Le ragazze di Benin City. La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d'Italia - Isoke Aikpitanyi,Laura Maragnani - ebook

Le ragazze di Benin City. La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d'Italia

Isoke Aikpitanyi, Laura Maragnani

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Melampo
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,27 MB
Pagine della versione a stampa: 211 p.
  • EAN: 9788889533765

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa italiana - Storie vere

Salvato in 15 liste dei desideri

€ 5,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sono belle le nuove schiave di Benin City. Sono alte, nere, statuarie. E in vendita. Lavorano ormai anche nell'angolo più sperduto d'Italia, ovunque ci sia una strada, ovunque esista un marciapiede. Ma è questo che sognano, là in Nigeria, quando chiudono la valigia e dicono arrivederci, state bene, vado a far fortuna in Italia? Isoke è arrivata a vent'anni. Le avevano promesso - come alle altre - un lavoro di commessa in un negozio. S'è ritrovata - come le altre - a vivere in schiavitù. Oggi, finalmente libera, racconta la vita, la tratta, i clienti, i sogni delle ragazze del marciapiede. E il dolore, la rabbia, l'umiliazione di chi è costretta a "sbattere" sette giorni la settimana, per cinquantadue settimane, per dodici mesi l'anno. Per tre o quattro anni. Col caldo e col gelo. Con la pioggia e con la neve. Sempre in strada, anche a Natale e a Pasqua. Con "quei tacchi ridicoli e la carne di fuori".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 8
5
5
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alain

    12/05/2020 21:22:17

    Sono belle le ragazze di Benin City. Sono alte, nere, statuarie. E in vendita. Lavorano ormai anche nell'angolo più sperduto d'Italia, ovunque ci sia una strada, ovunque esista un marciapiede. Ma non è quello che sognano. Cercano una migliore vita e si ritrovano a battere i marciapiedi d'Italia. Ma i clienti che le frequentano si rendono conto di ciò?

  • User Icon

    AAA

    28/10/2019 19:53:19

    Consiglio questa autobiografia, ci mette davanti a una realtà triste, spero che un giorno riusciremo a cambiare questa incivile società.

  • User Icon

    emanuela

    14/03/2014 16:57:59

    Mi piaccione le biografie, ne vado sempre alla ricerca. Ho letto l'interessante storia delle ragazze nigeriane, a me peraltro sconosciuta, salvo quella di vederle per la strada. Dietro ad ognuna una storia inquietante, triste, e singolare. Non si capisce come non si possa mettere un freno a questa "tratta". Bene a chi divulga simili documenti nella speranza che le cose migliorino.......uomini prendete nota!!!

  • User Icon

    alice

    07/07/2012 20:00:23

    può un libro essere al contempo bellissimo e spaventoso? Isoke e Laura Maragnani ci sono riuscite. Inutile raccontare l'orrore in cui cadono queste ragazze, attirate in Europa con la promessa di un posto di lavoro come sarta o parrucchiera, e che invece si ritrovano sul marciapiede, in schiavitù. Ammiro moltissimo Isoke, che non incensa completamente le sue ex colleghe: dice che alcune, uscite dal giro, sono così incattivite che pensano solo a fare soldi e si comprano a loro volta delle ragazze. Grazie, Isoke, hai dato voce a chi non ne ha. Ti auguro tanta fortuna per il tuo progetto!!!

  • User Icon

    francesco

    04/11/2008 18:27:27

    Molto brava la Maragnani a descrivere le esperienze e i racconti di Isoke con un linguaggio scarno ma efficace, crudo ma aderente alla realtà. Avevo già letto qualcosa su tale argomento ed avevo già collezionato tutta una serie di mie esperienze personali nel settore. Spero che chiunque lo leggerà avrà un sussulto, qualcosa che porti a dubitare profondamente del modo blando o indifferente con il quale stiamo affrontando la tematica della nuova schiavitù. Rifletteteci: sui libri di storia si narra della fine della schiavitù. E invece è tornata, e noi non stentiamo a riconoscerla come tale. Questo è molto, molto grave. Ci sono criminali che in vari Paesi hanno creato delle reti di sfruttamento che si sono ramificate e consolidate anche nel nostro Paese. Si tratta di criminali che non si fanno scrupolo di distruggere per sempre i sogni, le speranze, le aspettative e, soprattutto, la vita quotidiane, di tante giovani donne, delle nazionalità più varie, e di tutti coloro che cercano di intromettersi nei loro traffici. Isoke non vuole solo raccontarvi, vuole scuotervi. Diffondete questo libro perché non c'è città che non sia toccata da questo problema enorme. Non chiudete gli occhi e capite appieno il dramma che stiamo vivendo.

  • User Icon

    Sara

    22/07/2007 17:57:21

    Libro molto emozionante, scritto in modo vero. Purtroppo è un'argomento di attuale realtà, queste povere ragazze che vengono in Italia pensando di fare fortuna in un altro paese e vengono sfruttate per le strade. Questo libro lo consiglierei alle persone che giudicano senza sapere o conoscere le atrocità che hanno passato queste povere ragazze. Brava Isoke, una ragazza davvero coraggiosa. Leggendo questo libro ho pianto, ho provato tanta rabbia, ma nello stesso tempo ho gioito quando è riuscita ad uscire dal giro.

  • User Icon

    Francesca

    28/04/2007 14:29:11

    quando inizi a leggere non smetti più, ma lo stomaco ti si chiude, perchè il dolore, le atrocità, la disumanità che ci trovi sta a pochi metri da noi, qui in italia, nelle nostre belle città ... qui non si tratta di violenze nelle favelas, o di mafia o di camorra, di quei mondi che a tanti di noi sembrano lontani. QUESTE PERSONE LE INCONTRIAMO TUTTI I GIORNI QUANDO ANDIAMO A LAVORARE O A FARE SHOPPING!! cè un sito ed una mail alla fine del libro, perchè credo che dopo aver letto si tratta di fare

  • User Icon

    Franco Brunelli

    07/03/2007 18:18:16

    Molti dovrebbero leggerlo. Credo servirebbe a giudicare con meno superficialità quelle ragazze che vediamo seminude ai bordi delle strade, costrette a vendersi. Isoke ha avuto il coraggio e la determinazione di aprirsi ed aprire ai nostri occhi un mondo che non conosciamo a fondo. Brava Laura Maragnani che a mio parere ha saputo interpretare il pensiero di Isoke scrivendo in modo semplice ma efficace,duro, reale la vita ed il calvario di queste ragazze. Emozionante e vero.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Laura Maragnani Cover

    Giornalista di «Panorama», si occupa da sempre di diritti civili, emarginazione e minoranze. Ha lavorato anche per «L'Europeo» e «Società civile». Ha scritto Le ragazze di Benin City (Melampo), Ecce omo (Rizzoli), I ragazzi del '76 (Utet).  Approfondisci
Note legali