Traduttore: M. Bocchiola
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 22 giugno 1999
Pagine: 150 p.
  • EAN: 9788806152161
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Un romanzo comico e divertente che narra l'amicizia e le complicità di un poeta matto e vagabondo e del suo cane. Mr Bones è il cane fedele, compagno di avventure e confidente di un poeta eccentrico e giramondo. Questo romanzo è prima di tutto una storia d'amore: quando morirà il suo padrone, un'altra vita aspetterà Mr Bones e per quanto ricca di affetto, cibo e calore, essa non potrà mai restituirgli i momenti di profonda intimità vissuti con il suo primo, pazzo, visionario padrone.

€ 10,97

€ 12,91

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    elena

    26/03/2008 10:11:20

    la storia di un cane, anzi, di un bastardo, esageratamente intelligente (quando si dice, gli manca solo la parola), che vive per 7 anni fianco a fianco con il suo padrone-barbone, poeta scapestrato devoto a santa claus, logorroico ubriacone, fino alla sua (prematura?) dipartita. a quel punto, dovrà cavarsela da solo. nella speranza di raggiungere presto timbuctù, e ricongiungersi così al suo vecchio padrone, in quella terra dove uomini e cani parlano la stessa lingua. questo scrittore è troppo. non puoi innamorarti dei suoi personaggi dopo 2 facciate. ogni volta. è troppo, ecco. al contrario di mikkamilla, ho letto solo questo e mr vertigo di auster.. e quest'ultimo è uno dei libri più belli che abbia mai letto.

  • User Icon

    LINDA PUGLISI

    17/11/2007 11:28:48

    QUESTO E' IL PRIMO LIBRO CHE LEGGO DI PAUL AUSTER. SECONDO ME E' RIUSCITO BENE,FORSE MOLTE PERSONE SI ASPETTANO IL SOLITO ROMANZETTO SUI CANI PER QUESTO NON SANNO APPREZZARLO.LINGUAGGIO SCORREVOLE TRAMA INTERESSANTE.VOTO 3/5

  • User Icon

    Francesca

    29/08/2002 16:42:37

    Il libro non è brutto ma, sinceramente, dai commenti entusiastici di un mio amico mi aspettavo di più. Le idee ci sono ma potevano essere sviluppate meglio...non convincono il lettore.

  • User Icon

    mikkamilla

    21/01/2002 22:37:11

    povero Auster, credo proprio che sia arrivato alla fine: Mr Vertigo, Timbuctu, e poi I thought my father was god. Spero in qualcosa di meglio per The story of my typewriter. Prima ci emtusiasma con tutti quei riferimenti a poststrutturalismo e postmodernismo cosciente, con tanto di giochetti del tipo "sta a voi dirlo..." e poi non tiene fede alle premesse e scrive quella letteratura semplice e diretta, ad uso e consumo del commercio... ahi ahi.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione


scheda di Bajani, A. L'Indice del 2000, n. 03

Sulla natura di Timbuctù Mr. Bones sa poco o niente, solo qualche frase sibillina snocciolata da Willy en passant e frullata in uno dei suoi confusi e interminabili discorsi di poeta maledetto e infaticabile clochard. A ogni modo, è proprio lì, in quell'"isola dello spirito", in quel luogo sperduto "dove termina la carta geografica di questo mondo" che Willy G. Christmas un bel giorno se n'è andato, lasciando il fedele quadrupede Mr. Bones a sfangarsela da solo su una terra che ai cani pare essere un po' ostile. Anomalo mix di narrativa per ragazzi e racconto filosofico con azzardate puntate metafisiche, il nuovo romanzo di Paul Auster, Timbuctù, tradotto a pochi mesi dalla sua uscita statunitense. Sembra che l'autore della Trilogia di New York (1985-86; Einaudi, 1996) abbia ripreso un discorso interrotto nel 1994 con Mr. Vertigo (Einaudi, 1995), quando, lasciati da parte i concettualismi dei libri precedenti, si era messo a raccontare di un bambino, Walt, che, con l'aiuto di un fantomatico Maestro Yehudi, impara a volare. Nel romanzo Walt e il Maestro un bel giorno si spacciano per padre e figlio ("Buck era il cognome prescelto: lui era Timothy Buck e io Timothy Buck Secondo, o anche Tim Buck One e Tim Buck Two"). Poi la storia prosegue. Ma quel Tim Buck Two rimane lì, e cinque anni dopo Paul Auster scrive un libro che sembra partire proprio da quella paternità assunta per sorte o per gioco. Maestro e bambino prodigio lasciano la pagina al poeta e al cane vagabondo, così come alla morte del Maestro si sostituisce quella di Willy, e il Mr. Bones di Timbuctù e il Walt di Mr. Vertigo finiscono per condividere lo stesso destino di abbandonati alla propria esistenza. Auster abbandona il fantastico della levitazione ma lascia che tutto il romanzo sia, fiabescamente, narrato dal cane. Mr. Bones è una figura favolistica di quadrupede ultraintelligente "sprovvisto soltanto di parola", e il romanzo è la storia di un'amicizia e di un tragico abbandono, quello di Willy, che parte, morendo, alla volta della leggendaria Timbuctù, sorta di isola edenica situata nell'altrettanto leggendario "mondo dopo". Mr. Bones, rimasto solo, si mette in viaggio, e dopo un paio di adozioni andate male si ritrova nuovamente sulla strada che lo condurrà, finalmente e fatalmente, a Timbuctù. Paul Auster, come sempre, confeziona un romanzo da divorarsi in un paio d'ore, con atmosfere da favola e ammonimenti sulla spietatezza della vita, con tanti sentimenti e un senso latente di disperazione a cui sono destinati gli individui che non accettano di conformarsi agli agi di una vita borghese. Questa volta, però, nonostante le belle atmosfere alla Tom Sawyer e i discorsi edificanti dei due amici, la storia è un po' stanca e con poca verve. E forse con qualche moralismo di troppo.

(A.B.)