-15%
Tre camerati - Erich Maria Remarque - copertina

Tre camerati

Erich Maria Remarque

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Chiara Ujka
Editore: Neri Pozza
Collana: Biblioteca
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 26 settembre 2013
Pagine: 476 p., Brossura
  • EAN: 9788854507050
Salvato in 30 liste dei desideri

€ 12,75

€ 15,00
(-15%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Tre camerati

Erich Maria Remarque

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Tre camerati

Erich Maria Remarque

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Tre camerati

Erich Maria Remarque

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 15,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel 1923 Robert Lohkamp guadagnava duecento miliardi di marchi al mese. Faceva l'addetto alla pubblicità di una fabbrica tedesca di articoli di gomma. Veniva pagato due volte al giorno e si precipitava continuamente nei negozi a comperare qualcosa prima che il marco valesse la metà. La vita movimentata al tempo della grande inflazione. Dopo un impiego alle ferrovie in Turingia e un lavoretto come pianista al Café International, alla fine degli anni Venti Robert Lohkamp non può, tuttavia, dire di passarsela male. Lavora alla "Koster & Co.", l'officina meccanica aperta in una vecchia baracca da Otto Koster e Gottfried Lenz, i commilitoni con cui ha condiviso gli orrori della Grande Guerra. Koster, il comandante della compagnia, ha fatto il pilota d'aviazione, si è dato alle gare automobilistiche, ha frequentato qualche corso all'università prima di votarsi a quello cui è da sempre destinato: riparare automobili. Lenz invece ha girovagato qualche annetto per l'America del Sud, poi è tornato all'ovile o, meglio, alla turbolenta vita tedesca della fine degli anni Venti. Il lavoro all'officina è duro ma Lohkamp, Koster e Lenz sono ancora giovani, sani e forti. Certo di sera riaffiorano le immagini del passato coi loro occhi di morte, ma a quello come antidoto c'è l'acquavite. O, come accade da un po' di tempo a questa parte per Robert Lohkamp, c'è Patrice Hollmann. È apparsa un giorno al seguito di un eccentrico industriale, il proprietario di una fabbrica di cappotti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 8
5
5
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Matteo

    11/03/2019 19:44:50

    Ultimo romanzo della trilogia dedicata alla prima guerra mondiale (il primo, Niente di nuovo sul fronte occidentale, è un capolavoro assoluto e si svolge al fronte, il secondo, La via del ritorno, è una grande opera che parla del ritorno a casa dei reduci e del loro difficile reinserimento), Tre camerati si svolge in un’epoca già lontana dagli anni del conflitto, all’incirca alla fine degli anni ‘20, un periodo turbolento e di grande crisi per la Germania, in cui cominciano a prendere sempre più piede i nazisti. L’inflazione è spaventosa, la disoccupazione cresce quasi in modo esponenziale, e poi ci sono i disordini quotidiani, alimentati soprattutto dai seguaci di un ometto dall’apparenza insignificante, un reduce pure lui, pittore fallito, che di nome fa Adolf Hitler. In questo contesto tre amici, scampati alla guerra sul fronte occidentale, riescono a campare con la gestione di un’autofficina; a prima vista sembra un trio felice, di compagni bevitori e pronti agli scherzi, ma sotto sotto si scopre che indossano una maschera di cinismo, per cercare di nascondere, nell’impossibilità di cancellarli, i segni lasciati dalla terribile esperienza in guerra. Si chiamano Otto, Goffredo e Roberto, Roby per gli amici, e quest’ultimo finisce con il diventare il protagonista principale. Solo, senza un’idea del futuro, conosce casualmente una ragazza e il suo mondo di grigiore e di cinismo si rischiara di una nuova luce. Quell’amore ricambiato infonde in Roby fiducia nella vita, gli prospetta quel futuro che nemmeno si sarebbe sognato, ma se l’amore è qualcosa per cui si può vivere, tanto più lancinante è perdere la persona amata. E’ forse dei tre il romanzo più disperato, perché non c’è di peggio che trovare un’ancora di salvezza, uno sbocco concreto alla propria esistenza, e poi vedere sfumare tutto.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    25/09/2018 08:00:24

    Tre camerati si svolge in un’epoca già lontana dagli anni del conflitto, all’incirca alla fine degli anni ‘20, un periodo turbolento e di grande crisi per la Germania, in cui cominciano a prendere sempre più piede i nazisti. L’inflazione è spaventosa, la disoccupazione cresce quasi in modo esponenziale, e poi ci sono i disordini quotidiani, alimentati soprattutto dai seguaci di un ometto dall’apparenza insignificante, un reduce pure lui, pittore fallito, che di nome fa Adolf Hitler. In questo contesto tre amici, scampati alla guerra sul fronte occidentale, riescono a campare con la gestione di un’autofficina; a prima vista sembra un trio felice, di compagni bevitori e pronti agli scherzi, ma sotto sotto si scopre che indossano una maschera di cinismo, per cercare di nascondere, nell’impossibilità di cancellarli, i segni lasciati dalla terribile esperienza in guerra. Si chiamano Otto, Goffredo e Roberto, Roby per gli amici, e quest’ultimo finisce con il diventare il protagonista principale. Solo, senza un’idea del futuro, conosce casualmente una ragazza e il suo mondo di grigiore e di cinismo si rischiara di una nuova luce. Quell’amore ricambiato infonde in Roby fiducia nella vita, gli prospetta quel futuro che nemmeno si sarebbe sognato, ma se l’amore è qualcosa per cui si può vivere, tanto più lancinante è perdere la persona amata. E’ forse dei tre il romanzo più disperato, perché non c’è di peggio che trovare un’ancora di salvezza, uno sbocco concreto alla propria esistenza, e poi vedere sfumare tutto. Bello è bello, non ci piove, ma, sempre secondo me, non raggiunge l’elevata valutazione dei primi due della trilogia. Forse i tempi diversi, l’omologazione ormai definitiva dell’orrore del grande conflitto hanno inciso sulla creatività dell’autore, del resto ormai proteso a rappresentare, in un secondo ciclo di opere, l’immane tragedia del periodo nazista, con la nuova guerra mondiale e le atrocità dell’olocausto.

  • User Icon

    Fabio

    22/09/2018 17:35:56

    Tre camerati è un capolavoro. Un libro meraviglioso, come è meravigliosa la storia d'amore narrata, quella tra Path e Robert. Remarque scrive magistralmente e ci catapulta in una Germania, quella tra prima e seconda guerra mondiale, facendoci vivere le vicende di quella generazione, quella che ha perso tutto, uscita sconfitta anche moralmente dalla prima guerra mondiale e che non sa ancora delle atrocità che l'aspetteranno con l'ascesa del Terzo Reich; anche se inizia a vederne i prodromi. L'autore ci racconta la storia di Robert e dei suoi due amici oltre che ex camerati accompagnati da personaggi secondari immensi ed intensamente caratterizzati.

  • User Icon

    Martina

    17/09/2018 22:42:44

    A differenza dei precedenti romanzi dell’autore tedesco, “Tre camerati” non ci parla direttamente di guerra, ma piuttosto narra per la prima volta una storia d’amore, quella tra Robby e Patrice Hollman, giovane ragazza appartenente alla vecchia alta borghesia; l’incontro con Pat cambierà l’esistenza dei tre amici e della stessa, andando ad annullare la solitudine che cercavano di ignorare con corse sfrenate e sbronze folli. Robby, Otto e Goffried prendono per la prima volta coscienza di cosa sia l’altruismo, il dover aiutare una persona oltre ciò che il proprio ego richiede e necessita. Un sentimento così puro, semplice e pure così difficile da trovare viene contrapposto da Remarque, in questo romanzo, all’ideologia nazista che stava dilagando in quegli anni già estremamente difficili e contro la quale i protagonisti subiranno perdite da non sottovalutare. Inoltre, attraverso Robby, il più sensibile dei tre, l’autore ci mostra come sentimenti come l’amore e la dolcezza sono duri a morire, nonostante la vita in trincea abbia annientato molti corpi e molte anime, nonostante ci avesse già precedentemente mostrato come fosse difficile riprendere la redini della propria esistenza e trovare qualcosa a cui aggrapparsi per resistere; alla durezza e le difficoltà dei primi due romanzi Remarque contrappone un amore che scalda il lettore e lo commuove.

  • User Icon

    Lorso57

    26/09/2015 12:37:45

    Le vicende di tre amici, ex soldati, nella Germania degli anni Venti, dopo i drammi vissuti insieme nella Prima Guerra Mondiale. La narrazione è impeccabile e descrive le bevute, gli amori, la ricerca affannosa di un affare per guadagnarsi la giornata. I personaggi appaiono cinici e malinconici, praticamente senza speranza dopo la tragedia della guerra. Il sentimento di amicizia che tiene insieme i tre protagonisti è però forte e positivo e dà un senso alle loro vite anche se non potrà evitare un finale drammatico. Consigliato.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    20/01/2015 19:14:38

    Quando in una storia si fondono la maestria narrativa, la tela di una scrittura maneggiata con sapienza rara, e uno sfondo importante, una storia umana e sociale come poche altre nel ventre del secolo, siamo davvero nelle brezze a favore di qualcosa di perfetto. Romanzo sul tempo: quello degli affetti eterni che l'amicizia sigla con continue conferme fedeli quasi in ogni rigo; quello del tornare a vivere dopo una guerra che ha sparso sangue su ogni zolla, quello del mettere in piedi uno straccio di realtà credibile, un lavoro, sul suolo dei vivi che debbono pur ripartire. Ma anche romanzo contro il tempo: quello di una malattia inarrestabile che strazia senza clemenze le promesse di un amore, quello di un legame altissimo fra tre spiriti che i rancori vivi e certe pendenze ancora calde purtroppo frantumeranno, quello di una speranza in un domani più roseo che puntualmente andrà a urtare e a smarrirsi in altri giorni feriti. Il destino esiste, ci dice Remarque, e ha il volto glabro di una risata amara.

  • User Icon

    zombie49

    03/06/2014 17:28:05

    Tre ex commilitoni gestiscono un'autofficina nella Germania degli anni '30. Il protagonista si innamora di una ragazza, ma lei è ammalata di tubercolosi. Sullo sfondo dei moti politici di quegli anni, la difficile lotta contro la povertà, la disoccupazione, i problemi economici. Romanzo dissacrante, disincantato, eppure romantico, ancora attualissimo, sulla mancanza di significato della vita, opera di un dio folle che ha creato x divertirsi la vita e la morte, dove solo le piccole cose hanno valore, una mangiata con gli amici, una bevuta, una sera con una ragazza x vivere un attimo di felicità. Qui, come nelle altre sue opere, Remarque crede in tre soli sentimenti: l'amicizia nata nelle trincee e che dura tutta la vita, la vendetta come dovere x dare un senso al male, commesso e subìto, che travalica ogni altra cosa, l'amore meraviglioso ed effimero. Oggi quasi introvabili, nei libri di Remarque trovo espresso il mio modo di sentire, ora come quando li ho letti nell'adolescenza e nella giovinezza.

  • User Icon

    silvia

    08/10/2013 16:01:19

    Davvero un bel libro questo "Tre camerati"! E' un romanzo attuale, anche se ambientato negli anni '20 del secolo scorso, in cui si ritrovano situazioni e stati d'animo dei nostri, tristi, giorni. Ci sono passaggi relativi alla politica di allora che potrebbero stare sulla pagina di un quotidiano di domani mattina. Terribile! La prosa è elegante e raffinata. Dietro ai tre protagonisti e all'amata Pat, emergono tanti personaggi descritti in modo sapiente, a tutto tondo, con pennellate da maestro.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Erich Maria Remarque Cover

    Scrittore tedesco. Combattente nella prima guerra mondiale, fu più volte ferito. Giornalista a Berlino, lasciò la Germania all’avvento del nazismo e nel 1939 si stabilì a New York, dove prese la cittadinanza americana. Raggiunse un vasto successo con il romanzo Niente di nuovo sul fronte occidentale (Im Westen nichts Neues, 1929), radicale condanna della guerra e amara analisi delle sue spaventose distruzioni materiali e spirituali. Seguirono, sempre ispirati a ideali pacifisti e di solidarietà umana, Tre camerati (Drei Kameraden, 1938), Ama il prossimo tuo (Liebe deinen Nächsten, 1941), Arco di trionfo (Arc de Triomphe, 1947), Tempo di vivere, tempo di morire (Zeit zu leben und Zeit zu sterben, 1954), La notte di Lisbona (Die Nacht von Lissabon, 1963)... Approfondisci
Note legali