Tocqueville ad Algeri. Il filosofo e l'esperienza coloniale

Domenico Letterio

Editore: Il Mulino
Collana: Studi e ricerche
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 23 giugno 2011
Pagine: 233 p., Brossura
  • EAN: 9788815150530
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 12,42
Descrizione
Tra il 1830 e il 1847 l'esercito francese combatté in Algeria una dura guerra di conquista, che portò alla fondazione di una delle più grandi colonie europee. Tra i testimoni della vicenda vi fu Alexis de Tocqueville. I suoi epistolari, gli articoli e i rapporti parlamentari, frutto di due lunghi viaggi nel paese nordafricano e dello straniarne incontro con gli arabi, rivelano un giovane deputato desideroso di partecipare in prima linea alla progettazione delle fondamenta istituzionali del nuovo insediamento. Ne risulta un Tocqueville inedito, interessato alla prassi prima che alla teoria della politica, un fervente colonialista in apparenza lontano dall'intellettuale pacato della "Democrazia in America".

€ 19,55

€ 23,00

Risparmi € 3,45 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Edy Montermini

    21/07/2011 13:46:12

    E' sbagliata la tesi sostenuta dal libro, perchè Tocqueville non fu mai un "fervente colonialista". Nei suoi dieci anni di vita politica, il suo presunto colonialismo si riassume in due articoli pubblicati su un giornale semisconosciuto, un memorandum scritto per uso personale e non destinato alla pubblicazione, il discorso parlamentare del 1846, fortemente critico nei confronti dell'amministrazione coloniale francese, e le due relazioni critiche sulla legge del 1847, relazioni che portarono alle dimissioni del governatore francese in Algeria. Inoltre, Tocqueville non giustificò mai il colonialismo con l'argomento della missione civilizzatrice, né con quello della superiorità del cristianesimo. Tocqueville chiedeva per l'Algeria giustizia e rigore, ma sapeva che la colonizzazione si faceva sempre a spese dei colonizzati. Come Massignon in seguito, chiedeva che si rispettasse la cultura degli algerini, ma trovò poco ascolto. Quando interviene nel 1847 contro la spoliazione dei beni delle fondazioni musulmane, parla a favore di un aiuto materiale all'Algeria. Non si stanca di ripetere che la colonizzazione porta discredito alla Francia, e che la distruzione dei monumenti e degli edifici sacri islamici non può che provocare il disprezzo dei colonizzati per i francesi.

Scrivi una recensione