-15%
Storia d'amore in tempo di guerra - Giorgio Van Straten - copertina

Storia d'amore in tempo di guerra

Giorgio Van Straten

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 21 gennaio 2014
Pagine: 179 p., Brossura
  • EAN: 9788804634829
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Storia d'amore in tempo di guerra

Giorgio Van Straten

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Storia d'amore in tempo di guerra

Giorgio Van Straten

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Storia d'amore in tempo di guerra

Giorgio Van Straten

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 9,72

€ 18,00

Punti Premium: 18

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il dottor Capecchi, bibliotecario e storico a tempo perso, in cerca di una passione che gli accenda la vita, si sta dedicando alla stesura della biografia di Antonio Manca, uno dei più importanti politici italiani della seconda metà del Novecento, un padre della Repubblica. Ormai anziano e accudito da un infermiere, durante uno degli incontri con il suo aspirante biografo Manca pronuncia il nome di Enrico Foà, e le antenne del bibliotecario ne captano l'importanza. Chi era Foà? E perché non compare in nessun libro, in nessun archivio? Grazie a questo nome - e a una visita al Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano - Capecchi incontra Miriam, ebrea emigrata da decenni in Argentina. Lei Enrico Foà l'ha conosciuto. Lo ha amato. E lo ha perduto. E se quando si incontrano Miriam non confessa nulla a Capecchi, sarà proprio la sua voce registrata ad attraversare l'oceano grazie a una chiavetta usb svelandogli infine il segreto nascosto tra le pieghe del passato, nelle vie operose del Ghetto di Roma prima del fatidico 16 ottobre 1943, per le strade di quella città che a ogni angolo offriva a due ragazzi ardenti uno scorcio di speranza. Un amore forte come solo da giovani, e in guerra, lo si può provare emerge dal buio e ci consegna la chiave del proprio significato, della propria stessa fine, di una scelta radicale di cui il mondo non sentirà mai parlare.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    moreno63

    30/01/2014 15:00:24

    Una storia ben scritta, forse a tratti un po "monotematica" ma comunque da leggersi piacevolmente....mi raccomando, fino alla fine.

 
Più che la scrittura, è la struttura. Sfogliando il nuovo romanzo di Giorgio Van Straten si è subito attratti dall’indice, dalla particolare ripartizione dei capitoli: tutto il testo è infatti fondato sul principio cardine dell’alternanza. Lo scrittore fiorentino, premio Viareggio nel 2000 con Il mio nome a memoria (Mondadori), ha costruito un racconto nel quale la materia narrativa è ordinata in due sezioni temporali opposte e speculari, intrecciate capitolo dopo capitolo in maniera progressiva.
Narratore della contemporaneità è il dottor Capecchi, un “semplice bibliotecario con la passione per la ricerca storica”, uomo dall’esistenza quieta e grigia. In cerca di un evento che possa modificare l’inerzia della sua vita, egli intervista Antonio Manca (per cinquant’anni uno degli uomini politici più influenti del paese) con l’intento di redigerne una biografia. Ormai novantenne e quasi incapace di camminare, Manca è una riuscita figura di vecchio in cui Van Straten accosta la lucidità e la ponderatezza di Andreotti alla ruvidezza e alla “sardità” di Cossiga.
Nel tessuto delle loro conversazioni Capecchi individua un’omissione che diventa lo spiraglio capace di stimolare la sua ricerca storica e che insieme rappresenta l’idea creativa, la sostanza del romanzo: il nome di Enrico Foà, pronunciato da Manca e subito negato, non è presente in nessun archivio. Grazie a questo nome e a una visita al Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea, il bibliotecario rintraccia Miriam Levi. È lei, ebrea fuggita in Argentina dopo la liberazione, la narratrice dell’anteriorità, della Storia d’amore in tempo di guerra. E, benché durante il loro breve colloquio nella hall di un albergo milanese l’anziana donna riveli solo pochissimo di ciò che sa, al rientro in Sudamerica deciderà di registrare la sua voce e inviarla a Capecchi per raccontare chi era Enrico Foà, come si sono amati e perché si sono persi. Questa registrazione divisa in undici parti (Miriam_uno.m4a, Miriam_dos.m4a, etc.) l’aspirante storico la riceve alla fine del romanzo, ma è tuttavia avvicendata sin da subito con i capitoli dell’intervista e costituisce la più felice invenzione di questo testo in cui Van Straten ci conduce per gradi lungo la ricostruzione di una vita e di una storia, realizzando una riflessione su memoria e scrittura della memoria.
Sorta di autobiografia di una passione, la testimonianza di Miriam è un sofferto nòstos alla sua patria sentimentale, è un viaggio a ritroso nella giovinezza e nel dolore, in quel ghetto di Roma teatro della fondazione di un amore: “Eravamo in una bolla, non ci accorgevamo di quello che avveniva intorno a noi. (…). Non è che l’abbia dimenticato: è che nemmeno allora ho visto o sentito niente che non fossero le parole di Enrico o le mie, le nostre mani che si stringevano”. Perché (sembra suggerirci l’autore) l’amore funziona come la memoria. Ovatta la realtà, sfoca gli angoli, illumina e rende indelebile solo il centro. L’amore è selettivo, sceglie cosa serbare della vita. Ricordare, tuttavia, è provare dolore. E se all’età di Miriam i nomi sono ormai materia talmente impalpabile e leggera da essere “volati da qualche altra parte e farli tornare è così faticoso che ha lasciato perdere”, il ricordo tormentoso della vita passata resta intatto con tutto il suo peso e la storia è una tipologia di racconto in cui l’invenzione non può intervenire a modificare l’esito degli eventi: “non si tratta di una fiaba”, afferma con rammarico la protagonista, “perché non sto inventando niente, è tutto vero. E purtroppo non ho la libertà di cambiare la fine”.
La specularità delle due costruzioni narrative (in entrambe infatti c’è un personaggio che racconta il proprio passato e un altro che ascolta) è rafforzata dalla presenza di una vicenda sentimentale parallela, ambientata nel tempo presente, tra il bibliotecario e Federica. Ma questa relazione balbettante, in cui entrambi sono incapaci di dedicarsi l’uno all’altra, sembra essere solo la riedizione sbiadita di quella tra Miriam ed Enrico, e la struttura antitetica aiuta a mettere in luce da un lato il contrasto tra un amore puro, eccezionale, ricambiato e un affaire ordinario e instabile e dall’altro il senso di vanità dei sentimenti attuali opposto alla percezione dolente della perdita di anni e sentimenti irripetibili. Al lettore memore di certa letteratura d’ispirazione strutturalista, si presenta così davanti agli occhi un quadro letterario in cui al tempo passato della vita (reso presente dal ricordo) si alterna il tempo dimenticato dalla storia reso attuale dal racconto, che in questo romanzo corrisponde a una affascinante doppia scrittura della memoria. Solo in questo modo l’amore può rivivere nel ricordo intimo di Miriam (che giunge al lettore come una voce ormai distante, altra) e la pena può forse essere comunicata senza più sofferenza, a patto che tra dolore e racconto del dolore si siano interposti i filtri del tempo e della lontananza.
 
Niccolò Pagani
 
  • Giorgio Van Straten Cover

    (Firenze 1955) scrittore italiano.Ha ricoperto numerose cariche istituzionali, è stato consigliere comunale a Firenze (1982-88) e dal 1998 è presidente dell’Agis. Il suo primo romanzo, Generazione (1987), e i racconti di Hai sbagliato foresta (1989) si soffermano su comuni vicende di giovani coetanei, carichi di incertezza e disagio; la passione calcistica ispira alcune delle sue pagine migliori. Successivamente ha pubblicato, sugli stessi temi, i racconti di Hai sbagliato foresta (1989). Sono seguiti Ritmi per il nostro ballo (1992), Corruzione (1995), Il mio nome a memoria (2000, premio Viareggio), nel quale ripercorre la storia della sua famiglia di origine ebraica, dagli inizi dell’Ottocento, Storia d’amore in tempo di guerra (2014). Approfondisci
Note legali