Topone PDP Libri
Salvato in 19 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il sarto della stradalunga
9,50 € 10,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+100 punti Effe
-5% 10,00 € 9,50 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
10,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
10,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,50 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
10,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
10,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il sarto della stradalunga - Giuseppe Bonaviri - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il sarto della stradalunga Giuseppe Bonaviri
€ 10,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

È la storia di una modesta famiglia artigiana di Mineo, in provincia di Catania, narrata da tre componenti, il padre Pietro, cioè il sarto della stradalunga, sua sorella Pina, il figlio undicenne Peppi. La narrazione si articola in tre parti distinte che si intersecano e si contraddicono, completandosi a vicenda. Il libro riflette la condizione sociale di miseria secolare della Sicilia negli anni Cinquanta, ma lo fa in modo originale, lontano dagli schemi narrativi allora consueti. Mentre la spinta del neorealismo si andava esaurendo si intensificavano i tentativi di percorrere nuove strade, e certamente "l'esperimento"di Bonaviri era tra i più originali.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
23 novembre 2006
173 p., Brossura
9788838921506

Valutazioni e recensioni

4,83/5
Recensioni: 5/5
(6)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(5)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Grazia
Recensioni: 5/5

Non mi dilungo nella descrizione, le recensioni qui presenti sono precise ed esaustive. Ribadisco solo che siamo di fronte ad un autentico scrittore, purtroppo poco conosciuto, questo è un libro di grande letteratura, dai valori universali, poco letto ahimé, ma sicuramente destinato a durare nel tempo.

Leggi di più Leggi di meno
Filippo Giordano
Recensioni: 5/5

Un bel libro, letto con notevole ritardo rispetto alla sua uscita, in quanto tutte le sue edizioni risultano da diverso tempo esaurite e tuttavia una lettura ricercata dopo il fortuito incontro con “Il vicolo blù” che mi ha rivelato un piacevolissimo autore. La lettura de Il sarto della stradalunga mi appare oggi come un poetico quadro della miseria che serpeggiava nei paesi del meridione d’Italia fino a diversi anni dopo la fine della seconda guerra mondiale. Una miseria vissuta, allora, con dignità, quasi uniformemente distribuita nella popolazione, quando ancora si cercava la possibilità di avere retribuita qualche giornata di lavoro nella piazza principale del paese aspettando l’offerta di un lavoro manuale nella campagna di qualche proprietario terriero o dal frantoiano, al tempo della raccolta delle olive. Lavoro che accettava anche il sarto della stradalunga poiché raramente, gli altri, gli ordinavano la confezione di qualche nuovo vestito stante che di lire ne circolavano pochissime. Un quadro ormai stagionato ma oggigiorno restaurato col pennello che attinge ai colori africani, al tempo della raccolta dei pomidoro e dell’altra frutta e verdura di stagione. Ma la miseria dei tempi del sarto della stradalunga è solo uno dei tanti filtri di lettura, forse quello meno vestito di poesia poiché tanti altri fanno capolino fra le pagine.

Leggi di più Leggi di meno
Cristiano Cant
Recensioni: 5/5

Quel che non resta addosso può tuttavia restare dentro, e il dentro è un addosso ancora maggiore. E' il luogo in cui la memoria salva e incoraggia, l'intatto che innalza su mani contadine una meravigliosa traccia di tradizione, la ferocia del fare, del prendere, primitivo artiglio indispensabile alla sopravvivenza. La sfortuna si può capovolgere, c'è il gesto, il braccio teso, e anche se lo stomaco non resta mai interamente sazio, può lo stesso pesare l'essenza del bastevole, del poco, del vero e affidarli nei giorni al canto dell'esperienza. Tre sguardi attorno a cui ruota una comunità; l'analfabeta che si avvicina timido per farsi scrivere una lettera d'amore, la zitella per scelta (o per destino) che vira la sua maternità mancata nell'accudire i nipoti, il diffidente attentissimo a salvare le sue cose, e tanta altra umanità che circola e si affaccia nelle pagine negli impeti e nelle dolcezze di un mondo che quasi odora di condanna. Ma è questa la grandezza: sotto un sole che spacca la terra e rovina le schiene, dentro una civiltà consegnata a una miseria pressochè inguaribile, si alzano come aquile di dignità sublime le voci delle attese, dei ricordi, le albe del mito e degli odori, nel seme di un'infanzia mai vissuta perché presto, troppo presto chiamata ad aiutare con qualsiasi lavoro una famiglia alle strette. La poesia ha lo stesso movimento del dolore, e l'arcaico più remoto, in ogni sua cadenza,ha il suono di un'innocenza che sconvolge.Non esiste un sangue villano, esiste solo una geografia sfortunata.Gli uomini restano quelli, tremanti e imperfetti ovunque.Questo romanzo è un'elegia indimenticabile, un poema, un canto funebre, un inno alla terra, ai suoi frutti, un inno alla scrittura. Letto in un Agosto che ruggisce fuoco, romanzo che entra nel cuore con brividi laceranti.Quando non sembra esserci più speranza,la letteratura si alza dalla sua povera branda e inizia a raccontare.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,83/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(5)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Giuseppe Bonaviri

(Mineo, Catania, 1924 - Frosinone 2009) scrittore italiano. Medico cardiologo, ha scritto numerosi romanzi in cui rappresenta il piccolo mondo paesano della sua terra, cogliendo la dimensione magica della natura: Il sarto della stradalunga (1954), Il fiume di pietra (1964), Notti sull’altura (1971), L’enorme tempo (1976), Novelle saracene (1980), L’incominciamento (1983), È un rosseggiare di peschi e d’albicocchi (1986), Silvina (1997), Vicolo blu (2004), L’incredibile storia di un cranio (2006). Ha anche pubblicato raccolte di poesie: Il dire celeste (1976), O corpo sospiroso (1982), L’asprura (1986), I cavalli lunari (2004). Del 2006 è Autobiografia in do minore. Racconto di scoordinata sopravvivenza.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore