Thelonious Monk Trio - Vinile LP di Thelonious Monk

Thelonious Monk Trio

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Thelonious Monk
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Panam Records
Data di pubblicazione: 22 settembre 2014
  • EAN: 8436539312277

€ 21,50

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L’album “Thelonious Monk Trio” è stato originarimente pubblicato dalla Prestige nel 1954 e riunisce le prime incisioni del pianista per quella etichetta realizzate tra il 1952 e il 1954. L’album, presentato come il primo album in studio ufficiale di Monk, riunisce registrazioni del pianista in trio con Gerry Mapp o Percy Heath al contrabbasso e Art Blakey o Max Roach alla batteria. L’album contiene le prime versioni in assoluto di “Blue Monk” e “Bemsha Swing”. Come bonus sono state aggiunte due tracce tratte dalle stesse sessioni, ma non incluse nell’Lp originale.
Disco 1
1
Little Rootie Tootie (Thelonious Monk) 3.07
2
Sweet And Lovely (Gus Arnheim-Jules Lemare-Harry Tobias) 3.3
3
Bye-Ya (Thelonious Monk) 2.47
4
Monk'S Dream (Thelonious Monk) 3.07
5
Trinkle Tinkle (Thelonious Monk) 2.51
6
These Foolish Things (Harry Link-Holt Marvell-Jack Strachey)
7
Nutty (Thelonious Monk) 5.18
8
Blue Monk (Thelonious Monk) 7.38
9
Just A Gigolo (Julius Brammer-Irving Caesar-Leonello Casucci
10
Bemsha Swing (Thelonious Monk-Denzil Best) 3.11
11
Reflections (Thelonious Monk) 2.48
12
Work (Thelonious Monk) 5.17
  • Thelonious Monk Cover

    Pianista e compositore statunitense di jazz. Nel 1941 partecipò alle «jam sessions» sperimentali dei musicisti di bop al Minton's e al Monroe's di New York; incise nel '44 con Coleman Hawkins e in proprio nell'immediato dopoguerra. A lungo ignorato dalla critica, ottenne il successo alla fine degli anni '50, soprattutto nella formazione del quartetto (per lo più con il sassofonista Charlie Rouse, in forza dal 1959 al '72). Informale tanto nel comportamento (apparentemente chiuso al mondo esterno) quanto nella musica, è stato uno dei protagonisti in assoluto del jazz moderno, più per l'influenza generale esercitata sulle nozioni essenziali della musica (in particolare dagli anni '70, quando M. si era ritirato dall'attività in pubblico) che per il singolare stile pianistico.?Come interprete... Approfondisci
Note legali