Il senso del dolore. L'inverno del commissario Ricciardi - Maurizio De Giovanni - copertina

Il senso del dolore. L'inverno del commissario Ricciardi

Maurizio De Giovanni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Fandango Libri
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 gennaio 2007
Pagine: 247 p., Brossura
  • EAN: 9788860440730
Salvato in 13 liste dei desideri

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il senso del dolore. L'inverno del commissario Ricciardi

Maurizio De Giovanni

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il senso del dolore. L'inverno del commissario Ricciardi

Maurizio De Giovanni

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il senso del dolore. L'inverno del commissario Ricciardi

Maurizio De Giovanni

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole; "il Fatto", come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,77
di 5
Totale 13
5
10
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Laura

    10/06/2019 11:45:07

    La prima apparizione del Commissario Ricciardi, dove insieme alla vicenda "poliziesca" appare anche la vicenda umana di quest'uomo timido e schivo

  • User Icon

    archipic

    19/04/2014 10:14:29

    Primo libro di De Giovanni che leggo e, devo dire, che mi ha sorpreso molto positivamente; narrazione, ambientazione, personaggi, descrizioni di luoghi e stati d'animo, tutto è reso al meglio. Grandissimo esordio!

  • User Icon

    faffa

    23/09/2013 20:36:17

    La Napoli degli anni '30 fa da sfondo alle indagini del Commissario Ricciardi, uomo che potrebbe sembrare "anche più giovane della sua età, se non fosse per gli occhi" che tranquillamente "potrebbero avere cent'anni". Il Commissario, con "le mani in tasca, il bavero del soprabito alzato, la ciocca di capelli in mezzo alla fronte", interpretando il "Fatto" arriva alla soluzione del caso della morte del tenore Arnaldo Vezzi; tenore amico del Duce e che crede di essere un Dio in terra. Il "Fatto" per il Commissario è il saper sentire l'ultima frase dei morti, il saper sentire il dolore, il rimpianto, la sofferenza. Sentimenti che sono un tutt'uno con la città di Napoli che è diversa da tutte le altre città: "sembra allegra, rumorosa, disordinata, e in parte lo è; ma sotto la superficie ribolle continuamente, i ricchi e i poveri, l'invidia, la gelosia, l'amore non corrisposto. Passioni che si infettano, che suppurano, che scoppiano e invadono le anime. Che portano al delitto". E per il Commissario Ricciardi, infatti, i moventi dei delitti si racchiudono e si sommano in due parole "fame" e "amore". E queste due parole sono la chiave di lettura de "Il senso del dolore". La scrittura del romanzo è fluida, ma sapiente, capace di rendere a tutto pieno la figura del Commissario, del suo aiutante, il Brigadiere Maione, e la città di Napoli all'epoca fascista. Complimenti alla penna di Maurizio De Giovanni: autore più volte consigliatomi da un'amica, ma la cui lettura, per svariati motivi ed impegni, ho rinviato; autore la cui scrittura piacevolmente mi ha catturata.

  • User Icon

    Vera

    28/03/2013 11:06:42

    Intrigante e coinvolgente alla massima misura!

  • User Icon

    mamma

    17/03/2013 20:43:51

    un commissario e una storia in parallelo; un uomo calmo ,pacato, apparentemente freddo, ma dentro un insieme di forti sensazioni a cominciare da quelle che gli vengono dai morti in maniera violenta,dall'amicizia per il suo vice ,dal dolce romantico amore platonico che nutre per Enrica.e cosi la storia raccontata in maniera molta serena non febbrile,ma che a poco a poco rivela i tragici risvolti di un delitto. Ottimo libro

  • User Icon

    Sydbar

    26/07/2012 06:14:30

    "Sentiva l'emozione, più di tutto: coglieva di volta in volta il dolore, la sorpresa, la rabbia, la malinconia, Perfino l'amore." Questa è la quarta di copertina ed il riferimento è al protagonista assoluto dell'opera, il Commissario Ricciardi, la cui sensibilità è pari solo alla sua professionalità e bravura come investigatore. L'opera è ambientata in una Napoli, fascista, del Regno d'Italia dei primi del '900...non ci crederete ed il paragone potrebbe essere definito anche troppo ardito ma questo autore, Maurizio De Giovanni, da come scrive mi ha ricordato un De Filippo del giallo, troppo intrigante, commovente, ilare, verace come la Napoli d'ambientazione con il suo Teatro Regio San Carlo. Per descrivere l'essenza della trama citerò un passaggio del libro: "La verità non è quella che sembra, a volte. Anzi non lo è quasi mai. E' un po' come la strana luce di questi lampioni, illumina una volta qua ed una volta là. Mai tutto insieme. Allora lo si deve immaginare quello che non si vede. Lo si deve intuire da una parola detta o non detta, un'orma, un'impronta. Una nota, a volte." Grande De Giovanni, davvero un ottimo scritto, comprerò anche gli altri e valuterò le evoluzioni del protagonista e se lo stile, estremamente raffinato, rimarrà costante, così è vincente. Buona lettura. Syd

  • User Icon

    giorgio cesaretti

    03/03/2012 15:05:31

    una grande sorpresa, uno splendido romanzo ! un autore che sa scrivere nella nostra lingua, che sa sviluppare un lento, ma avvolgente plot giallo e, soprattutto, su questo intreccio sa sviluppare temi assolutamente non banali e tratteggiare personaggi a tutto tondo. un libro davvero consigliato.

  • User Icon

    mari 83

    17/05/2011 09:34:05

    Bellissimo,intrigante, coinvolgente e anche molto intimo;così mi viene da descrivere questo libro che è stata una scoperta eccezionale.Il senso del dolore è uno di quei libri lenti che ti catturano senza neanche accorgertene e ti portano via con se senza neanche chiederti il permesso.....perchè non ce n'è bisogno. Quello che più colpisce di questo libro è quella narrazione lenta, cupa, densa come il dolore che è palpabile e avvolge tutto e tutti come una nebbia che nessun sole riesce a diradare.Il commissario è un personaggio davvero straordinario che inevitabilmente conquista anche se non fa nulla per ingraziarsi chi gli sta intorno.Controverso, vive in un mondo suo fatto di dolore, un dolore infinito come il tempo e lo spazio, un dolore che non troverà mai consolazione perchè è il dolore di chi ha lasciato la vita ma se ne sente ancora irrimediabilmente attaccato.E come spiegare agli altri il senso di questo dolore?Non si può, nessuno capirebbe; si deve solo tenerlo dentro e andare avanti portandosi dentro il fardello che nessuno potrà mai alleggerire. Un libro che mi ha colpita moltissimo, una narrazione straordinaria;era da tempo che non leggevo un libro così. Assolutamente consigliato, mi procurerò al più presto anche gli altri libri di questo autore perchè ne vale la pena.

  • User Icon

    Martina Vignatelli

    08/04/2010 12:10:28

    Il senso del dolore è un filo sottilissimo che attraversa l'intero romanzo: si insinua in ogni immagine evocata dalle parole del protagonista, ne delimita i suoi sguardi, ne impregna le sue espressioni, ne condiziona gli umori. Non è un semplice sentimento, una empatia per il prossimo, ma una vera e propria dote sovrannaturale quella che possiede il Commissario Ricciardi: un uomo che potrebbe avere tutto, come ci dice l'autore, soldi, donne, successo, ma la cui vita è irrimediabilmente compromessa dalla capacità di vedere i morti che tenacemente rimangono attaccati ala vita nel momento del trapasso. E' così che la sua esistenza non può essere vissuta appieno, perchè martoriata, devastata da continue visioni violente a da tutto quello straziante dolore che le vittime provano nel momento della morte. E' questa la caratteristica che fa di questo romanzo una lettura originale e piacevolissima, altrimenti troppo simile come impianto a tanti romanzi che vanno a infoltire la già spessa schiera dei gialli polizieschi. Anche l'ambientazione non è nuova: Napoli; ma questa volta descritta come una città più opaca, insolitamente fredda, e non solo per un prolungato inverno che non vuole lasciare spazio all'incipiente primavera. La prima delle quattro stagioni previste per questo personaggio promette bene: scrittura scorrevole, intenso fin dalla prima pagina con l'originale peregrinazione nel mondo del teatro lirico (sicuramente non lontano dai gusti dell'autore che, o si è documentato veramente bene, oppure è un melomane in prims) ed un personaggio dai contorni ben definiti: sicuramente una lettura di partenza consigliata per proseguire addentrandosi nella primavera del commissario Ricciardi.

  • User Icon

    Claudia

    26/06/2009 22:58:24

    Ci sono "sbattuta" dentro allo stand Fandango alla Fiera del Libro di Torino quest'anno.... divorate le prime tre stagioni del Commissario Ricciardi non vedo l'ora che esca l'Autunno! Sono ben contenta nel vedere che altri condividono il mio entusiasmo!

  • User Icon

    anjo

    04/03/2009 13:58:55

    Era da tempo che non leggevo un libro così bello da obbligarmi ad informarne anche i miei più cari amici. Una storia affascinate, intrigante ed intima. L'ambientazione nella "attuale" Napoli degli anni trenta e la presenza di un personaggio singolare, freddo e nel tempo stesso coinvolgente, simpaticamente antifascista lo rendono ancor più amabile. Penso di intuire che è nato un "Camilleri Napoletano"

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    30/05/2008 21:43:23

    Più che la vicenda, contano le caratterizzazioni dei personaggi, le descrizioni dei luoghi, gli istinti amorosi, traboccanti, oppure pudici, quasi timorosi. La rappresentazione al Teatro San Carlo, per esempio, è raccontata nello stato emotivo di uno che l’ha vissuta, come se quella Cavalleria rusticana fosse stata rappresentata il giorno prima, con l’autore seduto in uno dei primi posti e al tempo stesso assente quel tanto da far avvertire solo una discreta presenza. E’ un gioco di equilibri, dove de Giovanni è il funambolo che si esibisce su una corda con straordinaria abilità: un’accentuazione della caratteristica del commissario Ricciardi nel vedere i morti nel loro ultimo atto di vita, avvertendone il dolore del distacco, e tutto il romanzo potrebbe precipitare in un banale horror, o, addirittura, franare fra le risate dei lettori. E invece no, questo proprio non accade, perché l’autore nel commissario identifica un’umanità tradita, un essere che riassume in sé tutti i dolori del mondo, sotto un apparente distacco che cela invece un uomo che, senza pretendere di giudicare, colloca la giustizia in una sfera asettica, non dimenticando tuttavia che ci sono vittime e vittime, e colpevoli e colpevoli. E’ quasi un automa Ricciardi e si muove fra gli ostacoli dell’indagine puntando sempre e solo sulla ricerca della verità, ma il Ricciardi uomo, in un mondo di prede e predatori, incappucciato nel cielo di piombo di un regime dispotico, riesce anche a sperare, grazie a un rapporto d’amore muto, mai dichiarato, ma intenso, due finestre una davanti all’altra e due cuori che battono e che sognano, separati solo da una via e da quel dolore che lui si porta dentro e che non può rendere partecipe ad altri. Vento gelido, imposte che sbattono, carta che svolazza, bambini a piedi nudi che si rincorrono, cadaveri agli angoli di strade che ripetono le loro ultime parole a un commissario che, stringendo i denti, lotta ogni giorno, ogni ora per cercare una verità che non è solo quella del crimine, ma è anche lo stato di abu

  • User Icon

    Pasquale Antonio

    13/04/2008 23:02:57

    Bellissimo, intenso e potente. I primi tre aggettivi che mi vengono in mente per questo splendido romanzo. M'era sfuggito nella sua precedente incarnazione "Le lacrime del pagliaccio" edito da Graus, ma non me lo sono lasciato sfuggire stavolta. Aspetto con curiosità le altre stagioni del commissario Ricciardi. Sono sicuro che De Giovanni saprà avvincermi ed intrigarmi come ne "Il senso del dolore. Consigliatissimo!

Vedi tutte le 13 recensioni cliente
  • Maurizio De Giovanni Cover

    Nato nel 1958 a Napoli, è autore della fortunata serie di romanzi con protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta, su cui è incentrato un ciclo di romanzi, tutti pubblicati da Einaudi, che comprende finora: Il senso del dolore (2007), La condanna del sangue (2008), Il posto di ognuno (2009), Il giorno dei morti (2010), Per mano mia (Einaudi, 2011), Vipera (2012, Premio Viareggio, Premio Camaiore), Anime di vetro (2015) Serenata senza nome (2016), Rondini d'inverno (2017) e Il purgatorio dell'angelo (2018). Insieme a Sergio Brancato ha pubblicato due graphic novel sulle inagini del commissario Ricciardi: Il senso del dolore. Le stagioni del commissario Ricciardi (Sergio Bonelli 2017) e La condanna del sangue. Le stagioni del commissario... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali