Salvato in 3 liste dei desideri
scaricabile subito scaricabile subito
Info
Il romanzo dei Tui
9,99 €
EBOOK
Venditore: IBS
+100 punti Effe
9,99 €
scaricabile subito scaricabile subito
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,99 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,99 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il romanzo dei Tui - Bertolt Brecht,M. Federici Solari - ebook
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Chiudi

Informazioni del regalo

Descrizione

È in una Cina immaginaria che Brecht decise di trasporre narrativamente, con divertito coraggio, i tempi oscuri e turbolenti in cui la Storia gli diede in sorte di vivere. Cominciato durante l'esilio e rimasto frammentario dopo oltre un decennio di lavoro, "Il romanzo dei tui" è una satira feroce degli intellettuali che affittano a cottimo al migliore offerente il proprio ingegno: i «tui». Dal mare dell'imbecillità umana emerge qui un arcipelago di aneddoti, storielle, parabole e corrosivi esercizi di umorismo che mettono alla berlina tutti i grandi ideologi dell'Occidente e forniscono anche una diagnosi inaspettata e spiazzante dell'ascesa di Hitler. Un breviario sul cattivo uso dell'intelletto che zigzaga tra apologhi memorabili, trattati stravaganti (compreso uno sull'arte del leccapiedi) e racconti arguti, consegnandoci una requisitoria serrata e farsesca contro ogni pensiero fumoso e servile.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Testo in italiano
Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
490,92 KB
247 p.
9788899793197

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Emanuela
Recensioni: 3/5

In questo romanzo incompleto, a cui Brecht lavorò per circa un decennio, viene essenzialmente descritta una Cina immaginaria, i cui abitanti hanno valore unicamente simbolico, che tenta di riportare il lettore agli anni turbolenti che egli stesso stata vivendo: l’ascesa del nazismo e il processo che portò ad una seconda guerra mondiale. Ogni luogo e ogni personaggio descritto in questo romanzo non convenzionale – perché privo di una vera e propria trama – fanno riferimento a personaggi e luoghi storici realmente esistiti, che l’autore vuole criticare con ciò che gli riesce meglio: satira e ironia. Insieme ai grandi attori della storia vengono stroncate anche le potenti ideologie che avevano influenzato le masse soprattutto nella prima metà dello scorso secolo. Il tema principale a cui Brecht fa riferimento, e che poi spiega la scelta del titolo, è il cattivo uso dell’intelletto o, ancora, l’intelletto venduto al migliore offerente in tempi di crisi.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Il romanzo dei tui ebbe una lunga gestazione: Brecht vi lavorò a più riprese dal 1931 al 1942, lasciando tuttavia il testo incompiuto. (…) L’argomento principale del romanzo-frammento è la critica degli intellettuali, dell’intellettuale borghese come venduto e venditore di fumo teso a ingannare il proletariato represso (…).

In Brecht il Tui è essenzialmente traditore degli sfruttati, tanto che solo eccezionalmente e contro la sua “natura sociale” – in quanto usufruisce in modo parassitario del surplus prodotto dal proletariato – l’intellettuale si può trasformare in sostenitore delle masse. (…)Brecht parte dalla presenza di un “fisiologico” capovolgimento nella percezione della realtà nei Tui. Un capovolgimento che risulta da una insanabile separazione del lavoro intellettuale da quello manuale. È questa scissione a produrre l’inganno “oggettivo” che Brecht definisce “idea di fondo” del suo romanzo. I Tui, scrive l’autore, “hanno maturato la convinzione che lo spirito determini la materia.” Sicché camminano sulla testa, questi signori, dunque vanno capovolti, rimessi in piedi. È così che gli intellettuali sono trasformati in “tellet-ual-in”: Tui. Capovolti, cioè privati della loro presunta autonomia, si presentano però come cifra illeggibile, impenetrabili alla possibilità di una spontanea lettura. La loro esistenza paradossale, che “nella vita” sparisce nell’apparenza di naturalezza, è resa evidente nell’estraniamento brechtiano che trasforma la Germania in un paese che richiama sì la Cina ma non lo è perché si chiama Cima, il non-paese di molte parabole del drammaturgo tedesco. Brecht mette in scena i suoi Cimesi svelandone le illusorie pretese. Visto però che l’illusione ha le fattezze della normalità, la stessa realtà si presenta con le fattezze dell’assurdo, o anche del mostruoso. E mostruoso è infatti il capitolo iniziale su Johann Gottlieb Denke, l’assassino maniaco che all’inizio degli anni venti in Slesia uccise e mangiò ventisei persone. Brecht vorrebbe “assegnargli il posto che gli spetta tra i grandi tedeschi”. Come mai? È semplice: Denke ha riciclato in modo produttivo i cadaveri di ventisei individui, un’operazione che i generali della prima guerra mondiale non sono stati capaci di attuare con i loro milioni di morti. In questo capitolo la critica ai Tui è implicita: gli intellettuali non hanno denunciato l’inutile macello di milioni di esseri umani, un massacro del tutto privo di “riutilizzo produttivo (…). Uno stigma sarcastico che impregna tutto il romanzo, facendosi beffa negli anni hitleriani di un’intera casta di intellettuali tedeschi. (…).

Utilissimo il “glossario” dei nomi “cimesi” introdotti da Brecht. Altrimenti chi mai capirebbe che Gogher Gogh si legge Adolf Hitler?

Recensione di Gerhard Friedrich

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Bertolt Brecht

1898, Augusta

Scrittore e uomo di teatro tedesco. Nato in un'agiata famiglia borghese, entra giovane in contatto con gli ambienti dell'avanguardia artistica di Monaco e Berlino. Contestualmente abbandona gli studi di medicina e si dedica a tempo pieno all'attività letteraria. È negli anni Venti che incontra e abbraccia la teoria marxista.L'esilio dalla Germania nazionalsocialista lo porta in Svizzera, Danimarca, Svezia, Finlandia e Stati Uniti. Nel 1948 rientra in Europa, e si stabilisce a Berlino Est dove, assieme alla moglie Helene Weigel, fonda (1949) il Berliner Ensemble, cui dedicherà la gran parte del suo tempo negli ultimi anni di vita. Formatosi nel clima dell'espressionismo e del dadaismo, Brecht si ritaglia comunque uno spazio poetico di grande originalità sin dai primi...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Compatibilità

Formato:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Compatibilità:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Cloud:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Clicca qui per sapere come scaricare gli ebook utilizzando un pc con sistema operativo Windows

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore