Teppa. Storie del conflitto giovanile dal Rinascimento ai giorni nostri

Valerio Marchi

Editore: Red Star Press
Collana: Unaltrastoria
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 12 maggio 2014
Pagine: 160 p., Brossura
  • EAN: 9788867180295

66° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Problemi e processi sociali - Violenza nella società

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Cosa si nasconde dietro i fenomeni di teppismo giovanile che hanno accompagnato in modo costante il processo di civilizzazione? Cosa spinge tanti ragazzi ad assumere atteggiamenti che la cultura dominante considera negativamente, e in molti casi sanziona? Questo libro ripercorre e interpreta le forme che il "teppismo" è andato assumendo fin dagli albori della società moderna: dalle violenze dei "putti" cinquecenteschi alle compagnie di vagabondaggio del secolo successivo, dalle bande giovanili della Parigi post-rivoluzionaria ai Victorian Boys londinesi, dal "coatto" pasoliniano al Teddy Boy anglo-americano. Fino ai fenomeni dell'età recente: l'hooliganismo calcistico, le gang statunitensi e, più in generale, quel "conflitto molecolarizzato" che segna il nostro presente. Introduzione di Wu Ming 5.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rejectedfrogs

    11/03/2015 09:35:18

    Nulla è più apprezzabile di un libro in dono, soprattutto se te lo regali da sola. Se poi il tomo in questione è la riedizione di "Teppa. Storie del conflitto giovanile dal Rinascimento ai giorni nostri" di Valerio Marchi, ancora meglio. Grazie alla Red Star Press, il volume del 1997 viene riproposto nel 2014 con introduzione di Wu Ming 5. Il compianto sociologo romano illustra in poche pagine il fenomeno del teppismo, dimostrando che non ha una data di origine, e nemmeno se ne prevede una fine all'orizzonte. Non soffermandosi su una categoria specifica (i musicisti di estrema destra di "Nazi-rock" e le tifoserie di "Il derby del bambino morto"), "Teppa" è un libro che può piacere a tutte le persone che abbiano un minimo di interesse a comprendere sia la continuità del rifiuto organico all'omologazione, in tutte le sue ramificazioni, sia le manipolazioni appositamente orchestrate dalla cultura dominante e dai media per creare ondate di "moral panic". Da un punto di vista storico sono poi molto apprezzabili i riferimenti (con citazioni ridotte al minimo indispensabile) ad alcuni episodi poco conosciuti della storia moderna, come lo sterminio dei gatti raccontato da Robert Darnton. Da leggere assolutamente!

Scrivi una recensione