Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 49 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Trance. Autobiografia di un lettore
11,40 € 12,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
11,40 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
12,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
12,00 € + 6,30 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
11,40 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
12,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
12,00 € + 6,30 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Trance. Autobiografia di un lettore - Alan Pauls - copertina
Chiudi

Descrizione


Senza rinunciare a una prosa raffinata e avvolgente, in questo libro Alan Pauls ci appare non solo in veste di scrittore, ma come un lettore in stato di trance che trova nella scrittura l’occasione di continuare a leggere per sempre.

«Pauls descrive un rapporto viscerale, fisico, un rituale antico quanto la lingua. Un atto che può essere solo esclusivo, ed è questa "la sua perversione, il suo anacronismo, e anche la sua potenza". Forse l'unico specchio che l'umanità ha per guardarsi» - Jessica Chia, La Lettura

“Alan Pauls è la cosa migliore che poteva succedere alla letteratura argentina dopo Manuel Puig.” - Ricardo Piglia

«Scopre molto presto che niente gli interessa più di leggere. Legge tutto quello che può, tutto quello che trova. Legge anche quello che non capisce» Così si apre Trance, il libro che Alan Pauls dedica alla lettura.
Affidandosi alla terza persona, l’autore gioca con i generi creando un glossario – sull’esempio di Roland Barthes in Frammenti di un discorso amoroso – che è al tempo stesso di spunto romanzesco: la storia di una passione compulsiva, ostinata, smisurata. Per il narratore, leggere non è che un vizio, una pratica militante della quale non può fare a meno: a tutti gli effetti una dipendenza. Ogni voce del glossario ci svela, in ordine alfabetico-sentimentale, una delle tante manie del lettore protagonista, o uno scrittore che gli sta particolarmente a cuore, o un libro che ha segnato irrimediabilmente il suo percorso: da Proust, a Bolaño, allo strutturalismo; dalla meraviglia di far innamorare una ragazza leggendole qualche pagina, alla passione per i viaggi in aereo dove – confinato per ore in uno spazio microscopico – l’autore trova il suo habitat naturale per dedicarsi alla lettura. Senza rinunciare a una prosa raffinata e avvolgente, in questo libro Alan Pauls ci appare non solo in veste di scrittore, ma come un lettore in stato di trance che trova nella scrittura l’occasione di continuare a leggere per sempre.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Sur
2019
9 maggio 2019
136 p., Brossura
9788869981630

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
CPACCK
Recensioni: 4/5

Divertente saggio sulle caratteristiche del lettore, compulsivo, onnivoro, viste da uno scrittore. Analisi interessanti, a volte curiose e divertenti delle tipologie di lettori, dove non è difficile trovare similitudini con se stessi, come lettore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Capita a volte, passando casualmente davanti ad uno specchio, di indugiare sul nostro riflesso, come fosse quello di uno sconosciuto sul conto del quale l’incontro fortuito può svelare dettagli ancora ignoti. Quando la lettura diventa una passione totalizzante al punto che, non solo ci definiscono in base a essa gli amici, ma noi per primi ci etichettiamo con l’identificativo di lettore, accade pressappoco la stessa cosa con i libri. Succede cioè, che se nel bel mezzo di un romanzo compaiano, inaspettate, righe dedicate a questa figura, ci tuffiamo a capofitto con quel sentimento di curiosità descritto sopra. Così fu, ad esempio, con Panorama di Tommaso Pincio; le sorti del suo protagonista-lettore, Ottavio Tondi, data la completa immedesimazione, mi tennero con il fiato sospeso come di fronte al racconto della mia stessa vita.

Altre volte invece gli specchi ce li andiamo a cercare: abbiamo bisogno di un contatto visivo con noi stessi per rassicurarci che tutto sia in ordine.

Se un libro, addirittura nel sottotitolo, spudoratamente, si autoproclama Autobiografia di un lettore, allora non ci sono alternative se non quella di soggiacere impotenti al suo richiamo. La speranza è che le pagine ci rimandino, come fossero pozze d’acqua in cui Narciso trovava rassicurazioni della propria bellezza, conferme corroboranti per la nostra autostima. Ogni singola sfumatura della passione condivisa con il protagonista, sia essa vezzo o prassi, perfino inciampo, non solo smantella la tesi di chi ci reputa stravaganti, al limite dell’invasato, poiché prova l’esistenza di altri della nostra specie, in più ci inorgoglisce, anzi ci galvanizza, considerata la caratura di quel nostro doppio, che è un affermato scrittore.

Trance. Autobiografia di un lettore (136 pagine, 12 euro) è l’ultimo libro di Alan Pauls, uno dei più apprezzati autori argentini contemporanei (qui l’articolo sul suo Il passato). Lo ha pubblicato in Italia Sur, tradotto da Gina Maneri.

Diviso per voci che – come precisato – seguono l’ordine alfabetico del testo in lingua originale per rispettarne la logica interna, conta solo poco più di cento pagine eppure non è affatto uno specchiettino per le allodole. È una superficie bella ampia capace di rifletterci con estrema nitidezza mentre siamo nella «posa di lettore».

Trance di Pauls può essere letto con diverse modalità. Ottimo come compagno di viaggio. Vi intratterrà quel paio d’ore, stravincendo in quando ad attrazione, sul paesaggio fuori dal finestrino, del quale scorre molto più agevole e veloce, tanto che, anche nel caso in cui sediate su un treno ad alta velocità, vi sembrerà che il tragitto non sia durato niente. Parimenti sarà partner egregio in una delle programmate sessioni di lettura domestica “«ve il tempo vostro primo. E di voi si spende la miglior parte». Là, al contrario, dilaterà le ore, quindi il piacere, inducendovi a continue pause meditative, parentesi di rilettura, interruzioni per sottolineare quanto vorreste mandare a memoria.

Vi regalerà, in ogni caso, sorrisi e sonore risate come capita le volte in cui ci cogliamo in un atteggiamento buffo.

Alan Pauls ha scritto un libro colto, acuto, vivace e sincero. Un bocconcino ghiotto per i famelici e goderecci lettori che non disdegnino né una riflessone seriosa, né una genuina sghignazzata alle proprie spalle, generate ambedue dallo spiarsi nell’atto di consumare, irriducibili, la loro perversione.

Recensione di Antonietta Molvetti

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Alan Pauls

1959, Buenos Aires

Alan Pauls è nato a Buenos Aires nel 1959. È uno dei più importanti autori argentini contemporanei.Ha ottenuto fama internazionale con il suo quarto romanzo, Il passato, che racconta le molestie subite da un uomo da parte della donna innamorata di lui. Vincitore del Premio Herralde 2003, ha conosciuto una trasposizione cinematografica per mano di Hector Babenco nel 2007. Come critico ha scritto di Borges, Puig, Arlt e Mansilla. Ha insegnato teoria letteraria all'Università di Buenos Aires e ha lavorato come giornalista al supplemento culturale «Pagina 12».I suoi romanzi, saggi e racconti sono stati tradotti in molte lingue. Nel 2004 ha ricevuto il Premio Konex - Diploma al merito. Fra i suoi libri tradotti in italiano ricordiamo - oltre...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore