Un maniero di campagna, Zawrocie, come set di una ricerca nel passato, nel groviglio di relazioni lasciato in eredità da una nonna scorbutica e di antichi principi.
Sullo sfondo di una Polonia a cavallo di due epoche, seguiamo Matylda, ragazza dal carattere forte e indipendente, nel suo incuriosito incedere alla scoperta dei motivi che hanno guidato una nonna sconosciuta a lasciare tutto a lei, invece che al cugino, genio del pianoforte e nipote prediletto dell'anziana donna.
La Kowalewska, in questo racconto premiato in Polonia come miglior romanzo dell'anno, ci guida con mano sicura nel progressivo intrecciarsi e svelarsi dei misteri intorno all'eredità inattesa, delineando con toni delicati e a tratti lirici, mai sensazionalistici, la ricerca tra passato e presente che Matylda compie nei segreti della nonna, mantenendo sempre alta una tensione narrativa che ci accompagna fino alle ultime pagine.