Tra le nuvole

Up in the Air

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Up in the Air
Regia: Jason Reitman
Paese: Stati Uniti
Anno: 2009
Supporto: DVD
Salvato in 18 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 3,74 €)

Ryan Bingham s'illude di poter muoversi senza legami ma la vita lo strappa alle trasferte aeree per fargli intraprendere ben altro viaggio

La vita di Ryan Bingham, un esperto di tagli al personale, è davvero di alto livello, gira il mondo in business class, non si ferma mai ed è vicino a realizzare il suo più grande obiettivo, raggiungere i dieci milioni di miglia come "viaggiatore frequente". L'incontro con Alex, un'eterna passeggera dei cieli come lui, lo porterà a scoprire che la vita non è solo viaggiare ma vivere le relazioni che si formano durante il percorso.
3,1
di 5
Totale 10
5
2
4
2
3
3
2
1
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Guido

    19/09/2019 11:30:11

    Una piacevole messa in scena ed una prova equilibrata e misurata dei protagonisti, lascia guardare il film di Reitman con piacere, lasciando anche qualche spunto di riflessione.

  • User Icon

    Kitty17

    30/07/2019 13:18:56

    Ho trovato questa pellicola molto elegante e suggestiva

  • User Icon

    Bibliofila

    24/02/2019 17:18:03

    Un po’ banale e sicuramente prevedibile, ma almeno il finale che non è il solito lieto fine. Il tipico uomo single convinto che stare da soli, sempre in viaggio e senza una casa che si possa definire tale sia meglio di tutto il resto cambia idea quando si innamora di una donna che sembra come lui…

  • User Icon

    simone

    08/09/2018 08:46:50

    Beh, forse ad una prima visione non troppo attenta, il film può sembrare vuoto, con un abile regia, ma con poco altro. Io credo sia uno dei pochi film, che riesce a mettere in relazione spazio e tempo in maniera efficace, riesce persino a risultare divertente atratti, ma non scappa dal fornire risposte non scontate, ma sentite. Fa tutto questo senza voler amplificare, sarebbe bastata una colonna sonora furba, o qualche scena strappa-lacrima, beh, qui non c'è, ed è per questo che non sempre arriva, ma quando lo fa vale per 4.

  • User Icon

    Antonio

    29/09/2014 17:05:57

    Qualche critico americano o nostrano prima o poi dovrà spiegarmi cosa ha trovato di talmente bello in questo film da definirlo il migliore del 2010. Uno spot pro-family e pro-vita tranquilla, dove la problematica dei licenziamenti è solo vagamente e malamente accennata. Perdibilissimo.

  • User Icon

    Robertinho

    30/08/2012 12:29:27

    Ryan Bingham (G. Clooney) lavora per una compagnia che lo "affitta" ad altre compagnie per licenziare i loro dipendenti; egli è uno dei migliori: anni di esperienza, capacità di cogliere al volo ciò che è necessario fare per limare la reazione del licenziato. Vive in volo, ha una casa asettica, è il promotore di una filosofia di vita secondo la quale tutto ciò di cui si ha bisogno per vivere deve entrare in un bagaglio a mano, non ha famiglia né strette relazioni interpersonali ed ha un sogno: raggiungere le dieci milioni di miglia in volo. Due elementi portano scompiglio in questa vita ordinata e dai colori "da giacca e cravatta": Natalie Keener (Anna Kendrick), giovane assistente che propone il licenziamento tramite videoconferenza, il che sconvolgerebbe i piani di Ryan, e Alex Goran (Vera Farmiga), altra viaggiatrice per lavoro... e da cosa nasce cosa. Reitman ci propone un terzo film con personaggi particolarissimi eppure richiamanti il banale quotidiano. Bingham non è piatto, banale né irrigidito nella sua vita: è pronto a cambiare, è tentato di abbandonare persino il suo sogno... Un altro piccolo gioiello alla Reitman, una regia magistrale, una scelta di musiche favolose (da "This Land Is Your Land" che ci catapulta all'attualità dai titoli di testa a "Up in the air" dei titoli di coda), fotografia limpida... il nostro regista si conferma come uno dallo sguardo 'puro' sulla realtà: si inserisce nel contesto attuale della crisi, non solo economica ma anche relazionale (ipertecnologia irriflessiva). Insomma, dalle 4 alle 5 stelle per un film da vedere in lingua originale: alcuni giochi di parole necessitano di veri esperti di traduzione (ad esempio la capacità di Calvino di tradurre Queneau).

  • User Icon

    Lara

    23/11/2010 11:55:40

    Bellissimo, scorre leggero come le nuvole del titolo, pur affrontando temi attuali come la crisi lavorativa o i nuovi stili di vita (matrimonio, frequenti viaggi di lavoro, etc.) da punti di vista fuori dall?ottica comune. Ti lascia alla fine con qualcosa tipo pulce nell?orecchio e certe scene sono da film cult, come quella ironicamente razzista della fila al metal detector, dove Ryan usa i classici stereotipi della mamma per guadaganer tempo... o la scena dove la neoassunta rampante (Anna Kendrick) arriva al check-in con un valigione e Ryan la guarda sconsolato col suo trolley ipermobile e leggerissimo... per non parlare della metafora dello zaino: e? il terzo film che ho visto nella stessa settimana che nomina la casa e il relativo mutuo come fardello e fattore influenzante di tutte le scelte personali (gli altri 2 film erano Thank you for smoking ? tra l?altro dello stesso regista - e Wall Street), ottima rappresentazione del modello attuale di stile di vita occidentale (non solo americano). Meglio vederlo anche in inglese, i giochi di parole in lingua originale sono piu? efficaci (?a can, Sir?, che Ryan capisce in altro modo, trasformato rudemente in italiano come ?una bella soda?...). Io l?ho trovato geniale nella sua leggerezza, anche perche? non fornisce risposte definitive e mostra con ironia l?ipocrisia latente dei rapporti interpersonali (Ryan chiamato a licenziare persone perche? i capi non sono in grado di farlo, oppure quando dice che non e? affatto solo, anzi, mentre cammina in un aeroporto affollato). Da vedere e rivedere come specchio dei nostri tempi!

  • User Icon

    Francesco

    19/09/2010 17:22:59

    Film prevedibile e scontato. Dialoghi scadenti. Un'americanata di basso livello

  • User Icon

    Gigi Scorcia

    28/05/2010 06:27:54

    Unica cosa godibile (per donne) è George. Tutto il resto è noia.

  • User Icon

    Cat

    12/04/2010 21:28:30

    Film godibile che indubbiamente ha dei meriti e qualche carta originale, ma che purtroppo cade anche nel gia visto e prevedibile... (spoiler)...lui indipendente e anti-famiglia che come al solito si ricrede quando si sposa la sorella, e fa pure il discorsetto al cognato, come se fosse la persona + adatta.... dai dai, ste scene da film di serie B mi fanno proprio cascare. Comunque carino.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

2010 - MTV Movie Awards Miglior Rivelazione Femminile Kendrick Anna

  • Produzione: Paramount Home Entertainment, 2011
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 108 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici: Commenti dello sceneggiatore/regista Jason Reitman, del direttore della fotografia Eric Steelberg e del primo assistente alla Regia Jason Blumenfeld; speciale: "Shadowplay: prima della storia"; scene inedite in lingua originale; trailers
  • George Clooney Cover

    Attore statunitense. Figlio di un giornalista televisivo e nipote dell'attore J. Ferrer, preferisce evitare il confronto con il padre e abbandona il lavoro di giornalista per iscriversi all'università. Non termina gli studi e nel 1982 si trasferisce a Los Angeles per partecipare a un film con C. Sheen. Il film non viene distribuito, ma C. diventa un volto noto ai produttori. La popolarità internazionale arriva con il ruolo del dottor Ross nella serie televisiva E.R. Medici in prima linea. Sorriso da rubacuori, puntualmente inserito nella lista dei personaggi del jet set più belli e desiderati, è scritturato come protagonista di numerosi film di successo: The Peacemaker (1997) di M. Leder, Out of Sight - Gli opposti si attraggono (1998) di S. Soderbergh, Three Kings (1999) di D. Russell e La... Approfondisci
Note legali