Categorie

La storia di Tonia

Cinzia Tani

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2014
Pagine: 300 p., Rilegato
  • EAN: 9788804634614
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,88

€ 18,50

Risparmi € 4,62 (25%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 9,99

€ 18,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carol

    30/12/2014 11.00.46

    Stile di scrittura inesistente, episodi per niente approfonditi ma solo snocciolati uno dietro l'altro, contesto storico e ambientale reso con anonimi e freddi brani, probabilmente ripresi da enciclopedie, e che uno studente di scuola elementare saprebbe scrivere meglio, nessun approfondimento psicologico dei personaggi. Siamo lontani mille miglia da una sagra familiare e storica degna di nota e scritta con cura, competenza e passione. Imbarazzante per la sua pochezza. Ma come si fa a pubblicare roba del genere? Leggete altro, ci vuole poco a trovare di meglio.

  • User Icon

    debora

    29/11/2014 21.16.24

    E' una tipologia di racconto che io amo molto. L'ho finito di leggere solo per sapere come andava a finire. La storia e' bella, pero' sembra scritto di fretta, senza soffermarsi sui particolari dei luoghi e delle persone. Solitamente, quando un libro mi coinvolge, mi fa entrare nella storia, di essere li assieme ai personaggi. Questa volta, mi dispiace ma non e' successo.

  • User Icon

    Donatella

    11/11/2014 07.54.11

    Io lo consiglio. Niente di indimendicabile ma carino. Letto in due giorni.

  • User Icon

    paola

    15/10/2014 11.31.04

    Libro scritto bene ma meno carino degli altri della Tani. Troppo noioso e ripetitivo , poco coinvolgente

  • User Icon

    Romano Visalli

    12/10/2014 12.05.01

    L'Australia. Sidney. Le Blu Mountains. È qui che questa volta Cinzia Tani, giornalista, scrittrice e viaggiatrice volge il suo sguardo storico per acquisirne l'anima. Tutto ha inizio alla fine del 1800, a Bassano del Grappa, quando in Italia, dopo un'impegnativa unificazione, persistono ancora brigantaggio, povertà, analfabetismo. É dal Veneto, dunque, che Tonia e la sua famiglia stremata da una devastante crisi economica, sotto le insistenze del geloso cugino Clemente (poi indigesto marito), finiscono per dare credito all'ingannevole progetto del marchese de Rays di trasferirsi nella lontana terra dei canguri, della quale nessuno conosce la natura, la lingua, i costumi. Un romanzo, in breve, che acquisisce da subito i connotati di un'epopea dove si snoda l'amore non meno dell'odio; tanto il dolore quanta la felicità. Si susseguono così nascite, morti, tradimenti, gelosie, assassini. E a incorniciare tutto è proprio la Storia, quella vera, la stessa che l'autrice adotta magistralmente come un metronomo per cadenzarne gli eventi e dare loro quel peso che ne assicuri la credibilità E allora ecco la truffa del marchese de Rays; New Italy; la disperata Guerra di Gallipoli; il bandito Ned Kelly; l'avvento del Fascismo e su tutto, quasi ne contendesse la storia con Tonia, la sgradevole vicenda della "stolen generetion", la generazione di bambini aborigeni strappata ai genitori dagli inglesi colonizzatori per farne cittadini di serie inferiore. A chiudere infine il cerchio (aperto nel prologo) è l'Esposizione Universale di Sidney, quando quel 26 marzo del 1930, Guglielmo Marconi dal porto di Genova, a bordo dell'Elettra, trasmise il comando che avrebbe acceso le luci inauguranti l'evento. Come detto, dunque, fin qui è la Storia. Ma "La Storia di Tonia" non è solo questo. Va oltre. È fantasia. Intuizioni. Ritmo. Emozioni. È Arte! E quindi come non percepire quei bagliori letterari, e non, capaci di illuminare il racconto al punto da renderlo esclusivo. (Segue...)

  • User Icon

    la storia di tonia

    11/09/2014 08.49.14

    Il romanzo ha una struttura e trama interessanti. Un inizio che promette molto bene ma che poi si perde fino a trascinare se stesso. Ci sono tante vicende e tanti personaggi appena abbozzati mentre meriterebbero uno spessore più marcato. Avrei preferito più dettagli nel presentare le situazioni e i personaggi; forse la lettura non sarebbe stata così scorrevole ma avrebbe guadagnato in caratterizzazione. Sempre e comunque a favore della lettura alla fine questo romanzo è piacevole ma lascia ben poco se non nulla.

  • User Icon

    Mariella TALLARI

    10/07/2014 13.15.33

    E' la storia di una ragazza veneta, Tonia, emigrata in Australia con la sua famiglia nel 1880 che si dipana per altri cinquant'anni. Il fitto susseguirsi di accadimenti, battaglie, incontri, perdite, colpi di scena dal ritmo serrato ed avvincente cattura il lettore e lo sprona a continuare la lettura fino alla fine sorprendente di questo avvincente romanzo. L'amore nella vita di Tonia e degli altri protagonisti è stravolto da continui colpi di scena nell'atmosfera australiana ben raccontata come periodo storico e come ambientazione. Una terra estrema con una flora e fauna profondamente conosciuta dal popolo aborigeno in gravissima difficoltà di integrazione con i potenti coloniali stranieri. La Tani, in questo romanzo, ci rende molto piacevole lasciarci avvolgere da tutto questo, riportandoci sapientemente in un'altra epoca. Tonia è, al contempo, una tipica donna emigrante italiana della fine dell'800 e anche un'eroina di estrema modernità per la sua grande sete di emancipazione e saprà lottare per realizzare la sua volontà contro tutte le barriere che si porranno avanti al suo forte e inarrestabile cammino.

  • User Icon

    ROBERTA MARTINOZZI

    22/06/2014 12.45.59

    La storia di Tonia? Finalmente una "Storia". Personaggi, tanti, che non perdi di vista e non dimentichi mai lungo il corso dell'intera lettura. Delineati con precisione e umanità, non trascendono mai nel patetico sia nella buona che nella cattiva sorte. Fermi tutti nelle loro convinzioni, tracciati con un carattere forte, volitivo e a volte tenero. Incontro a mille difficoltà, raggiungeranno il loro scopo tra sofferenze e cose non dette per arrivare dove l'unico destino possibile li condurrà. Mentre Tonia, prima adolescente e poi donna é sempre lì. La sua rivincita sulla vita raggiunta con fatica, rinunce e sacrifici non la risparmierà dal portarsi dietro il più sacro dei segreti. Muoverà tutte le pedine in suo possesso, ma resterà fedele al frutto del suo unico vero amore, guardando gli eventi snodarsi davanti, celati dietro un fato che solo lei può riconoscere. Regalandoci a ogni passo una destrezza velata perché tutto vada secondo il suo copione. Con una storia scritta in modo magistrale, attenta, semplice, carica di uomini, e di terre appartenenti al "diverso", Cinzia Tani ci conduce per mano in Australia, attraverso la sua nascita e la sua rinascita. Un racconto che va letto tutto d'un fiato per non perderne la forza, le sfumature e i numerosi colpi di scena che sono il fulcro portante di una storia intensa come questa, difficile da trovare oggi tra le tante esposte nelle vetrine delle librerie.

  • User Icon

    stefania de donno

    17/06/2014 12.01.56

    L'ultimo libro della scrittrice Cinzia Tani, "Storia di Tonia" non è solo la storia di una donna del primo Novecento, ma piuttosto la saga di una famiglia e di più generazioni al suo interno: dall'emigrazione dal Veneto, a fine '800 sino all'integrazione sfiorata ma mai veramente raggiunta nella società australiana del primo '900. Una famiglia tenuta insieme da una donna forte che la vita rende risoluta, il benessere conquistato a forza di fatica, le intemperanze della vita che non scelgono mai tra "buoni" e "cattivi" e sorprendono sempre chi le subisce. E non tanto sullo sfondo, gli aborigeni, la loro cultura magica, i soprusi inflitti loro dalla società "civile", nonché la loro scarna lotta per difendersi. Ma è anche un libro sull'amore, non una storia d'amore, quanto l'amore come motore della vita: da quello che spinge il cugino a far emigrare un intero nucleo pur di non perdere l'oggetto del suo desiderio; all'amore filiale, geloso e possessivo, che porta i ragazzi di Tonia a non accettarsi tra loro; e anche l'amore-innamoramento, quell'emozione strana che il cielo manda all'improvviso come una luce a illuminare giorni e vite e che Tonia seguirà incurante degli altri sino a che, sciupato dalla finitezza umana che gli antepone ragioni di successo sociale, si spegnerà indimenticato quanto concluso. E' una grande storia coinvolgente, un libro complesso con più centri focali -tra cui il tema forte delle difficoltà di integrazione in una società diversa da quella di provenienza- che la scrittura felice dell'autrice, rende di rapida lettura, lasciandoci con personaggi intensi o dolcissimi, come quello di Nathan, che resteranno per un po' nei nostri pensieri.

  • User Icon

    Daniela

    13/06/2014 15.08.17

    Un libro che non smetteresti mai di leggere e che quando lo hai finito speri proprio che ci sia un seguito e che questo avvenga abbastanza in fretta. Storia epica, con tutti gli ingredienti giusti per essere coinvolgente

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione